Manuale d'azione per la Cina
Come dobbiamo comportarci con la Cina, il nuovo Grande Drago Rosso della politica mondiale, e con Xi Jinping, il suo gran maestro? Tacere, fare kotau, coccolare, fare affari come prima o mantenere le distanze? Come dovrebbero reagire le nazioni e le aziende - disaccoppiandosi o rischiando? Abbiamo visitato Pechino, Harbin e Qingdao e i migliori analisti della Cina negli Stati Uniti, in Europa, in Giappone, in Vietnam e a Taiwan, abbiamo incontrato tre volte il Dalai Lama, abbiamo discusso con l'artista e influencer Ai Weiwei a Berlino, abbiamo esaminato i libri di storia cinese e diverse analisi di Henry Kissinger, che abbiamo incontrato l'ultima volta a Fürth per il suo 100° compleanno. Mission Future presenta un Manuale d'azione per la Cina unico nel suo genere. Con diversi suggerimenti concreti per una Realpolitik cinese e una buona e pacifica coesistenza, cooperazione e contenimento con il Super Dragone Rosso sputafuoco nel XXI secolo.

Il nostro Mission Future AI

I. Missione

Mission Future AI vi offre soluzioni best practice di livello mondiale:

  • Per una politica migliore che si concentri su azioni creative.
  • Filtrati dalla nostra IA curata dall'uomo.
  • Selezionati oggettivamente dalla nostra rete globale di campioni d'oro.
  • Basato su umanità, creatività ed efficacia.
  • Non guidato dall'ideologia, non di destra o di sinistra, ma indipendente, aperto e orientato al futuro.
  • Promuovere una realpolitik pragmatica con cuore e mente.

Seguiamo i motti di grandi menti, come

Albert Einstein, che è il nostro modello e simbolo di umanità, creatività e intelletto per Mission Future.

Ha detto:

"L'immaginazione è più importante della conoscenza".

"Non possiamo risolvere i problemi del mondo allo stesso livello di pensiero con cui li abbiamo creati".

"Il mondo non sarà distrutto da coloro che fanno il male, ma da coloro che li guardano senza fare nulla".

"La definizione di follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi".

Steve Jobs ci ha dato questo consiglio:

"Il modo migliore per creare valore nel 21° secolo è collegare la creatività alla tecnologia".

Nelson Mandela ha chiesto:

"Che le vostre scelte riflettano le vostre speranze, non le vostre paure".

Elon Musk ha detto ai suoi dipendenti:

"Non venite da me con i problemi, venite da me con le soluzioni".

Mukesh Ambani ha chiesto a Mumbai:

"Sogna in grande e concentrati sull'obiettivo e supererai tutti gli ostacoli. Puntate a essere i migliori, non solo in India, ma anche nel mondo".

Oprah Winfrey ha detto:

"Lasciate che l'eccellenza sia il vostro marchio".

I membri del nostro team sono motivati da un'instancabile ricerca dell'eccezionale e delle migliori soluzioni a livello globale.

Integriamo le saggezze eterne di grandi pensatori globali, come Confucio, Epitteto, Kant o Nietzsche.

Creatività ed eccellenza sono le chiavi d'oro del successo della politica del futuro.

Con una politica di riforma globale all'avanguardia , rafforziamo le nostre fragili democrazie e rendiamo il mondo un posto migliore. Con più umanità, tra cui libertà e tolleranza, prosperità, felicità e armonia.

II. Come lavoriamo

Mission Future combina il nostro motore di ricerca AI Mission Future , unico nel suo genere, controllato e curato dall'uomo, con la nostra rete internazionale di massimi esperti.

Entrambi filtrano le pepite d'oro selezionate a mano . Da centinaia di fonti e studi, giorno per giorno.

Il risultato è una selezione unica e facilmente digeribile delle migliori idee e proposte d'azione del mondo. Semplicemente il meglio.

Qui non presentiamo le nostre opinioni soggettive, ma le soluzioni oggettivamente migliori dei campioni del Golden Global. Filtrate con l'aiuto dell'intelligenza artificiale. Curate umanamente dai nostri esperti di livello mondiale. Controllati e aggiornati quotidianamente.

III. Cosa si ottiene

  • Vi forniamo un pacchetto iniziale di soluzioni di best practice su temi importanti della politica.
  • Con suggerimenti concreti per le azioni e un primo masterplan.
  • Anche la creatività.
  • Mission Future vi presenta i Campioni d'oro globali come best practice da cui imparare.
  • Concentrati sull'essenziale, le migliori azioni per migliorare con il cuore e la mente.
  • Semplice e pronto all'uso.
  • I nostri manuali d'azione innovativi vi mettono al corrente delle migliori pratiche globali e vi aiutano a fornire soluzioni all'avanguardia, creative e collaudate.
  • Aggiornato con l'intelligenza artificiale per trovare le soluzioni migliori per voi a livello globale e analizzare diversi modelli giorno per giorno.
  • In combinazione con incontri Zoom e scambio di idee fresche nella nostra rete professionale esclusiva.
  • Incluso un elenco delle principali organizzazioni e reti per saperne di più.
  • Traduzioni superveloci in 4 lingue diverse (inglese, tedesco, spagnolo, francese)

