Manuale d'azione per la tolleranza
Siamo 7,8 miliardi di persone così diverse, un mondo di diversità. Come possiamo vivere insieme in modo pacifico e felice, nonostante le nostre differenze? Come possiamo contenere l'odio e i radicali di ogni tipo? Come possiamo promuovere il rispetto, l'amore e una maggiore tolleranza? Mission Future ha chiesto a cinque Premi Nobel per la Pace cosa fare. Con la nostra Iniziativa per la Tolleranza Globale, dal 2008 promuoviamo i Codici della Tolleranza. Ecco il nostro nuovo piano d'azione Love is Tolerance per voi.

Il nostro Mission Future AI

I. Missione

Mission Future AI vi offre soluzioni best practice di livello mondiale:

  • Per una politica migliore che si concentri su azioni creative.
  • Filtrati dalla nostra IA curata dall'uomo.
  • Selezionati oggettivamente dalla nostra rete globale di campioni d'oro.
  • Basato su umanità, creatività ed efficacia.
  • Non guidato dall'ideologia, non di destra o di sinistra, ma indipendente, aperto e orientato al futuro.
  • Promuovere una realpolitik pragmatica con cuore e mente.

Seguiamo i motti di grandi menti, come

Albert Einstein, che è il nostro modello e simbolo di umanità, creatività e intelletto per Mission Future.

Ha detto:

"L'immaginazione è più importante della conoscenza".

"Non possiamo risolvere i problemi del mondo allo stesso livello di pensiero con cui li abbiamo creati".

"Il mondo non sarà distrutto da coloro che fanno il male, ma da coloro che li guardano senza fare nulla".

"La definizione di follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi".

Steve Jobs ci ha dato questo consiglio:

"Il modo migliore per creare valore nel 21° secolo è collegare la creatività alla tecnologia".

Nelson Mandela ha chiesto:

"Che le vostre scelte riflettano le vostre speranze, non le vostre paure".

Elon Musk ha detto ai suoi dipendenti:

"Non venite da me con i problemi, venite da me con le soluzioni".

Mukesh Ambani ha chiesto a Mumbai:

"Sogna in grande e concentrati sull'obiettivo e supererai tutti gli ostacoli. Puntate a essere i migliori, non solo in India, ma anche nel mondo".

Oprah Winfrey ha detto:

"Lasciate che l'eccellenza sia il vostro marchio".

I membri del nostro team sono motivati da un'instancabile ricerca dell'eccezionale e delle migliori soluzioni a livello globale.

Integriamo le saggezze eterne di grandi pensatori globali, come Confucio, Epitteto, Kant o Nietzsche.

Creatività ed eccellenza sono le chiavi d'oro del successo della politica del futuro.

Con una politica di riforma globale all'avanguardia , rafforziamo le nostre fragili democrazie e rendiamo il mondo un posto migliore. Con più umanità, tra cui libertà e tolleranza, prosperità, felicità e armonia.

II. Come lavoriamo

Mission Future combina il nostro motore di ricerca AI Mission Future , unico nel suo genere, controllato e curato dall'uomo, con la nostra rete internazionale di massimi esperti.

Entrambi filtrano le pepite d'oro selezionate a mano . Da centinaia di fonti e studi, giorno per giorno.

Il risultato è una selezione unica e facilmente digeribile delle migliori idee e proposte d'azione del mondo. Semplicemente il meglio.

Qui non presentiamo le nostre opinioni soggettive, ma le soluzioni oggettivamente migliori dei campioni del Golden Global. Filtrate con l'aiuto dell'intelligenza artificiale. Curate umanamente dai nostri esperti di livello mondiale. Controllati e aggiornati quotidianamente.

III. Cosa si ottiene

  • Vi forniamo un pacchetto iniziale di soluzioni di best practice su temi importanti della politica.
  • Con suggerimenti concreti per le azioni e un primo masterplan.
  • Anche la creatività.
  • Mission Future vi presenta i Campioni d'oro globali come best practice da cui imparare.
  • Concentrati sull'essenziale, le migliori azioni per migliorare con il cuore e la mente.
  • Semplice e pronto all'uso.
  • I nostri manuali d'azione innovativi vi mettono al corrente delle migliori pratiche globali e vi aiutano a fornire soluzioni all'avanguardia, creative e collaudate.
  • Aggiornato con l'intelligenza artificiale per trovare le soluzioni migliori per voi a livello globale e analizzare diversi modelli giorno per giorno.
  • In combinazione con incontri Zoom e scambio di idee fresche nella nostra rete professionale esclusiva.
  • Incluso un elenco delle principali organizzazioni e reti per saperne di più.
  • Traduzioni superveloci in 4 lingue diverse (inglese, tedesco, spagnolo, francese)

