Manuale d'azione per la felicità
La felicità delle persone dovrebbe diventare il nuovo centro del pensiero e della pianificazione per una politica migliore Mission Future . La sola parola felicità ha un suono magico e tocca le nostre anime. Tutti vogliamo essere felici. Ampie fasce della classe media hanno detto addio allo Stato e votano per i nuovi salvatori e i loro partiti radicali o si astengono del tutto dal votare alle elezioni. Un chiaro segnale di infelicità e disillusione nei confronti della politica ufficiale. Una nuova politica della felicità serve a molte persone. Porta armonia allo Stato e contiene i radicali, salvando le nostre fragili democrazie. I cittadini felici non iniziano le rivoluzioni. La felicità delle persone è un parametro altamente politico (come un termometro) e l'obiettivo d'oro della buona politica. Una moderna politica della felicità deve essere pianificata, curata e mantenuta come un buon giardino. Descriviamo come.

Il nostro Mission Future AI

I. Missione

Mission Future AI vi offre soluzioni best practice di livello mondiale:

  • Per una politica migliore che si concentri su azioni creative.
  • Filtrati dalla nostra IA curata dall'uomo.
  • Selezionati oggettivamente dalla nostra rete globale di campioni d'oro.
  • Basato su umanità, creatività ed efficacia.
  • Non guidato dall'ideologia, non di destra o di sinistra, ma indipendente, aperto e orientato al futuro.
  • Promuovere una realpolitik pragmatica con cuore e mente.

Seguiamo i motti di grandi menti, come

Albert Einstein, che è il nostro modello e simbolo di umanità, creatività e intelletto per Mission Future.

Ha detto:

"L'immaginazione è più importante della conoscenza".

"Non possiamo risolvere i problemi del mondo allo stesso livello di pensiero con cui li abbiamo creati".

"Il mondo non sarà distrutto da coloro che fanno il male, ma da coloro che li guardano senza fare nulla".

"La definizione di follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi".

Steve Jobs ci ha dato questo consiglio:

"Il modo migliore per creare valore nel 21° secolo è collegare la creatività alla tecnologia".

Nelson Mandela ha chiesto:

"Che le vostre scelte riflettano le vostre speranze, non le vostre paure".

Elon Musk ha detto ai suoi dipendenti:

"Non venite da me con i problemi, venite da me con le soluzioni".

Mukesh Ambani ha chiesto a Mumbai:

"Sogna in grande e concentrati sull'obiettivo e supererai tutti gli ostacoli. Puntate a essere i migliori, non solo in India, ma anche nel mondo".

Oprah Winfrey ha detto:

"Lasciate che l'eccellenza sia il vostro marchio".

I membri del nostro team sono motivati da un'instancabile ricerca dell'eccezionale e delle migliori soluzioni a livello globale.

Integriamo le saggezze eterne di grandi pensatori globali, come Confucio, Epitteto, Kant o Nietzsche.

Creatività ed eccellenza sono le chiavi d'oro del successo della politica del futuro.

Con una politica di riforma globale all'avanguardia , rafforziamo le nostre fragili democrazie e rendiamo il mondo un posto migliore. Con più umanità, tra cui libertà e tolleranza, prosperità, felicità e armonia.

II. Come lavoriamo

Mission Future combina il nostro motore di ricerca AI Mission Future , unico nel suo genere, controllato e curato dall'uomo, con la nostra rete internazionale di massimi esperti.

Entrambi filtrano le pepite d'oro selezionate a mano . Da centinaia di fonti e studi, giorno per giorno.

Il risultato è una selezione unica e facilmente digeribile delle migliori idee e proposte d'azione del mondo. Semplicemente il meglio.

Qui non presentiamo le nostre opinioni soggettive, ma le soluzioni oggettivamente migliori dei campioni del Golden Global. Filtrate con l'aiuto dell'intelligenza artificiale. Curate umanamente dai nostri esperti di livello mondiale. Controllati e aggiornati quotidianamente.

III. Cosa si ottiene

  • Vi forniamo un pacchetto iniziale di soluzioni di best practice su temi importanti della politica.
  • Con suggerimenti concreti per le azioni e un primo masterplan.
  • Anche la creatività.
  • Mission Future vi presenta i Campioni d'oro globali come best practice da cui imparare.
  • Concentrati sull'essenziale, le migliori azioni per migliorare con il cuore e la mente.
  • Semplice e pronto all'uso.
  • I nostri manuali d'azione innovativi vi mettono al corrente delle migliori pratiche globali e vi aiutano a fornire soluzioni all'avanguardia, creative e collaudate.
  • Aggiornato con l'intelligenza artificiale per trovare le soluzioni migliori per voi a livello globale e analizzare diversi modelli giorno per giorno.
  • In combinazione con incontri Zoom e scambio di idee fresche nella nostra rete professionale esclusiva.
  • Incluso un elenco delle principali organizzazioni e reti per saperne di più.
  • Traduzioni superveloci in 4 lingue diverse (inglese, tedesco, spagnolo, francese)

IV. Perché meglio?

  • Pronti all'uso senza indugio oggi stesso. Potete utilizzare la nostra banca dati all'avanguardia a livello mondiale senza dover fare lunghe ricerche.
  • Il tempo è denaro. Noi abbiamo il know-how - voi avete bisogno di molti dipendenti e di mesi per raggiungere semplicemente il meglio. Siamo anche più veloci e più economici.
  • Noi siamo sempre aggiornati - e voi? Oggi avete sviluppato un buon piano con grande impegno, ma domani potrebbe essere obsoleto?
  • Annegate nell'oceano infinito di informazioni e di opinioni e pareri diversi. Noi vi aiutiamo. Ordiniamo, valutiamo. Creiamo un'essenza, i nostri Manuali d'azione. Compresi i Campioni globali. In argomenti importanti e selezionati. I nostri massimi esperti sono in grado di distinguere il buono dal cattivo, l'inefficace dall'efficace a livello globale. E voi?
  • Questo strumento innovativo vi mette al corrente delle migliori pratiche globali e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.
  • Le nostre eccellenti best practice globali si sono dimostrate nella realtà. Di conseguenza, sono generalmente molto più efficaci e spesso più convenienti delle soluzioni fatte in casa.
  • Riuscirete a gestire i vostri compiti con il vostro team in modo più rapido, economico, efficace e completo.
  • I nostri manuali d'azione sono un'ispirazione, un incoraggiamento e una facilitazione per il vostro importante lavoro per la società.
  • Vi rendono più forti e migliori.
  • Potete rendere la vostra casa un posto migliore. Utilizzando questo piano regolatore, con decisione, energia e fiducia. Non aspettate, agite ora.
  • Ci piace anche il tuo contributo. Diventa tu stesso un campione globale.