IV. Perché meglio?

  • Pronti all'uso senza indugio oggi stesso. Potete utilizzare la nostra banca dati all'avanguardia a livello mondiale senza dover fare lunghe ricerche.
  • Il tempo è denaro. Noi abbiamo il know-how - voi avete bisogno di molti dipendenti e di mesi per raggiungere semplicemente il meglio. Siamo anche più veloci e più economici.
  • Noi siamo sempre aggiornati - e voi? Oggi avete sviluppato un buon piano con grande impegno, ma domani potrebbe essere obsoleto?
  • Annegate nell'oceano infinito di informazioni e di opinioni e pareri diversi. Noi vi aiutiamo. Ordiniamo, valutiamo. Creiamo un'essenza, i nostri Manuali d'azione. Compresi i Campioni globali. In argomenti importanti e selezionati. I nostri massimi esperti sono in grado di distinguere il buono dal cattivo, l'inefficace dall'efficace a livello globale. E voi?
  • Questo strumento innovativo vi mette al corrente delle migliori pratiche globali e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.
  • Le nostre eccellenti best practice globali si sono dimostrate nella realtà. Di conseguenza, sono generalmente molto più efficaci e spesso più convenienti delle soluzioni fatte in casa.
  • Riuscirete a gestire i vostri compiti con il vostro team in modo più rapido, economico, efficace e completo.
  • I nostri manuali d'azione sono un'ispirazione, un incoraggiamento e una facilitazione per il vostro importante lavoro per la società.
  • Vi rendono più forti e migliori.
  • Potete rendere la vostra casa un posto migliore. Utilizzando questo piano regolatore, con decisione, energia e fiducia. Non aspettate, agite ora.
  • Ci piace anche il tuo contributo. Diventa tu stesso un campione globale.

V. Pagate la nostra ricerca, l'aggiornamento e il funzionamento

  • Pagherete molto meno che se lo faceste da soli. Con soli 199 euro al mese per un Manuale d'Azione sarete in cima al mondo dei Campioni d'Oro.
    Compresi gli aggiornamenti e le newsletter esclusive, gli incontri Zoom e le tavole rotonde per le discussioni.

I vostri pagamenti ci permettono di ricercare, aggiornare e gestire Mission Future AI a vostro vantaggio.

VI. Unisciti!

  • Volete provarci gratuitamente per un mese? La nostra offerta VIP per esperti, giornalisti e politici. Contattateci direttamente via e-mail all'indirizzo [email protected]

1 - SFIDE

Nel 2024, la Repubblica Popolare Cinese dovrà affrontare altri venti contrari:

Il Presidente russo Putin ha visitato il Presidente Xi Jinping a Pechino a maggio. I due si sono incontrati 30 volte in sei anni. Ma rimane un gioco di equilibri tra interessi nazionali ancora diversi. Sia il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden che la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno chiesto a Pechino di limitare la vendita di componenti a duplice uso alla Russia (anche attraverso gli Stati dell'Asia centrale), in modo che non vengano utilizzati per la guerra di aggressione in Ucraina. In caso contrario, c'è la minaccia di ulteriori sanzioni, che potrebbero colpire la già debole economia cinese.

Il 14 maggio 2024, gli Stati Uniti hanno imposto tariffe molto più alte sulle auto elettriche cinesi (100%), sulle batterie e su altre importazioni.

La Turchia ha aumentato le tariffe per le auto elettriche cinesi al 40%, con effetto dal 7 luglio 2024.

In un importante incontro del 6 maggio 2024 con i presidenti Xi e Macron a Parigi, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha lanciato alla Cina un chiaro messaggio di rispetto degli interessi europei: "Difenderemo le nostre aziende. Difenderemo le nostre economie".

Il 12 giugno 2024, l'UE ha introdotto nuove tariffe aggiuntive per le auto elettriche provenienti dalla Cina. Dal 4 luglio 2024, SAIC dovrà pagare il 38,1%, BYD il 17,4% e Geely il 20% in aggiunta alle tariffe UE del 10%. Tutti gli altri dovranno pagare un ulteriore 21%. Ciò riguarda anche i produttori non cinesi che producono in loco, come Tesla o BMW.

Nell'aprile del 2024 il Congresso degli Stati Uniti ha approvato una legge che chiede a TikTok di disinvestire dalla sua società madre cinese ByteDance o di essere esclusa dal mercato americano di 170 milioni di utenti.

In Asia, altri Paesi hanno unito le forze per contenere il Dragone Rosso e mantenere il mare aperto per tutti. (Maggiori dettagli in seguito).

 

Nonostante il risentimento odierno, causato dalle politiche aggressive del presidente cinese Xi Jinping dal 2012 nel suo Paese e nel mondo esterno,non dovremmo dimenticare il duro lavoro e gli impressionanti risultati ottenuti dalla Cina negli ultimi 50 anni .