IV. Perché meglio?

  • Pronti all'uso senza indugio oggi stesso. Potete utilizzare la nostra banca dati all'avanguardia a livello mondiale senza dover fare lunghe ricerche.
  • Il tempo è denaro. Noi abbiamo il know-how - voi avete bisogno di molti dipendenti e di mesi per raggiungere semplicemente il meglio. Siamo anche più veloci e più economici.
  • Noi siamo sempre aggiornati - e voi? Oggi avete sviluppato un buon piano con grande impegno, ma domani potrebbe essere obsoleto?
  • Annegate nell'oceano infinito di informazioni e di opinioni e pareri diversi. Noi vi aiutiamo. Ordiniamo, valutiamo. Creiamo un'essenza, i nostri Manuali d'azione. Compresi i Campioni globali. In argomenti importanti e selezionati. I nostri massimi esperti sono in grado di distinguere il buono dal cattivo, l'inefficace dall'efficace a livello globale. E voi?
  • Questo strumento innovativo vi mette al corrente delle migliori pratiche globali e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.
  • Le nostre eccellenti best practice globali si sono dimostrate nella realtà. Di conseguenza, sono generalmente molto più efficaci e spesso più convenienti delle soluzioni fatte in casa.
  • Riuscirete a gestire i vostri compiti con il vostro team in modo più rapido, economico, efficace e completo.
  • I nostri manuali d'azione sono un'ispirazione, un incoraggiamento e una facilitazione per il vostro importante lavoro per la società.
  • Vi rendono più forti e migliori.
  • Potete rendere la vostra casa un posto migliore. Utilizzando questo piano regolatore, con decisione, energia e fiducia. Non aspettate, agite ora.
  • Ci piace anche il tuo contributo. Diventa tu stesso un campione globale.

V. Pagate la nostra ricerca, l'aggiornamento e il funzionamento

  • Pagherete molto meno che se lo faceste da soli. Con soli 199 euro al mese per un Manuale d'Azione sarete in cima al mondo dei Campioni d'Oro.
    Compresi gli aggiornamenti e le newsletter esclusive, gli incontri Zoom e le tavole rotonde per le discussioni.

I vostri pagamenti ci permettono di ricercare, aggiornare e gestire Mission Future AI a vostro vantaggio.

VI. Unisciti!

  • Volete provarci gratuitamente per un mese? La nostra offerta VIP per esperti, giornalisti e politici. Contattateci direttamente via e-mail all'indirizzo [email protected]

1 - SFIDE

Nel nostro mondo globalizzato, tutte le persone sono sempre più dipendenti le une dalle altre. Nessuno di noi può evitare l'altro. Siamo tutti collegati in rete e vulnerabili. Con un destino comune e una responsabilità globale. Guardiamo a ciò che abbiamo in comune e costruiamo più ponti, non più muri. Non siano i fomentatori di odio a decidere il nostro destino, ma le forze dell'amore e dell'umanità, promuovendo il rispetto e la tolleranza.

Siamo tutti africani e viviamo come la tribù dei Kara che abbiamo visitato sulla riva orientale del basso fiume Omo in Etiopia (foto in alto). Questo accadeva circa 50.000 anni fa. Siamo lo stesso homo sapiens. 1000 generazioni fa la nostra specie, nata in Africa, ha intrapreso il lungo viaggio alla conquista del mondo. Poiché avevamo bisogno di vitamina D per sopravvivere, nel freddo nord siamo diventati bianchi. Non siamo altro che bianchi e neri. Bianchi e neri condividono lo stesso DNA. Oggi possiamo sembrare molto diversi, ma in fondo siamo tutti una grande famiglia di 7,8 miliardi di persone.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

2 - FATTI E NUMERI

Siamo un villaggio globale di diversità. Non ci riproduciamo semplicemente, ma generiamo più diversità. Cosa c'è da sapere sulla tolleranza.

100
61 asiatici, 15 africani, 13 americani (Nord e Sud America) e 11 europei. 52 donne e 48 uomini. 80 di loro sarebbero di colore e solo 20 bianchi. Ci sarebbero 34 cristiani, 23 musulmani, 13 indù, 7 buddisti, 11 rappresentanti di altre religioni minori - di cui solo lo 0,2% ebrei - oltre a 10 non religiosi e 2 atei, se si immagina di ridurre la popolazione mondiale di 7,8 miliardi di persone a un villaggio di soli 100 abitanti. Oggi siamo un villaggio globale di diversità.
23
Noi esseri umani abbiamo 23 coppie di cromosomi. Ogni singola cellula sessuale differisce per quanto riguarda l'informazione genetica perché, grazie alla meiosi, ci sono molteplici combinazioni e ricombinazioni. Queste combinazioni di caratteristiche sono il serbatoio della biodiversità e dell'adattamento a nuove condizioni ambientali. Durante la riproduzione sessuale i genitori non vengono semplicemente riprodotti, ma viene generata la diversità.
13,400
attacchi terroristici in tutto il mondo con 34.000 morti, di cui 11.600 autori. Il 45% si è verificato in Medio Oriente e Nord Africa, il 27% in Asia il 15% e nell'Africa sub-sahariana solo il 2% in Europa occidentale (269) e circa l'1% ciascuno in Europa orientale (132) e negli Stati Uniti (72), ha contato l'Università del Maryland nel solo 2016.

La maggior parte delle vittime dei terroristi islamici sono musulmani.

Ci sono migliaia di soldati o agenti di polizia in servizio e molti fedeli nelle moschee. Tra le vittime ci sono molti sciiti. Questi ultimi sono disprezzati come infedeli dai sunniti radicali. Di conseguenza, la questione della tolleranza e del rispetto nell'Islam è una preoccupazione primaria per lo stesso mondo islamico.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

3 - MIGLIORI PRATICHE

Abbiamo incontrato tre volte Sua Santità il Dalai Lama per discutere di tolleranza. Ci ha colpito molto. Così come Papa Francesco durante la sua visita in Terra Santa. Abbiamo bisogno di questi campioni della tolleranza come nostre guide.