V. Pagate la nostra ricerca, l'aggiornamento e il funzionamento

  • Pagherete molto meno che se lo faceste da soli. Con soli 199 euro al mese per un Manuale d'Azione sarete in cima al mondo dei Campioni d'Oro.
    Compresi gli aggiornamenti e le newsletter esclusive, gli incontri Zoom e le tavole rotonde per le discussioni.

I vostri pagamenti ci permettono di ricercare, aggiornare e gestire Mission Future AI a vostro vantaggio.

VI. Unisciti!

  • Volete provarci gratuitamente per un mese? La nostra offerta VIP per esperti, giornalisti e politici. Contattateci direttamente via e-mail all'indirizzo [email protected]

1 - SFIDE

È sempre la stessa storia: Guardando indietro alla Rivoluzione francese, alla caduta dello zar in Russia o all'ascesa al potere dei nazisti in Germania. La gente era molto insoddisfatta di chi era al potere. Erano infelici, delusi, frustrati, senza speranza, arrabbiati. L'odio verso i potenti ribolliva dentro di loro. Nuovi ideologi nazionali, rossi e marroni emersero come salvatori. Che hanno rapidamente identificato i principali colpevoli. Infiammarono l'odio verso di loro. Promisero una nuova grande felicità con discorsi infuocati. Ma tutto finì nella dittatura dei nuovi leader, nel sangue, negli omicidi e nella miseria, persino nelle guerre. Una grande illusione. Una nuova delusione. Il tradimento del popolo. Un'altra disgrazia sotto nuove spoglie ideologiche. Brillantemente descritto da George Orwell nel suo romanzo "Lafattoria degli animali".

Perché questo meccanismo dovrebbe essere diverso oggi?

Insoddisfazione e radicalizzazione sono due facce della stessa medaglia. Sono tubi comunicanti.

In un certo senso, dobbiamo conviverci, perché non tutti sono soddisfatti. Ma se la somma delle insoddisfazioni o la profondità delle delusioni diventa troppo grande e dura troppo a lungo, la fiducia nello Stato e nei suoi politici si erode.

Questa insoddisfazione più profonda è il terreno fertile per i seduttori estremisti. Chiunque voglia salvare le nostre democrazie dalla morsa velenosa degli estremisti e voglia salvare le nostre democrazie da loro deve quindi soddisfare i cittadini.

Si può prosciugare la palude solo prosciugandola. Non insultando gli elettori o vietando i partiti radicali impopolari. Bisogna eliminare l'acqua in eccesso, le cause.

Nel 1934, il sociologo americano Theodore Fred Abel (con l'approvazione del Ministro della Propaganda del Reich Goebbels) indagò sulle ragioni dell'ascesa dei fascisti nella Repubblica di Weimar. 600 membri del partito NSDAP hanno risposto. Gli originali sono conservati all'Università di Stanford. Ne è nato il libro "Perché Hitler è salito al potere".

Perché la gente comune si unì ai nazisti? Queste affermazioni sono state ripetute come le motivazioni principali:

"L'orgoglio nazionale appannato, dopo la perdita della Prima guerra mondiale, la leggenda della pugnalata alle spalle e l'ingiusto Trattato di Weimar. Paura del declino sociale, a causa della disoccupazione e dell'iperinflazione. Paura degli stranieri nel Paese. Desiderio di pace, calma e cameratismo. Sfiducia nei confronti dei partiti democratici esistenti e della stampa. La sensazione di essere trattati come bestiame da voto, di essere sminuiti, emarginati e derisi".

Vi suona familiare?

Una democrazia sana ha bisogno di una politica della felicità chiara e attiva.

Se il popolo non è felice in una democrazia, si orienterà verso un leader autoritario e partiti radicali con sogni di salvezza. Questa tendenza e la forte polarizzazione si possono osservare in tutte le democrazie di oggi.

Eppure, nella politica moderna si dà troppo poca importanza all'insoddisfazione, alla frustrazione e alla felicità. Eppure è proprio qui che si annida il potenziale di collasso delle democrazie. I demagoghi moderni utilizzano questa fonte per la loro ascesa. È il loro elisir di lunga vita, la loro opportunità di conquistare il potere. Inoltre, troppi sono rassegnati e il 20-30% non vota più. Manca loro un'anima ispiratrice, una visione del futuro, la ricerca della felicità come missione centrale della loro nazione.

Non importa quanto il politico o il partito al potere pensino personalmente che le loro politiche siano buone, ma piuttosto come vengono accolte dalla gente. Con grande ingenuità, molti politici credono che tutto ciò che devono fare sia "spiegare meglio le loro politiche, perché la gente non le capisce bene". Questo può essere vero, ma non è sufficiente. Non si possono spiegare e vendere meglio le cattive politiche, si possono solo cambiare.

La politica deve affrontare l'insoddisfazione alla radice, non in superficie. Ciò significa prendere più seriamente le paure e le preoccupazioni dei cittadini, cercare il dialogo con loro, adattare le politiche in modo fluido e migliorarle regolarmente. Eliminare la rigida governance dall'alto verso il basso, sostituendola con una co-governance flessibile e fluida, con un maggiore rispetto per le persone. Con una nuova politica della felicità.

Nessuna ignoranza o arroganza del potere. Meno discorsi di propaganda. Più reattività, modestia e autocritica. Prendere sul serio le persone critiche e non solo i funzionari del proprio partito e delle proprie fazioni che la pensano allo stesso modo. Gentilezza umana e tolleranza. Dignità.

Basta con l'accanimento contro gli elettori "sbagliati" e l'esclusione dei critici, ma un dialogo molto più serio e onesto in politica e nei media. Perché il dialogo è la lingua madre dell'umanità. Ci aiuta a trasformare i nemici in avversari e gli avversari in nuovi amici. Come in un giardino democratico, la cura, la concimazione e l'irrigazione sono necessarie, ma troppo spesso vengono trascurate. Si tratta di coltivare il benessere interiore delle persone e la pace giorno per giorno.

L'armonia nella felicità delle persone ha bisogno di molte decisioni giuste. Richiede un'anima e una visione.

È una sintesi delle arti nella politica, come una rappresentazione all'opera. Non è solo un focus su un argomento di moda, ma una visione d'insieme. Una somma di molti fattori, desideri e paure. Un politico che dimentica questi aspetti è destinato a fallire.

La felicità richiede armonia, pluralismo, libertà, tolleranza e benessere, compresi posti di lavoro ben retribuiti, istruzione, assistenza sanitaria, alloggi e molto altro. Pertanto, una politica della felicità moderna ed efficace deve verificare le diverse richieste delle persone, prenderle molto sul serio ed essere in grado di avviare rapidamente dei miglioramenti.

Azioni coraggiose, invece di semplice retorica.

Una governance fluida con un senso di proporzione e armonia - già articolata da grandi filosofi come Confucio, Lao-Tse, Buddha o Aristotele.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

2 - FATTI E NUMERI

Dove vivono le persone più felici?

Cosa significa felicità?

Come possiamo misurarlo?

Di cosa hanno bisogno le persone per essere felici?

Cosa temono?

Finlandia, Danimarca, Islanda, Svezia, Israele, Paesi Bassi, Norvegia, Lussemburgo, Svizzera e Australia sono i 10 Paesi più felici secondo il World Happiness Report 2024.

Il 20 marzo si celebra ogni anno la Giornata internazionale della felicità, proclamata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite con la risoluzione 66/281 nel 2013.
Il 4 luglio 1776 "la ricerca della felicità" fu inclusa nella Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti d'America.

Imparate da Confucio, Lao-Tse, Buddha, Aristotele, Epicuro ed Epitteto.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

3 - MIGLIORI PRATICHE

Quali paesi promuovono una nuova politica per la felicità?

Cosa possiamo imparare da questi campioni della felicità?

Dove vivono le persone felici?

Bhutan

Un piccolo Paese dell'Himalaya sta guidando il dibattito globale su una politica per la felicità. Influenzato dall'antico insegnamento di Buddha.

 

Jigme Thinley, Primo Ministro del Bhutan, ha introdotto la risoluzione delle Nazioni Unite che ha portato al primo Rapporto Mondiale sulla Felicità nel 2011.

Il piccolo regno buddista del Bhutan, situato tra le montagne dell'Himalaya, ha integrato la spiritualità e la compassione nel lavoro del governo fin dalla sua fondazione nel 1907.

Dopo la sua incoronazione, avvenuta il 6 novembre 2008, il 5° Re Drago ha posto come obiettivo generale una società più giusta e armoniosa.

"Il nostro Paese appartiene a quella corrente di civiltà in cui lo scopo esplicito del governo è quello di creare condizioni in cui i cittadini possano perseguire la loro felicità.

Il Paese misura la felicità dei suoi cittadini in un regolare "Indice di Felicità Nazionale Lorda". Questo indice comprende nove misure della felicità delle persone:

  1. Standard di vita (reddito, sicurezza finanziaria, abitazione, patrimonio)
  2. Salute (fisica e mentale)
  3. Educazione (conoscenze, valori, competenze)
  4. Buon governo (come le persone percepiscono le funzioni del governo)
  5. Ecologia, diversità e resilienza (il modo in cui le persone percepiscono l'ambiente)
  6. Uso del tempo (quanto tempo per il lavoro, la libertà, il sonno, l'equilibrio tra lavoro e vita privata)
  7. Benessere psicologico (qualità della vita, soddisfazione)
  8. Diversità culturale (forza delle tradizioni culturali)
  9. Vitalità delle comunità (relazioni e interazioni, coesione sociale e volontariato)

Il Bhutan intende la "felicità" come soddisfazione in molti ambiti politici. Impegna il governo a condurre un'analisi ampia, indipendentemente dagli argomenti quotidiani. Inoltre, l'indicatore di felicità è un termometro clinico per l'insoddisfazione e i pericoli emergenti. I sondaggi d'opinione odierni "Quanto sei soddisfatto dell'operato del governo?" sono invece superficiali.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

4 - CAMPIONI GLOBALI D'ORO

★★★

Due piccoli Paesi fanno da rompighiaccio nell'affermare la felicità come obiettivo importante in politica: Il Bhutan e gli Emirati Arabi Uniti.

★★

I Paesi scandinavi offrono felicità attraverso il benessere sociale, governi stabili ed economie prospere negli ultimi sette decenni, bilanciando esigenze e realtà.

La Germania ha inventato il concetto superiore ed equilibrato di economia sociale di mercato nel 1949.

L'OCSE e l'UE hanno recentemente introdotto la felicità nelle loro analisi.

Bhutan ★★★

Questo piccolo Paese dell'Himalaya sta guidando il dibattito globale su una politica per la felicità. Influenzato dall'antico insegnamento del Buddha. Jigme Thinley, primo ministro del Bhutan, ha introdotto la risoluzione delle Nazioni Unite che ha portato al primo Rapporto mondiale sulla felicità nel 2011. Ha inventato il regolare "Indice di Felicità Nazionale Lorda" con nove misure della felicità delle persone.

Dal 2008, il 5° Re Drago sta formando una società più giusta e armoniosa.

 

EAU ★★★★

Nel 2016, gli Emirati Arabi Uniti (EAU) hanno nominato il primo Ministro di Stato per la Felicità a livello mondiale, Al Roumi. Il suo obiettivo è quello di formare attivamente un governo, un'amministrazione e una società con più felicità e pensiero positivo. Ha lanciato un Rapporto nazionale sulla felicità. In un "Misuratore della felicità", i cittadini con le faccine (sorriso, neutro, cattivo) possono indicare con le dita la loro soddisfazione nei confronti dei funzionari. Alunni, studenti e insegnanti iniziano i "100 giorni di pensiero positivo" una volta all'anno. Nelle scuole e nelle università ci sono "amministratori delegati per la felicità e la positività". Una volta all'anno il Ministro della Felicità presenta il Rapporto sulla Felicità Nazionale. In seguito, i rappresentanti di alto livello del governo e del parlamento devono deliberare su come migliorare al meglio la vita dei cittadini.

Finlandia, Danimarca, Islanda, Svezia, Israele, Paesi Bassi, Norvegia, Lussemburgo, Svizzera, Australia ★★★

I cinque felici Paesi scandinavi Finlandia, Danimarca, Islanda, Svezia e Norvegia sono caratterizzati da tutti questi fattori da otto decenni: un sistema democratico stabile. In Danimarca, Norvegia e Svezia anche con un re come figura di integrazione e unità nazionale. Ampia prosperità e buoni salari. Uno Stato sociale sostenibile, con una migrazione limitata negli ultimi tempi. Protezione dell'ambiente, libertà individuale in una grande natura e attraverso la massima tolleranza. Uguaglianza di genere. Coesione familiare. Uno stile di vita più modesto.

Germania, OCSE, UE ★

La Germania ha inventato l'innovativa Economia Sociale di Mercato nel 1949 come innovativa via di mezzo tra il socialismo e il capitalismo puro che bilancia gli interessi.

L'OCSE ("Together we creative politics for better lives") e l'UE invitano ora i governi degli Stati membri a porre le persone e il loro "benessere multidimensionale" al centro di un nuovo disegno di politica della felicità.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

5 - PIANO D'AZIONE

Come possiamo massimizzare la felicità dei cittadini?

Come possiamo ridurre il fascino dei salvatori radicali e stabilizzare le nostre democrazie?

Cosa bisogna fare?

Cosa fare?
1. Ministro della Felicità

Se un tema importante non è rappresentato al tavolo del governo da un ministro responsabile, si perde nella macchina politica. È stato così, ad esempio, fino alla nomina del primo Ministro dell'Ambiente nello Stato Libero di Baviera nel 1970 e nella Repubblica Federale Tedesca nel 1987. Ora tutti i 195 Stati hanno un ministro dell'Ambiente.