Il Dalai Lama

Si tratta di un saggio buddista, amante dell'amore e dell'umorismo, proveniente dal Tibet.

Abbiamo incontrato tre volte il Dalai Lama per discutere di tolleranza, che ci ha sempre risposto con questo canone di antica saggezza buddista:

"La mia religione è molto semplice. La mia religione è la gentilezza. La nostra mente e il nostro cuore sono i nostri templi.

La felicità deriva da qualità spirituali come l'amore o la tolleranza. Non nasce da sola. La felicità va creata con le proprie azioni. Molto importante è un atteggiamento interiore positivo, un buon cuore. Da questo derivano la felicità e la soddisfazione per se stessi e per gli altri. L'amore e la compassione non sono lussi, ma necessità. Senza di essi l'umanità non può sopravvivere. Aiutate gli altri. Siate gentili. Praticare la compassione. Dobbiamo superare il relativismo morale, lasciare il vuoto della differenza e neutralizzare il veleno dell'odio".

Ha predicato molte volte e ha ripetuto:

 

"L'amore, la compassione e la tolleranza sono necessità, non lussi. Senza di essi, l'umanità non può sopravvivere.

 

L'essenza di tutte le religioni è l'amore, la compassione e la tolleranza.

La gentilezza è la mia vera religione. Non importa se siete istruiti o meno, se credete nella prossima vita o meno, se credete in Dio o in Buddha o in qualche altra religione o meno, nella vita di tutti i giorni dovete essere una persona gentile.

Quando si è motivati dalla gentilezza, non importa se si è un praticante, un avvocato, un politico, un amministratore, un operaio o un ingegnere: qualunque sia la vostra professione o il vostro campo, nel profondo siete una persona gentile.

L'amore, la compassione e la tolleranza sono necessità, non lussi. Senza di essi, l'umanità non può sopravvivere.

 

Se avete una fede o una religione particolare, va bene. Ma si può sopravvivere anche senza, se si ha amore, compassione e tolleranza.

 

La prova evidente dell'amore di una persona per Dio è se questa persona mostra genuinamente amore agli altri esseri umani".

 

È il nostro campione di tolleranza.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

4 - CAMPIONI GLOBALI D'ORO

★★★

Gli Emirati Arabi Uniti, come campione di tolleranza religiosa e razziale nel mondo arabo. Papa Francesco, infinito promotore del dialogo interreligioso tra cristianesimo e islam. Il Dalai Lama, saggio uomo d'amore e di umorismo. Ahmed el-Tayeb, Grande Sceicco e Imam della famosa Moschea di al-Azhar, che insegna il vero Islam.

★★

Sant'Egidio, un movimento mondiale di laici, basato sulla preghiera, la solidarietà, l'ecumenismo e il dialogo, con sede a Roma.

 

UNECSO, attiva con l'annuale Giornata della Tolleranza del 16 novembre. Non è perfetto, ma modera il dialogo in un mondo politico difficile da Parigi.

Emirati Arabi Uniti ★★★

ha istituito il primo Ministro della Tolleranza a livello globale nel 2016. Libertà religiosa con 48 chiese cristiane e un tempio sikh. Riconciliazione con Israele nel 2020 con l'importantissimo Accordo di Abramo e persino una sinagoga a Dubai e una nuovissima Casa della famiglia abramitica nel 2023.

 

 

Il Dalai Lama ★★★

una saggia icona globale di amore e umorismo. Il leader spirituale. Non vuole fare il missionario del buddismo. "La mia religione è molto semplice. La mia religione è la gentilezza. La nostra mente e il nostro cuore sono i nostri templi. La felicità deriva da qualità spirituali come l'amore o la tolleranza".

 

Papa Francesco ★★★★

Attiva senza sosta per promuovere il dialogo interreligioso tra cristianesimo e islam e l'amore per l'umanità dal 2013. Un campione di tolleranza con un grande cuore.

 

Ahmed el-Tayeb ★★★★

Grand Sheikh e Imam della famosa moschea e università di al-Azhar al Cairo, sostenitore di un vero Islam pacifico. Il 4 febbraio 2019 ha raggiunto Papa Francesco negli Emirati Arabi Uniti e ha firmato il Documento sulla fraternità umana per la pace nel mondo e la convivenza. Una pietra miliare del dialogo interreligioso.

La Comunità di Sant'EgidioEgidio ★★

un movimento cattolico mondiale di laici, basato sulla preghiera, la solidarietà, l'ecumenismo e il dialogo, con sede a Roma. Promuove un dialogo profondo per la pace e il rispetto.

UNECSO ★

è attivo con la Giornata mondiale della tolleranza che si tiene ogni 16 novembre. Non è perfetto, ma modera il dialogo in un mondo politico difficile. Un ponte necessario.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

5 - PIANO D'AZIONE

Ecco per voi il nostro nuovo masterplan L'amore è tolleranza. Con 10 proposte d'azione concrete, i nostri Codici di Tolleranza, il documentario e L'arte della tolleranza.

Cosa fare?
1. La tolleranza e l'amore hanno bisogno del dialogo e dello scambio di culture.

L'amore è tolleranza - La tolleranza è amore.

Ma come possiamo imparare ad amare gli altri?