La felicità del maggior numero possibile di cittadini deve essere al centro di qualsiasi politica per una democrazia stabile. È il suo fondamento. Ecco perché questo tema, spesso trascurato, deve essere rappresentato nel Gabinetto da un nuovo Ministro della Felicità. Senza di essa, tutto è inutile.

2. Agenda della felicità nazionale

Il compito del ministro consiste nell'elaborare un'agenda nazionale sulla tolleranza con proposte concrete per tutti i settori, dal discorso politico ai media, fino alle scuole e alle università.

Include un calendario e un monitoraggio dei successi.

3. Relazione annuale sulla felicità

Il Rapporto sulla felicità nazionale viene presentato al Parlamento e al pubblico una volta all'anno, in occasione della Giornata internazionale della felicità, il 10 marzo.

Questo rapporto è un check-up annuale della felicità che evidenzia i progressi concreti, i punti deboli e i suggerimenti per il miglioramento.

Tre istituti di ricerca d'opinione segnalano le principali aree di insoddisfazione. L'indicatore di felicità è un termometro clinico dell'insoddisfazione e dei pericoli emergenti.

Il Parlamento discute il rapporto sulla felicità e invita gli esperti a partecipare a discussioni aperte durante le audizioni su come affrontare i principali temi dell'infelicità nel Paese.

4. Clausole di felicità nelle leggi

Ogni legge contiene queste clausole di bona fortuna , oltre alle cosiddette clausole di separabilità, da tempo consuete:

"Questa legge serve a promuovere la felicità dei cittadini. Deve quindi essere interpretata in modo favorevole ai cittadini. I reclami devono essere segnalati all'Ombudsman".

5. I cittadini valutano tutti i servizi governativi.

Lo Stato è al servizio dei cittadini. Tutti i servizi del governo sono valutati dai cittadini in visita con uno Smiley-system anonimo sul posto in ufficio e tramite e-mail di soddisfazione, che vengono restituite ai mentori della felicità nell'unità per il controllo.

6. Mentori per la felicità

Ogni ministero e amministrazione, così come ogni scuola e università, nominerà un Ombudsman per la felicità. Questa persona è il punto di contatto per i cittadini e controlla il rispetto dell'Agenda della Felicità Nazionale da parte dello Stato e dei suoi organi. Gli Emirati Arabi Uniti hanno installato i Mentori della Felicità.

7. Mentori della felicità sociale

I modelli di felicità in Scandinavia dimostrano chiaramente che un'offerta sociale di base per i cittadini è imperativa per la loro felicità.

La giustizia sociale comprende la solidarietà e l'aiuto per le cose essenziali per una vita dignitosa, un reddito sufficiente attraverso l'assistenza sociale.

La maggior parte di coloro che ricevono i sussidi e le case popolari gratuite hanno un aspetto stanco, frustrato e impoverito. Nessun sorriso, poca gioia di vivere. Infelici. È questo il sociale? La politica sociale tradizionale non è più sufficiente, è ancora in stile anni '60 e non rende davvero felici i poveri.

Gli esseri umani non vivono solo di denaro. Hanno bisogno di conferme, di autorealizzazione, di pace interiore, di felicità personale. In questo ambito, i bisognosi sono lasciati in gran parte soli. Finora non esiste un concetto convincente su come rendere i bisognosi più felici. Questo dovrebbe diventare un compito centrale della nuova politica sociale 4.0 con un cuore grande. Va da sé che ognuno è artefice della propria felicità. Ma siamo onesti: nessuno ci ha mai aiutato nella valle delle lacrime? Il destino è spesso ingiusto. Come possiamo rendere felici i bisognosi?

I sistemi di assistenza sociale esistenti sono spesso non solo molto costosi, ma anche troppo burocratici, impersonali, non abbastanza personalizzati, sovraccarichi e quindi non abbastanza efficaci.

Cosa si può fare?

Abbiamo bisogno di un ripensamento creativo, con più umanità di cuore. Investire nel cuore e nell'anima dei poveri.

Per esempio, potremmo assegnare un mentore personale a ogni persona bisognosa. Come allenatore, potrebbe aiutarle a condurre una vita più significativa, sicura di sé e quindi più felice. Mentori della felicità.

A tal fine, dovremmo coinvolgere i pensionati del quartiere. Molti pensionati, in forma e qualificati, hanno bisogno di un nuovo scopo nella vita. Possono essere formati e impiegati come tutor della felicità. Potrebbero occuparsi di 10 persone, ad esempio. Riceverebbero un importo esente da imposte di 1.000 euro al mese, cioè 100 euro a persona. Ogni caso sociale risolto si traduce in un risparmio di entrate statali. Questo è anche l'unico modo per evitare il pericoloso ciclo di nuovi casi sociali in famiglie disastrate.

Questi mentori offrono contatti personali di lunga data per tutti i problemi. Non solo dieci minuti forniti dal personale delle autorità sociali. Coltivano contatti personali importanti per il benessere e la felicità delle persone. Prendono tempo, ascoltano e discutono con le persone in difficoltà. Lo Stato non può fornire questi servizi. Per questo motivo i mentori privati della felicità sono particolarmente efficaci.

Non si concentrano sul controllo e sulla pressione dei clienti, ma piuttosto sulla promozione della loro fiducia in se stessi, della loro dignità e della loro gioia di vivere. Con un piano di felicità elaborato per cinque anni. Come in un'azienda ben gestita, ci sono coach, seminari, incontri, unità motivazionali. Si creano piccoli gruppi di auto-aiuto e si dedica tempo alle discussioni. I mentori organizzano l'iscrizione a club, la partecipazione a eventi sportivi o a corsi presso centri di formazione per adulti.

I mentori della felicità aiutano ad affrontare la vita, non solo a sopravvivere. Offrono prospettive globali per una vita migliore e autodeterminata, in collaborazione con l'agenzia di collocamento, gli imprenditori, gli assistenti sociali, il comune, le chiese e le associazioni private. Rendono i bisognosi "adatti alla vita", più sicuri di sé, più responsabili e più felici. Questa sarebbe una buona e moderna politica sociale e della felicità.

I media digitali e l'intelligenza artificiale possono supportare programmi innovativi di assistenza sociale risparmiando tempo e denaro. I tutor sono collegati in rete digitale con le persone che assistono e con l'ufficio di assistenza sociale di livello superiore, in modo da rendere possibile un'assistenza verificabile e ottimale. Includere nuove attività come sport, visite a teatro o escursioni, ovvero una rete sociale fresca e attiva di contatti personali e incentivi per le attività.