Il dialogo è la lingua madre dell'umanità. Ci aiuta a trasformare i nemici in avversari e gli avversari in amici. È il primo passo verso la comprensione, il rispetto, infine l'amore per l'umanità e la pace.

Pertanto, tutte le richieste di strangolare il dialogo contraddicono la produzione di amore, tolleranza e pace. Le ideologie della cultura del coro sono una strada senza uscita.

L'idea dell'acquisizione culturale non è convincente, perché tutti dovremmo imparare da tutti e adottare buoni costumi e usanze. La diversità crea diversità di culture che sono sempre state in buon scambio da 50.000 anni.

Essere aperti. Per le altre culture. Diventate tolleranti.

2. Seguire il Credo della Tolleranza Mission Future

In poche parole, ecco come promuovere la tolleranza:

 

"Maggioranza silenziosa. Svegliatevi. Alzatevi. Non lasciate il vuoto ai predicatori di odio, agli estremisti, ai terroristi, alle forze del male. Non lamentatevi dei malvagi, ma di voi stessi, perché siete troppo passivi. Accendete ogni giorno una candela di speranza. Diventate un guerriero attivo per l'amore. Promuovete la tolleranza e il rispetto ogni giorno con tanti piccoli passi. Unitevi alle forze dell'amore e della tolleranza. Siate tolleranti per egoismo. Liberatevi in questo modo. Rendetevi di nuovo grandi. Chi fa del bene, diventa una persona migliore e più felice, libera dal pesante fardello dell'odio. Combattete per l'umanità. Limitare il razzismo, l'estremismo e il terrore. Impedire l'odio e i poteri del diavolo. Con tolleranza zero per l'intolleranza. Promuovere l'umanità ovunque e in qualsiasi momento. Combattere per il bene e limitare il male. Creiamo tutti insieme un mondo migliore 4.0 per noi e per i nostri figli. Costruiamo più ponti e non più muri. Abbattiamo i nostri muri interni di diffidenza e pregiudizio. Diventiamo più cosmopoliti e diciamo sì alla tolleranza e alla diversità, con cuore pensante e mente amorevole. Conoscete altre religioni, culture e modi di pensare diversi e arricchitevi. Trattate tutti come vorreste essere trattati voi stessi: questa è la regola d'oro della tolleranza da 2000 anni. Solo se amate voi stessi potete amare e tollerare gli altri. Diventare una persona educata e migliore e rendere più felici gli altri e se stessi. Diventate più umani ogni giorno, con piccole azioni amichevoli. Perdonate gli errori, siate più gentili e cercate di riconciliarvi. Trasformate i nemici in avversari e gli avversari in nuovi amici. Siate aperti. Vivete e lasciate vivere. Siate gentili con tutti. Praticate la religione dell'amore. Aprite il vostro cuore. Date amore. Siate umili. Difendete l'amore. L'amore è tolleranza e la tolleranza è amore!".

3. La tolleranza non è una strada a senso unico per te stesso

Tutti hanno diritto al rispetto. La tolleranza non è una strada a senso unico.

 

Chi chiede tolleranza per se stesso deve essere tollerante anche nei confronti dei propri concittadini. Questo vale sia per le minoranze che per le maggioranze.

 

Nessuno può imporre in modo intollerante la propria visione del mondo agli altri. Il rispetto reciproco è imperativo. La maggioranza deve tenere conto delle preoccupazioni della minoranza e la minoranza deve rispettare i desideri della maggioranza, in un'ottica pratica di tolleranza.

 

Nessuna tolleranza per l'intolleranza.
Questa è la linea rossa per tutti.

4. Sveglia, maggioranza silenziosa!

Il nostro problema principale non sono i pochi radicali, ma le maggioranze silenziose. Chiediamo a tutti di promuovere attivamente la tolleranza.

 

Tutti noi dovremmo impegnarci a proteggere queste fragili fondamenta della pace, così come ci impegniamo a proteggere l'acqua potabile o l'aria che respiriamo.

Dobbiamo frenare i propagandisti dell'odio e della violenza contro le altre religioni e le minoranze e rafforzare così la forza dell'amore.

Ma non facciamo quasi nulla per questo. È importante che noi, le persone per bene, ci alziamo e lavoriamo attivamente per il bene, conteniamo i radicali e non restiamo più in silenzio. Accendiamo sempre una candela di speranza, anche quando il vento gelido ci soffia in faccia.

 

Non restiamo in silenzio. Non distogliamo lo sguardo. Facciamo fiorire l'umanità in tutti i Paesi. Senza un cuore d'oro la nostra politica non vale nulla. Promuoviamo attivamente l'umanità, il rispetto, la libertà e la tolleranza. Contro il male, il veleno, il potere oscuro nelle persone. In tutti i Paesi del mondo. La politica ha bisogno di un cuore buono e di un'anima radiosa. Altrimenti, appassirà e diventerà un guscio senza nucleo.

5. Necessario un programma di tolleranza attiva

Le nostre società devono passare dall'invidia e dall'odio al rispetto e alla tolleranza. Con la riconciliazione. Con l'amore umano possiamo in definitiva contenere l'odio e la violenza. "Perché solo con le armi possiamo ottenere solo una pace cimiteriale. Dobbiamo imparare a odiare l'odio e a uccidere gli assassini", dice l'arcivescovo Alfons Nossol nel mio documentario "Love is Tolerance".

Radicali e razzisti di varie correnti continuano a seminare troppa diffidenza, inimicizia, odio e violenza in tutto il mondo. Opponiamoci a loro con coerenza. Ovunque.

Questi predicatori d'odio, razzisti, estremisti e terroristi oscurano il nostro sole e avvelenano i pensieri e i sentimenti chiari e buoni. Ci agitano emotivamente, creano sfiducia e rabbia, odio e violenza. Minacciano l'amore umano e la tolleranza sulla nostra terra.

Inizia sempre in piccolo. Esclusione, denigrazione, pregiudizio, diffidenza. Poi il veleno fa effetto. Attacchi alle minoranze e ai dissidenti. Infine, violenza, terrore, omicidi.

Vogliamo vivere così, nella paura, con l'odio nel cuore? Il nostro spirito umanitario dovrebbe svanire?
Cosa possiamo fare noi cittadini comuni? Come dovremmo agire?

Come possiamo arginare l'odio e fermare il terrore?
Prima di tutto, dobbiamo analizzare noi stessi cosa vogliamo per noi stessi.
In quale mondo viviamo oggi, in quale mondo vogliamo vivere domani con i nostri figli?
Nel nostro villaggio globale viviamo fianco a fianco piuttosto che insieme, anche nei singoli Stati.
La globalizzazione dinamica fa avanzare le sue priorità nei settori dell'economia, della finanza e delle comunicazioni.

Nel XXI secolo dobbiamo ancora raggiungere una globalizzazione interpersonale con più tolleranza, rispetto e filantropia. Solo allora potremo permettere a nove miliardi di persone - a prescindere da tutte le radici nazionali, culturali e religiose - di vivere insieme felicemente e pacificamente su un globo sempre più piccolo.
Non più ogni uomo o donna per sé, ma tutti insieme.
Nel nostro mondo così diverso, ma così ristretto, abbiamo urgentemente bisogno di umanizzare la globalizzazione, sviluppando una vibrante etica globale, i Codici della Tolleranza.

L'amore è tolleranza - La tolleranza è amore - questa è la sostanza più importante che fa nascere il rispetto, la buona cooperazione, la felicità e la pace.
Dobbiamo lavorare coraggiosamente e apertamente per un ordine mondiale migliore con valori umani vibranti. La nostra risposta al totalitarismo disumano.

6. Istituire un ministro per la tolleranza e un'agenda nazionale per la tolleranza.

Dovrebbe essere nominato un Ministro speciale per la Tolleranza per moderare il dialogo tra le culture e promuovere la tolleranza. Questa persona potrebbe attuare attivamente un gran numero di misure e le saranno affidate diverse responsabilità. Siederà al tavolo del gabinetto e sarà una persona di contatto tra il governo, il parlamento e i rappresentanti delle minoranze.

 

Il Ministro per la Tolleranza dovrebbe disporre di personale e risorse sufficienti per i numerosi progetti. La nomina di questo ministro speciale attribuisce grande importanza al tema in ambito politico.

 

L'istituzione di un ministero può essere paragonata alla creazione di rappresentanti per gli affari del disarmo e di ministri per la protezione dell'ambiente negli anni Settanta e Ottanta. Da allora, entrambi i temi politici hanno raggiunto uno status significativo nella politica e nella vita pubblica.

Il ricco ma piccolo Stato del Golfo, gli Emirati Arabi Uniti (EAU), non ha solo l'edificio più alto del mondo, ma anche un leader visionario. Lo stimato leader, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, ha nominato un nuovo gabinetto che comprende sette giovani donne nel febbraio 2016. Ha inoltre istituito tre nuovi ministeri per la tolleranza, la felicità e il futuro. Al Maktoum ha spiegato che: "I ministri appena nominati guideranno le politiche per creare benessere e soddisfazione sociale. Ora abbiamo più ministri in grado di affrontare i cambiamenti. Vogliamo un governo giovane e flessibile che soddisfi le aspirazioni dei nostri giovani e realizzi le ambizioni del nostro popolo". Un nuovo Ministro di Stato per la Tolleranza inculcherà la tolleranza come valore fondamentale negli EAU".

Il primo Ministro per la Tolleranza è Sheikha Lubna bint Khalid bin Sultan Al Qasimi. Abbiamo avuto l'onore di incontrarla ad Abu Dhabi il 12 marzo 2017 e di discutere di come collaborare con la Global Tolerance Initiative. "La tolleranza è da persona a persona, riflettere sui propri valori. È nel nostro DNA. L'Islam è stato dirottato dai partiti politici", ha detto. "Gli EAU e il loro popolo sono un crogiolo di tolleranza, coesione, rispetto e accettazione degli altri. La tolleranza è uno dei nostri valori fondamentali", si legge nell'introduzione del suo primo Programma nazionale sulla tolleranza. I pilastri della tolleranza sono "l'Islam, la Costituzione, l'eredità di Zayed, le convenzioni internazionali, la storia, la natura umana e i valori comuni".

 

Ogni Paese dovrebbe inoltre stabilire un'Agenda nazionale per la tolleranza, che fornisca un quadro di riferimento per i diversi problemi, le misure e le azioni da intraprendere nei prossimi quattro anni. Questa agenda dovrebbe condividere i suoi risultati a livello internazionale, in modo che altri Paesi possano imparare dalle informazioni registrate.