In questo modo il costoso personale degli uffici di assistenza sociale può essere risparmiato e sostituito su larga scala da sistemi digitali e AI. Rimangono solo le funzioni principali. In questo modo si risparmiano milioni di euro e si ottiene una maggiore efficacia.

8. Concentrarsi sugli elementi fondamentali della felicità.

Grazie a dieci anni di ricerche del World Happiness Report e di varie organizzazioni, conosciamo i principali fattori di insoddisfazione e felicità. Dobbiamo prenderli molto più seriamente di prima. Solo così potremo creare cittadini felici nei nostri Paesi e stabilizzare le nostre democrazie.

Quali sono i fattori ricorrenti di felicità e infelicità?

Senza salute non c'è felicità

La salute fisica e mentale è essenziale per la felicità.

Lo sappiamo tutti, ma lo Stato?

Perché il dibattito sull'assicurazione sanitaria negli Stati Uniti rimane così "controverso", quando si tratta di una base per la felicità delle persone e la Costituzione degli Stati Uniti menziona addirittura la "ricerca della felicità" come compito politico?

Perché non c'è ancora un'educazione alla salute fisica e mentale nelle scuole, se è così importante?

Perché rendere facilmente disponibili droghe più dannose, promosse da un'ossessione politica progressista e libertaria? Si tratta di rendere le persone solo sballate, ma alla fine infelici?

 

Nel 2020 il 58% degli elettori ha approvato la depenalizzazione di piccole quantità di droghe pesanti come la cocaina, l'eroina e la metanfetamina, combinata con un programma di trattamento delle droghe finanziato dalle entrate fiscali derivanti dalla vendita della marijuana. (Oregon's Drug Addiction Treatment and Recovery Act, noto come Misura 110). Tre anni dopo il liberale New York Times la definì "Il disastro della depenalizzazione delle droghe pesanti". Molti speravano che il nuovo approccio avrebbe aiutato i tossicodipendenti e fatto diminuire il consumo. La realtà dice il contrario: molto più abuso e persone infelici.

 

Perché non puntare sulla prevenzione invece che su costose cure?

Abbiamo bisogno di una moderna politica della salute e della felicità che si concentri sulla massima prevenzione ed educazione. Non si tratta di un approccio di sinistra né di socialismo, ma di un importante servizio pubblico per una democrazia stabile.

La sicurezza pubblica fa parte di una politica sanitaria efficace. Pertanto, la prevenzione della criminalità è fondamentale, anche per ridurre il boom della vendita di droghe.

Senza buone relazioni umane (in famiglia, al lavoro e nella comunità) non c'è felicità.

Famiglia, amici, armonia. Questi antichi capisaldi della felicità personale esistono da migliaia di anni e fanno parte del nostro DNA emotivo umano.

Cosa significa questo per la politica?

La protezione della famiglia come nucleo della felicità è altamente politica. Non è una questione conservatrice o progressista, ma è eternamente importante. Lo Stato deve mantenere la libertà necessaria, compresa l'individualità. Meno Stato, più privacy.

Nella comunità e sul lavoro è necessario promuovere l 'armonia. Ciò include la fine della polarizzazione aggressiva o delle regole esagerate che impongono determinati comportamenti. Bisogna porre fine ai dogmi, alle linee guida ideologiche e alle restrizioni di qualsiasi tipo. Invece, celebrare una vita felice insieme ad altre persone.

Abbiamo bisogno di nuovi ministri e di un concetto per combattere la solitudine, che è un peso per molti anziani - con il Regno Unito che dà l'esempio.

Più tolleranza e un contenimento dell'intolleranza necessari per la felicità.

Nel nostro mondo di diversità, abbiamo bisogno di rispetto e di una politica di tolleranza verso altre religioni e gruppi etnici. Ma allo stesso tempo, dobbiamo contenere le opinioni intolleranti ed estremiste con una posizione di "nessuna tolleranza per l'intolleranza". Seguendo questa strada, possiamo produrre armonia e felicità per l'intera popolazione dei nostri Paesi.

Mission Future ha svolto un'intensa attività di ricerca su come riuscire in questo compito. Suggeriamo di istituire un Ministro per la Tolleranza con un'Agenda Nazionale per la Tolleranza. Un'iniziativa già realizzata con successo negli Emirati Arabi Uniti nel 2016.

Leggete qui il nostro Manuale d'azione sulla tolleranza con tutti i dettagli.

Senza sicurezza non c'è felicità

La più grande disgrazia è la guerra. Con migliaia di morti e feriti e una patria distrutta. La politica della felicità deve prevenire la guerra. Molti saggi ci pensano da secoli. Come dimostrano ancora una volta le ultime guerre in Ucraina e in Medio Oriente, solo un deterrente e una capacità di difesa credibili possono davvero prevenire la guerra. Nel Memorandum di Budapest con la Russia, l'Ucraina ha rinunciato alle sue armi nucleari nel 1994 in cambio di una garanzia di sicurezza. Ma questo accordo di controllo degli armamenti è stato semplicemente ignorato dal Presidente Putin per ben due volte, quando ha invaso l'Ucraina indirettamente nel 2014 (Crimea, Donbas) e con piena potenza militare il 24 febbraio 2022. Pertanto, una capacità di difesa sufficiente e un deterrente credibile sono le pietre miliari per la pace e la felicità dei cittadini. Senza di essi tutto si basa su una duna di sabbia.

La sicurezza comprende anche la massima protezione in casa contro l'uso criminale della forza. Ciò richiede un lavoro coerente da parte della polizia e dei tribunali, con tolleranza zero per l'intolleranza. Qui la sinistra deve abbandonare la sua sfiducia nella violenza di Stato e i liberali il loro dogma, spesso eccessivo, della protezione dei dati. Un massimo di sicurezza a casa è l'unico modo per proteggere la felicità dei cittadini e prevenire l'erosione della fiducia nello Stato.

Sicurezza interna, controllo delle frontiere e migrazione

Parte della sicurezza per la felicità è una politica efficace e umana per la sicurezza interna e il controllo delle frontiere.

Molti cittadini sono preoccupati per l'immigrazione irregolare dalle regioni in crisi. Essa favorisce il razzismo e l'estremismo in patria. Mission Future ha pubblicato uno studio completo sul tema della migrazione e propone una "Realpolitik Migration with Humanity" equilibrata nel nostro Manuale d'azione sulla migrazione. Tutti i dettagli qui.

Senza il reddito e l'occupazione forniti da un'economia in crescita, non c'è felicità.

La base di una vita felice non è solo l'assistenza sociale a basso livello, ma soprattutto posti di lavoro ben retribuiti per una vita migliore. In un contesto di concorrenza globale, entrambe le cose possono essere raggiunte solo con un'economia in crescita che fornisca entrate sufficienti per lo stato sociale e la popolazione.

Ma come?