 

I governi dovrebbero presentare ai parlamenti nazionali un Rapporto annuale sulla tolleranza. Questo rapporto dovrebbe identificare i problemi e i progressi nella coesistenza delle diverse religioni e minoranze etniche. Tale rapporto annuale presenta tre vantaggi: In primo luogo, l'amministrazione è costretta a presentare le proprie attività in forma correlata, il che ne verifica l'efficacia, la trasparenza e la responsabilità. In secondo luogo, una volta all'anno la questione è oggetto di dibattito in parlamento. In terzo luogo, i media e l'opinione pubblica sono informati con franchezza dei problemi e dei progressi compiuti, e a loro volta ne riferiscono.

7. Come fare la pace fermando l'odio

La pace può essere raggiunta soltanto se arginiamo efficacemente i mezzi di potere e la propaganda d'odio del male e, allo stesso tempo, realizziamo la diffusione della tolleranza globale con una nuova duplice strategia Mondo 4.0.

Abbiamo bisogno di entrambi: del falco protettore e della colomba con il messaggio di pace.

Una vita soddisfatta per una maggiore tolleranza e rispetto, in cui difendiamo i nostri valori globali fondamentali e freniamo il male.

Con l'amore umano invece dell'odio nelle anime e nei cuori dei nostri figli.

Abbiamo bisogno di una visione globale e di un'anima.

Abbiamo bisogno di valori morali accettati a livello globale, di codici di tolleranza, di buoni esempi e della loro continua diffusione. Tutti noi dobbiamo promuovere attivamente una maggiore tolleranza. Dobbiamo dare l'esempio e diffondere i codici di tolleranza.

Tutti noi - musulmani, cristiani, ebrei, indù o buddisti, credenti, miscredenti o non credenti - dobbiamo rendere il mondo un posto migliore con il nostro piccolo contributo.

Abbiamo potere, influenza e molta creatività: usiamoli. Dobbiamo superare l'autocompiacimento e la passività. Lo dobbiamo ai nostri figli e a noi stessi.

Facciamo appello all'élite responsabile affinché si assuma finalmente la responsabilità personale della vittoria della tolleranza e del rispetto.

Creiamo un mondo migliore, fatto di armonia e rispetto per i nostri figli.
Come élite, non solo abbiamo la scelta ma anche il dovere di agire.

Se non noi, chi altro? Perché non ora?

8. Promuovete i Codici di Tolleranza nel vostro gruppo.

Viviamo nell'illusione che la tolleranza, la pace e l'amore per l'umanità prevarranno se ci limitiamo a stare seduti, a prendere le cose con calma e a non fare nulla. La nostra passività si basa anche sull'idea errata che la tolleranza sia la condizione standard.

La tolleranza non è uno stato naturale, ma deve essere instaurata di nuovo ogni giorno e ovunque. Questo compito ci ricorda la domanda di una signora di New York a un lord, che abbiamo incontrato nell'estate del 2009 a una cena nel Queen's College di High Street a Oxford. Voleva sapere come veniva mantenuto il meraviglioso prato verde del cortile interno. "Molto semplicemente, mia signora", rispose il lord, "basta tagliarlo molto corto due volte a settimana, rullarlo una volta e concimarlo una volta al mese in estate - e poi, per favore, continuare così - per 500 anni".

Dobbiamo praticare la tolleranza quotidianamente nel nostro piccolo villaggio globale. Solo questo processo continuo e noioso può favorire l'attuazione della tolleranza per molti decenni.

Se ci uniamo ora, possiamo lavorare per ottenere una nuova etica mondiale in cui l'amore e l'armonia fioriscano in tutte le nazioni.

Se non curiamo il prato sensibile della tolleranza, diventerà selvaggio e invaso dalle erbacce dell'odio.

Nella vita reale, dobbiamo innaffiare e coltivare quotidianamente la delicata erba della tolleranza, affinché rimanga verde e cresca. Il fulcro dell'etica della tolleranza dovrebbe essere costituito da migliaia di campagne locali di base simili a un mosaico e da buone pratiche positive, che sono i catalizzatori locali della buona convivenza.

Che si tratti di pessimisti, cristiani devoti, musulmani o spiriti liberi. Solo se noi stessi facciamo tanti piccoli passi per migliorare il nostro mondo, possiamo cambiare in meglio e mettere al loro posto la minoranza dei radicali.

Non aspettiamo le Nazioni Unite e i nostri politici. Facciamo in modo che i cittadini inizino a farlo.
Mostriamo ai nostri figli: Un mondo migliore è possibile. Dobbiamo agire.

Impariamo dalle religioni del mondo le regole d'oro della tolleranza.
Apriamo un nuovo capitolo personale nel libro della tolleranza con più rispetto e amore umano nel nostro villaggio globale.

Riconquistiamo gli angoli bui del nostro mondo dai radicali. Lasciamo che l'odio e la violenza si sciolgano come neve al sole di primavera. Con il fuoco dell'amore umano, della saggezza, del coraggio, della determinazione e della responsabilità globale.

Creiamo tutti insieme un mondo 4.0 migliore per i nostri figli e per noi stessi.
La pace non è possibile senza una politica di pace attiva e la riconciliazione. Solo una doppia strategia ben pianificata e coerente per il Mondo 4.0, fatta di potere e diplomazia, unita alla riconciliazione, promette di avere successo.

La pace nel mondo deve poggiare in modo permanente e sicuro su due pilastri.
L'anima dei popoli, la sofferenza degli oppressi e la loro dignità violata sono dimenticati da una politica di potere unilaterale e fredda.
Non può raggiungere il cuore della pacificazione.

Abbiamo bisogno di un nuovo movimento mondiale, uno tsunami di tolleranza.

 

I tentativi esistenti non sono sufficienti e, in termini di effetti, sono deboli. Siamo solo all'inizio, il che significa che abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Non i sostenitori della tolleranza, ma i pochi predicatori radicali dell'odio e gli estremisti dominano la nostra attuale agenda mondiale. Poiché le masse e le élite di tutto il mondo non si assumono la piena responsabilità di promuovere un mondo in armonia, ma rimangono nella loro passività, siamo bloccati in un limbo in cui la tolleranza non è ancora un obiettivo principale.

I Codici della Tolleranza sono emersi negli ultimi anni da numerose conversazioni in tutto il mondo con leader religiosi, politici, studiosi e cittadini impegnati a stabilire una coesistenza pacifica nel nostro villaggio globale. Inoltre, molti brillanti tentativi di tolleranza sono altamente teorici. Gli appelli delle Nazioni Unite e dei politici rimangono solo sulla carta, a meno che non vengano attuati e praticati dai responsabili.

La richiesta di maggiore tolleranza deve essere trasferita dai circoli di studiosi e dai discorsi domenicali di politici e leader religiosi in progetti specifici. 

 

Abbiamo bisogno di cinghie di trasmissione praticabili che trasformino le idee d'oro in realtà. 

 

Abbiamo bisogno di molti ponti locali percorribili tra i discorsi e gli appelli interreligiosi dei politici da una parte e la popolazione locale dall'altra.

Abbiamo bisogno di esempi brillanti di tolleranza nelle comunità religiose, nelle scuole, nella politica, nella scienza, nella cultura, nello sport e nei media, con modelli di riconciliazione e più campioni di tolleranza da tutte le parti del mondo e da tutte le religioni.

Solo così potremo rompere la corazza della sfiducia e dell'odio, che ci permetterà di creare una pace duratura nelle regioni in conflitto del mondo.

I Codici di Tolleranza forniscono suggerimenti per comprendere e promuovere attivamente la tolleranza e il rispetto nei confronti di altre religioni, minoranze etniche e razze. I Codici si concentrano su questi tre gruppi, perché la necessità di regole di tolleranza e di rispetto per un ordine globale di armonia sembra essere maggiore.

I Codici di Tolleranza sono formulati universalmente e si applicano a tutte le persone, a un cristiano di New York o di Roma come a un musulmano della Mecca o di Kabul, o a un indù di Mumbai. Queste regole si rivolgono alle élite responsabili di tutti i Paesi del mondo. Sono un appello alla maggioranza borghese, per lo più materialista, affinché si attivi e dia prova di coraggio morale.

Saranno presentati codici per gruppi importanti che hanno una grande influenza sullo sviluppo della tolleranza e del rispetto. Questi gruppi sono costituiti da genitori, educatori e scuole, leader religiosi e politici, giornalisti e media. Infine, saranno menzionate iniziative lodevoli nei settori dello sport e della cultura.

I nostri 60 Codici di Tolleranza sono arricchiti da 80 best practice.

I Codici di Tolleranza dimostrano che ogni cittadino può contribuire a creare un mondo migliore. Sono istruzioni pratiche per ognuno di noi. Genitori e scuole, leader religiosi, media e giornalisti, decisori politici, sport e cultura. 80 esempi (buone pratiche) provenienti da tutto il mondo dimostrano che il nostro villaggio globale può essere reso più tollerante e pacifico se la Maggioranza silenziosa diventa più attiva.

Mostrano come le persone di tutto il mondo abbiano effettivamente messo in pratica queste richieste. Questo dà motivo di speranza e dimostra che la tolleranza è possibile.

Allo stesso tempo, i Codici forniscono ponti percorribili dalla teoria astratta all'applicazione pratica. Innescando una reazione a catena, possiamo far crescere una maggiore tolleranza e allo stesso tempo arginare il male.

I Codici di Tolleranza non devono essere considerati un codice etico completo. Sono prima di tutto proposte e suggerimenti specifici per diventare attivi secondo le migliori pratiche. Dovrebbero essere integrati e ulteriormente sviluppati in tutto il mondo.

Leggere, assimilare e promuovere i diversi Codici di Tolleranza:

Codici di tolleranza per tutti noi

Codici di tolleranza per i genitori

Codici di tolleranza per educatori e scuole

Codici di tolleranza per i leader religiosi

Codici di tolleranza per i giornalisti e i media

Codici di tolleranza per i decisori politici

Codici di tolleranza nello sport

Codici di tolleranza nella cultura

9. Utilizzate il nostro documentario "L'amore è tolleranza - La tolleranza è amore - Rendi di nuovo grande la tolleranza!".

È una ricerca globale dei Campioni della Tolleranza e di come possiamo far tornare grande la tolleranza per contenere tutti gli estremisti. Descrive il valore della diversità e del rispetto verso le minoranze sociali e le altre religioni. Include le dichiarazioni di Il Dalai Lama, Malala, Yusuf Islam, e molti giovani.