Tutti i 50 modelli socialisti di economia pianificata di Stato che abbracciano due miliardi di persone, sperimentati nel corso di un secolo, sono falliti miseramente, finendo sempre in povertà e infelicità. Questo fatto può ferire i socialisti convinti, ma corrisponde ai risultati empirici di 106 anni, che vi piaccia o no.

In questo caso vale la frase di Albert Einstein: "La forma più pura di follia è permettere che tutto rimanga com'è e allo stesso tempo sperare che qualcosa cambi".

Ma anche i capitalisti puri devono affrontare delle delusioni. Anche il turbocapitalismo sfrenato e privo di responsabilità sociale porta sfortuna. Perché non può soddisfare i bisogni primari delle persone.

È quindi necessario un equilibrio armonioso. Questo è stato meglio descritto e attuato come economia sociale di mercato nella neonata Repubblica Federale Tedesca nel 1949, sotto il ministro dell'Economia e successivo cancelliere Ludwig Erhard. Nel suo famoso libro "Prosperità per tutti", egli chiedeva "una crescita economica costante, la stabilità dei prezzi e un alto livello di occupazione". Avvertiva che: "La prosperità deve essere guadagnata prima di poter essere distribuita. L'aumento della produttività è un prerequisito per la crescita economica".

Pertanto, la crescita economica è fondamentale per rendere felici i cittadini. Solo un'economia forte e competitiva a livello globale crea un numero sufficiente di posti di lavoro e buoni salari. Il sostegno politico alle imprese private non serve in primo luogo ai capitalisti, che sono sospetti a molti a sinistra, ma alla popolazione nel suo complesso e allo Stato sociale che guadagna più entrate fiscali.

L'economia è il motore della felicità. Una buona politica deve proteggere la libera impresa, l'innovazione e la crescita.

Ciò richiede anche l'armonizzazione dell'economia con la politica di decarbonizzazione, che non deve compromettere la crescita economica, la quale aumenta le entrate fiscali e la crescita dei salari.

 

Senza libertà non c'è felicità - stop alle ideologie

La nuova scienza della felicità e i sondaggi: Senza libertà tutto è inutile. L'umanità è il nostro cuore e la nostra anima. La libertà è il nostro ossigeno. La tolleranza è necessaria in una società diversificata. La felicità si basa su questi valori.

La parola magica per la felicità personale è diversità, ovvero rispetto per il diverso. Non un mondo e un tipo di persone, ma un mondo e miliardi di persone diverse. Non vogliamo essere semplici oggetti, ma cittadini autodeterminati che cercano di svilupparsi personalmente. Tutte le persone hanno gli stessi diritti umani inalienabili. Ma gli individui sono diversi e possiedono capacità e bisogni diversi.

Come abbiamo visto nel capitolo Fatti e numeri, in assenza di libertà i cittadini sono solo i burattini e gli oggetti dei governi e della loro nomenclatura ufficiale, per lo più borghese. Solo se non siamo oppressi da norme statali troppo rigide, possiamo coltivare la felicità. La libertà è la nostra aria politica da respirare, il nostro ossigeno per la ricerca individuale della felicità personale e dell'autorealizzazione. Senza che lo Stato sopprima la libertà di pensiero e di opinione. Libertà significa: poter essere se stessi senza Stato e senza punizioni. Senza libertà non c'è protezione dell'individualità e della diversità.

Ma la malvagità del DNA umano tende a sopravvalutarsi e a sfociare in egoismo, arroganza, paternalismo, ordini dittatoriali e restrizioni. Questo è l'elemento totalitario in tutti noi. Colpisce soprattutto gli intellettuali, che elaborano le rispettive ideologie. Ben intenzionato, ma in realtà l'opposto di ben fatto.

Chi vuole creare l'unità dalla diversità si oppone a questo ordine mondiale plurale di Dio e al suo desiderio di pluralismo di tutte le sue diverse creature sulla terra. Chi insiste sull'omogeneità e perseguita altre fedi, razze o minoranze commette un peccato contro il piano di costruzione della vita di Dio.

Qualsiasi prodotto artificiale di una dottrina di salvezza politica progettata dagli esseri umani uccide la felicità. È un veleno. La costruzione di uno Stato totalitario sulla terra, incentrato su un tipo uniforme di essere umano, contraddice il codice originale di Dio della creazione.

Tutte le ideologie totalitarie vecchie e nuove - che si tratti di socialismo, comunismo, nazionalismo, razzismo, islamismo o ribellione all'estinzione - vogliono invece forgiare esseri umani uniformi. Ma questa politica ristretta contraddice l'ordine divino di base della natura e dell'umanità. Queste ideologie impediscono la felicità individuale e quindi l'umanità e l'armonia.

I paraocchi ideologici e tutte le prigioni del pensiero limitano lo spazio di libertà e diventano un fine in sé per l'autoindulgenza politica. In definitiva, creano monopoli di potere che invitano all'abuso di potere. Inoltre, gli altri pensatori e le minoranze vengono considerati nemici dello Stato e alla fine eliminati. Il risultato inevitabile è una dittatura di pochi funzionari su tutti gli altri. Invece di un paradiso zuccheroso, prevale l'inferno in terra.

Di conseguenza, è imperativo un rifiuto generale di tutte le ideologie. Queste ideologie strangolano le libertà. La politica della felicità deve frenare tutti i seduttori totalitari.

Abbiamo bisogno di una politica di empatia, non di ideologia. Un cuore d'oro di umanità. Un cuore d'oro di umanità, con un'empatia per i sentimenti e i bisogni di tutti i cittadini e senza regole dittatoriali. Una vera democrazia popolare con un cuore, dove nessuno sia escluso, ostile o oppresso. Uno Stato al servizio con una mente efficace, in cui tutti possano vivere liberamente, bene e felicemente.

Chi predica il pregiudizio, l'odio e l'invidia nei confronti di altri gruppi attacca la diversità e sferra un attacco all'individualità e alla libertà. Tutti vogliamo vivere felici, ma tutti in modo diverso, preservando la diversità.

Per le diverse aspirazioni di oltre sette miliardi di esseri umani abbiamo bisogno di: Umanità con rispetto e libertà, un ambiente pulito per la sopravvivenza, una sicurezza efficace che protegga da dittatori aggressivi o criminali, un lavoro ben retribuito, salute, istruzione e alloggi a prezzi accessibili, per citare solo alcuni dei desideri. Per esempio, i cittadini non vogliono né la libertà né la sicurezza, né l'umanità né una limitazione della migrazione, ma in generale tutti i benefici allo stesso tempo.

Una buona politica generale deve quindi tenere sempre d'occhio tutte le esigenze e non trascurare mai le preoccupazioni individuali. Purtroppo questo accade troppo spesso.

Le nostre democrazie hanno un'estrema tendenza alla mera gestione delle crisi e all'isteria. I politici scelgono spesso approcci a breve termine, senza un piano a lungo termine. Le posizioni estreme sono attratte, fomentate e amplificate dai media come falene alla fiamma. Improvvisamente un argomento domina l'intero ciclo di notizie. Poi il resto viene trascurato. Ignorato e abbandonato dalla politica. Tuttavia, le preoccupazioni della maggioranza silenziosa sono molto importanti. Ignorare i suoi bisogni e interessi tende a contraddire il requisito costituzionale democratico di concentrarsi sul bene comune.

Questo è destinato a fallire. Dobbiamo cambiarlo. La politica deve essere di ampio respiro. Una buona politica orientata al futuro deve soddisfare contemporaneamente e in modo equilibrato tutti i bisogni: libertà, sicurezza, lavoro, umanità e molto altro. È quindi sbagliato dare priorità assoluta a una questione e ignorare gli altri importanti bisogni fondamentali. Dobbiamo abbandonare il pensiero monotematico, perché non corrisponde alle necessità politiche ed è quindi destinato a fallire.

Di conseguenza, tutto il potere proviene dal popolo, dal basso verso l'alto. Sono i cittadini a costituire lo Stato. La politica deve essere al servizio dei cittadini.

Oggi queste intuizioni si stanno dissolvendo nel dibattito politico. Le ideologie totalitarie di riscatto e i modelli populisti di governo stanno mettendo sotto pressione il pluralismo democratico. Con l'avvertimento "Non si deve!", molti politici vogliono limitare le nostre libertà fino a un certo punto, attaccando così il nucleo dell'autonomia individuale.

L'essenza del potere è governare ed espandere il proprio raggio d'azione. Questa è una legge naturale eterna. Anche lo Stato democratico tende a interferire nelle libertà residue dei cittadini. Spreme più soldi dalle loro tasche. Li asseconda. Ma questo contraddice l'idea di libertà e di ricerca della felicità personale. Libertà significa sempre il minor intervento possibile da parte dello Stato. Meno Stato - più spazio per le attività e le imprese private. Questo è un rifiuto delle ideologie di monopolio statale, dei modelli nazionalistici e autoritari. Lo Stato democratico deve limitarsi e rispettare i diritti dei cittadini alla loro privacy. Limitare l'intervento dello Stato a ciò che è necessario e proporzionato. Le limitazioni alla libertà di qualsiasi tipo, compresa l'espropriazione, sono ammissibili solo nei casi più estremi. I governi devono lasciare ai cittadini la massima libertà e un margine di sviluppo che consenta loro di vivere in modo indipendente e felice.

 

Il dialogo come lingua madre dell'umanità è necessario

 

In politica e nei social media domina l'esclusione anziché il dialogo. Il mazzuolo al posto del fioretto. L'altro non è più visto come un avversario con opinioni diverse, ma stilizzato come un nemico. Le persone vengono stigmatizzate. Questo è facile, rende felici alcuni "combattenti per il bene", ma è controproducente se sottoposto a un'analisi approfondita.

I dissidenti sono troppo spesso considerati nemici da contrastare con ogni mezzo, perché la buona causa giustifica presumibilmente la loro oppressione. Dovremmo unirci con politiche aperte, smettere di polarizzare. Abbiamo bisogno di democrazia e di rispetto per le altre opinioni. La pluralità di opinioni è il fulcro di una politica migliore.

I vari radicali nelle nostre democrazie stanno distruggendo il nucleo delle fondamenta dell'illuminismo, della libertà e della felicità individuale. C'è la minaccia di mini-dittatori politici che cercano di imporre la loro volontà su di noi, strangolando così la libertà e la felicità. La dignità umana è a rischio.

Alcuni radicali promuovono la cosiddetta "cultura dell'annullamento", punendo le persone che non seguono ciò che l'autoproclamata polizia morale "progressista" considera giusto o sbagliato. È questo democratico, giusto e a sostegno dell'armonia e della felicità?

La critica è legittima in una democrazia funzionante, ma contraddice l'idea democratica di base di diventare un mini-dittatore sugli altri. Perché questo è l'inizio della fine della democrazia.

Non abbiamo bisogno di meno, ma di più dialogo. Il dialogo è la lingua madre dell'umanità. Ci aiuta a trasformare i nemici in avversari e gli avversari in nuovi amici.

Dialogo significa prendere sul serio tutte le persone e le loro opinioni, promuovendo l'armonia e la felicità invece della polarizzazione.

Come possiamo migliorare le nostre fragili democrazie si può leggere nel nostro Manuale d'azione sulle democrazie qui.

Senza uno stato equo non c'è felicità - Mission Future necessario

 

Nel capitolo Fatti e numeri abbiamo parlato di Confucio , che ha affermato 2.500 anni fa:

"Governare il Paese con decenza e gentilezza come una persona nobile, in armonia con gli altri e con la natura. Con un giusto equilibrio. Con rispetto per le persone e molta umanità. Inoltre, rettitudine. Sempre in equilibrio e nel mezzo".

Lao-Tse chiedeva "umiltà, gentilezza e ampiezza di vedute". Chiedeva ai leader di "essere assolutamente umili".

Cicerone osservava che "la funzione pubblica deve essere gestita per il bene di coloro a cui è affidata, non per il bene di coloro a cui è affidata". Non l'interesse personale, ma il bene comune è la massima della buona politica.

Aristotele descrive "l'obiettivo a cui tutte le persone aspirano è la felicità. Le persone sono disposte a fare qualsiasi cosa per ottenerla. La felicità è alla fine della piramide gerarchica dei pensieri e delle azioni umane. Non c'è un obiettivo più alto". Egli promuoveva una vita felice, basata sul benessere fisico e mentale e sull'evitare posizioni estreme. L'eudaimonia come apice dell'impegno umano.

 

Tutte queste antiche saggezze sono valide ancora oggi.

 

Senza uno stato equo non c'è felicità - senza felicità non c'è uno stato equo.

 

Il World Happiness Reports cita "l'assenza di corruzione e un governo efficace" come elementi importanti per la felicità dei cittadini.

In tutto il mondo Transparency International denuncia la corruzione, l'appropriazione di denaro in cambio di servizi. I Paesi peggiori sono anche quelli in cui la gente è infelice. Nell'Indice di percezione della corruzione i Paesi più felici sono quelli meno corrotti: Danimarca (1° posto tra i meno corrotti), Finlandia (2), Nuova Zelanda (3), Norvegia (4), Svezia (5), Svizzera (7), Paesi Bassi (8) o Lussemburgo (10).

Un governo efficace e lo Stato di diritto sono alla base di uno Stato stabile.

Richiede una trilogia dell'umanità, che comprenda libertà e tolleranza, oltre a creatività ed efficacia - una Mission Future con riforme costanti in tutti i settori.