 

Il film è il primo documentario profondo e all'avanguardia che si interroga su come contenere i fomentatori di odio, gli estremisti e i terroristi di ogni tipo e su come promuovere i valori umani delle Nazioni Unite per far tornare grandi l'amore e la tolleranza.

Che siate cristiani, ebrei o musulmani, bianchi o neri, uomini o donne, il film affronta le intense discussioni sulla dignità dei messicani, degli ebrei, dei musulmani e delle persone appartenenti a minoranze etniche in America, e su ciò che tutti in tutto il mondo possono fare per promuovere l'amore e la tolleranza e contenere i radicali.

Questo è il primo film che approfondisce i diritti delle donne nell'Islam e l'urgente necessità di tolleranza in tutto il mondo. Il film include elementi artistici e di design digitale moderno, ricalibrando ciò che si vede tipicamente in un documentario classico, con lo scopo di parlare alle giovani generazioni alla loro frequenza - in modo da attivare la generazione dei millennial e della Gen Z a contenere i radicali e ad apprezzare la diversità.

Il produttore di Political Zeitgeist Hubertus Hoffmann ha fatto ricerche per il film per dieci anni. Nel suo libro Love is Tolerance (L'amore è tolleranza), scrive delle Regole d'oro e del Campione di tolleranza nel mondo, coprendo luoghi come l'Iraq e l'Afghanistan. Il libro è stato pubblicato in sei lingue, tra cui l'arabo.

Il film presenta il profilo del primo "Ministro della Tolleranza" al mondo, Mariam al-Mansouri, prima donna musulmana pilota di F-16, che guida gli attacchi aerei della missione degli Emirati Arabi Uniti (EAU) contro l'ISIS, e tratta di cosa sia l'educazione alla tolleranza e alla tolleranza religiosa negli EAU - argomenti di cui spesso non si parla e che sono piuttosto sconosciuti. Il film include anche dichiarazioni esclusive di due Premi Nobel per la Pace, Malala Yousafzai e Kailash Satyarthi, e del famoso cantante Yusuf Islam (Cat Stevens), sui diritti delle donne e la tolleranza nel Corano.

Hoffmann vaga per il mondo, viaggiando a Bruxelles-Molenbeek, nota come "il nido del terrore in Europa", e a Goslar, la città natale di Hoffman, in Germania, per coprire l'integrazione dei musulmani, il contenimento dei terroristi e la perdita delle radici personali.

 

In Israele e Palestina, il regista trova "campioni di tolleranza" da entrambe le parti : una famiglia musulmana, custode della chiesa più sacra della cristianità da 1300 anni; un palestinese di Jenin, che ha donato gli organi del figlio (ucciso accidentalmente da un soldato israeliano) a sei figli del suo nemico; una signora ebrea di Haifa in visita alla famiglia del giovane attentatore suicida che aveva ucciso suo marito.

 

Con la sua esclusiva ricerca globale delle Regole d'Oro e dei Campioni della Tolleranza, Love is Tolerance - La Tolleranza è Amore include interviste esclusive con Sua Santità il 14° Dalai Lama, presenta le Regole della Tolleranza nel Buddismo e visita un guaritore indù a Ubud, Bali. Il film cerca anche nuovi approcci nella nazione arcobaleno del Sudafrica.

 

Il DNA di Dio è la diversità. La vita è diversità nel nostro villaggio globale, racconta il film.

Giovani di diverse origini si esprimono, concludendo con un appello e dei Codici di Tolleranza concreti: come tutti possono promuovere l'amore e far tornare grande la tolleranza.

 

 

 

Guarda il trailer:

https://www.loveistolerance.com/love-is-tolerance-the-documentary/

 

Directors Cut, durata 82 minuti, del 2018:

 

www.vimeo.com/278719066

pw loveistolerance2018

10. Utilizzare la nostra Arte della Tolleranza

L'Arte della Tolleranza, a cura dei fondatori di Mission Future Hubertus e Yvonne Hoffmann, comprende foto dei Campioni Globali della Tolleranza, videoinstallazioni dei Codici della Tolleranza e del Globo della Tolleranza. Possono essere richiesti per le mostre [email protected].

https://www.missionfuture.com/wp-content/uploads/2022/09/The-art-of-Tolerance-Hubertus-Hoffmann-15102021.pdf

https://www.loveistolerance.com/art/

https://www.loveistolerance.com/globe-uae/

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

6 - FONTI E PARTNER PRINCIPALI

Approfondite il nuovo pensiero della tolleranza e controllate gli ultimi sviluppi della nostra rete globale di tolleranza.

L'Iniziativa per la Tolleranza Globale di Mission Future
Gli Emirati Arabi Uniti

Programma nazionale di tolleranza

Papa Francesco

Documento sulla fraternità umana per la pace nel mondo e la convivenza il 04 febbraio 2019.

Il Dalai Lama

"Amore, compassione e tolleranza" di Sua Santità il Dalai Lama, da For the Love of God di Richard Carlson e Benjamin Shield (curatori), 1990.

Ahmed el-Tayeb, Gran Sceicco e Imam della Moschea di al-Azhar

Documento sulla fraternità umana per la pace nel mondo e la convivenza il 04 febbraio 2019 con Papa Francesco:

Comunità di Sant'Egidio, Roma

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

Manuali d'azione correlati