Nel complesso, una politica della felicità di successo può essere descritta come una realpolitik pragmatica con un'attenzione ai bisogni della gente e un margine di sviluppo. Una nuova politica con un "cuore pensante e una mente amorevole". È necessario un nuovo marchio di politica etica, unito a un senso di responsabilità, di proporzione e di passione. Aggiungendo la filantropia, compresa la massima libertà, come catalizzatore dell'umanità indispensabile e della felicità individuale. Portando la fiaccola dell'illuminismo e del rispetto per la diversità e la tolleranza. Una politica più efficace con il pragmatismo di Karl Popper e Max Weber. E la ponderatezza e la creatività di Albert Einstein. Legata al grande cuore dell'umanità.

Abbiamo bisogno di politici che dimostrino capacità critica e maggiore umiltà. Moderni, progressisti, aperti all'innovazione e alla creatività, concentrati sulle riforme. Nessuna politica ideologica che ripeta sempre le stesse frasi e gli stessi pregiudizi.

Pensare, imparare e pianificare a livello internazionale e non nella tana del coniglio ideologica locale. Imparare a livello globale dai migliori e più intelligenti.

I politici devono imparare dai Golden Global Champions, che Mission Future presenta nei suoi esclusivi Manuali d'azione. Ecco alcuni esempi:

Una vivace economia sociale di mercato è molto meglio del socialismo o del turbocapitalismo. Nel XXI secolo la gente ha bisogno di una visione d'insieme ragionevole e accettabile e di un equilibrio tra servizi sociali di base, tasse moderate e massima libertà personale e imprenditoriale. Lo Stato deve fornire un'assistenza adeguata. Ciò include pensioni il più possibile esenti da imposte, un sistema sanitario funzionante, alloggi a prezzi accessibili nelle città, ma anche tasse eque per tutti e accumulo di ricchezza. Sgravi, maggiore sostegno e apprezzamento per i top performer della classe media sono la base indispensabile per tutte queste misure. Una grande riforma fiscale più equa e trasparente, sul modello dell'esempio estone, ben organizzata digitalmente e progettata in modo semplice. Con un'aliquota forfettaria del 20% e un'elevata franchigia per le famiglie, crea libertà finanziaria e maggiore felicità per i cittadini. Inoltre, i sistemi pensionistici esemplari dei Paesi Bassi e della Danimarca possono essere adottati in altri Paesi.
Danimarca, Lussemburgo, Svezia, Svizzera, Canada e Singapore hanno i migliori sistemi sanitari del mondo. Impariamo da questi Paesi. Singapore e Vienna sono modelli di riferimento per la costruzione di alloggi sociali per tutte le città del mondo. Ogni città dovrebbe progettare nuovi quartieri con i propri grattacieli e affittarli a basso costo. Gli Stati dovrebbero adottare il modello finlandese per ridurre il fenomeno dei senzatetto con l'"Housing First".

Per rendere felice il popolo, abbiamo bisogno di politici nuovi e dinamici: interpreti e pensatori intelligenti che mostrino calore personale, coraggio e una mente vigile. Non impegnati nella loro carriera, ma nel benessere del popolo a loro affidato. Una nuova leadership, non troppo vecchia, troppo ristretta o troppo ideologica, ma rappresentanti pragmatici impegnati nella Realpolitik con cuore e mente. Nessun nuovo mini-dittatore, ma veri democratici aperti a continue riforme. Con una decisa volontà di riforma e un grande desiderio di migliorare e plasmare il futuro.

Abbiamo bisogno di nuovi mulini a vento nel 21° secolo globalizzato. Non politiche antiquate tramandate per ripetizione. Non vino vecchio in bucce nuove, ma qualcosa di veramente nuovo, lungimirante, moderno. Dobbiamo elaborare una nuova politica che ci renda tutti più felici. Non nazionalistica, non egoistica, ma un approccio multilaterale per cittadini del mondo responsabili. Non di destra o di sinistra, né verde o rosso, ma semplicemente senza vecchi paraocchi, coerentemente innovativa e ben pianificata. Non conservatore, ma progressista. Non un solo grande tema, ma la copertura e il miglioramento di tutti i settori della politica. Non solo politica di potere e non solo utopia sognante. Senza sbiancare, ma migliorando. Non un vagone letto o un treno lento, ma un treno espresso dinamico verso il futuro. Non ci si ferma, ma si agisce. Nessuna esitazione, ma creatività e coraggio. Non ricette dell'altro ieri, ma le ultime conoscenze per il dopodomani. Fondate e fondate facendo riferimento a modelli funzionanti di tutto il mondo. Non dobbiamo ripetere come una religione le vecchie, logore e rigide ideologie e le loro antiche frasi standard, ma imparare dai migliori animatori di oggi. Perché hanno dimostrato di avere ricette sostenibili. Dobbiamo analizzare cosa si può imparare da questi campioni mondiali per una politica orientata al futuro.

Dobbiamo seguire i creatori di futuro, non i creatori di paura, i predicatori di odio e di noia.

Questo processo politico non è statico, ma dinamico. La ricettività e l'apertura al cambiamento producono riforme a lungo termine: pensare senza paraocchi è il fulcro di una sana politica.

Non l'ideologia e la fede, ma l'apertura a soluzioni pragmatiche è il cuore di Mission Future. Una nuova visione delle cose. La capacità pragmatica di imparare. A livello globale.

Con proposte concrete e di rapida attuazione per i problemi di domani, causati principalmente dalla quarta rivoluzione industriale nel contesto della digitalizzazione globale, dall'aggressività della Cina e dalla minaccia totalitaria alle libertà in tutto il mondo.

Con molto ottimismo, invece di sermoni apocalittici e disfattismo.

Con la Santa Fiamma dei diritti umani e della libertà, della responsabilità personale e della tolleranza. Per rendere le persone più felici.

A questo proposito, vale la pena di ascoltare la saggia affermazione di Nelson Mandela:

"Sembra sempre impossibile finché non viene fatto".

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

6 - FONTI E PARTNER PRINCIPALI

I documenti e i link importanti sono disponibili qui.

Rapporto mondiale sulla felicità 2024
Bhutan

Una bussola verso una società giusta e armoniosa, 2015 GNH Survey Report, Vorwort, S. 5, Centre for Bhutan Studies & GNH Research, 2016.

EMIRATI ARABI UNITI
OCSE

L'economia del benessere; creare opportunità per il benessere delle persone e la crescita economica, SDD WORKING PAPER No. 102, 2019.  

Di Ana Lena Nozal (Direzione Occupazione, lavoro e affari sociali dell'OCSE), Neil Martin (Segretariato generale dell'OCSE) e Fabrice Murtin (Direzione Statistiche e dati dell'OCSE)

(Neil Martin, Segreteria generale, +33 (0) 1 45 24 14 45, [email protected].)

UE

Indicatori di qualità della vita - esperienza complessiva di vita

Eurostat, novembre 2023

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

Manuali d'azione correlati