Tutto è iniziato con l'apertura della Cina all'Occidente nel 1972, durante il mandato di Henry Kissinger e Richard Nixon. L'obiettivo: Principalmente controbilanciare l'URSS, considerata da entrambi i Paesi come una potenza ostile.

Lo statista Deng Xiaoping, che fuse i rigidi dogmi comunisti di Marx e Mao con il pragmatismo capitalista (usando il suo famoso argomento "Non importa se il gatto è bianco o nero. L'importante è che catturi i topi") attuò riforme di ampio respiro. Alla conferenza di lavoro centrale del partito, nel dicembre 1978, stabilì l'importanza dell'istruzione, della scienza e della tecnologia, compresi i nuovi fiori capitalisti della proprietà privata. Queste riforme produssero un mix innovativo di prosperità e potere. Sotto la sua saggia guida, la Cina divenne una dittatura tecnocratica orientata al futuro, con una spinta decisa verso il progresso. Una formula unica per il successo. Soprattutto se paragonata all'URSS, che nel 1991 crollò in modo spettacolare a causa del totale fallimento statale della sua economia pianificata e marcia. L'obiettivo di Deng era quello di rendere la Cina stabile e più potente, consolidando il dominio del Partito Comunista Cinese (PCC).

In Occidente si guardava al miracolo economico cinese e si sperava in un cambiamento attraverso il commercio. Si è dimenticato che la nuova economia era solo lo strumento migliore nelle mani del partito marxista-leninista-maoista. Un mezzo per raggiungere un fine. Non una riforma delle strutture di potere, ma il loro consolidamento e stabilizzazione. Sotto la scintillante facciata capitalista, il fuoco di Mao, Marx e Lenin ha continuato a brillare. Nessuna liberalizzazione, ma la dittatura del partito. Nessuna libertà, ma obbedienza dei cittadini.

Nella competizione con gli Stati capitalisti occidentali, le parole amichevoli hanno lasciato il posto alla ristrettezza ideologica quanto più forte è diventata la Repubblica Popolare Cinese. Con Xi, questo fuoco dittatoriale si è riacceso ed è diventato visibile nel 2012. Il nucleo del PCC stava venendo fuori. La facciata è caduta. Un ritorno all'anima maoista.

Dal 1979 la Cina ha instaurato un'unica "economia socialista di mercato" dominata dalla proprietà statale di molte aziende (State-owned-Enterprises, SOEs) e da un sistema di pianificazione economica che va dal livello locale fino ai vertici, oltre che da politiche industriali interventiste in accordo con gli obiettivi del Partito Comunista Cinese. Un sistema di pianificazione gerarchico dall'alto verso il basso, in cui gli attori privati o i concorrenti stranieri possono essere limitati in qualsiasi momento su richiesta del partito. L'intera economia è soggetta a pianificazione e controllo centrale e interconnessa con l'allocazione delle risorse, la tassazione, i sussidi, le istituzioni finanziarie e altre industrie.

Il successo unico della Cina negli ultimi decenni non è tanto il successo del partito di Stato quanto quello di centinaia di milioni di persone che lavorano duramente. Deng ha dato ai contadini, agli artigiani e agli imprenditori la libertà, il respiro e l'ossigeno capitalistico necessari per lavorare duramente e in modo creativo e per fare soldi per le loro famiglie, oltre che per investire. Sono loro i veri motori del successo in Cina, non il partito. La candela degli imprenditori ha illuminato il futuro della Cina.

L'atteggiamento turbocapitalista degli imprenditori e il duro lavoro del popolo hanno fatto tornare grande la Cina, e non i rigidi dogmi totalitari del marxismo-leninismo:

- 850 milioni di cinesi sono usciti dalla povertà.

-Dall'inizio delle riforme nel 1979, fino a pochi anni fa, una crescita economica media di quasi il 10%.

- La creazione di molte fabbriche e imprese moderne ha trasformato la Cina in un Paese industrializzato e moderno, con una reputazione globale, in soli quattro decenni.

- La Cina non importa più e copia la tecnologia occidentale, ma ha conquistato un ruolo di primo piano con i propri prodotti di livello mondiale, ad esempio le auto elettriche (BYD, Nio), i treni ad alta velocità, l'elettronica (Huawei), l'e-commerce (Alibaba) e i prodotti digitali (Tik-Tok).

L'interdipendenza tra Stati Uniti e Cina in ambito commerciale e valutario è aumentata rapidamente. Gli americani hanno importato la maggior parte dei loro beni dalla Cina. Sono nate joint venture in Asia, che spesso hanno esternalizzato posti di lavoro in Cina. La banca centrale cinese ha acquistato titoli di Stato americani (869 miliardi di dollari su 7,6 trilioni detenuti da Paesi stranieri, seconda dopo il Giappone). Quando nel 2001 Pechino è entrata a far parte dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), il Paese è stato finalmente integrato nell'economia globale e ha registrato un boom. Una luna di miele decennale che sarebbe potuta durare per sempre in armonia.

- Un mercato di vendita con 1,4 miliardi di consumatori è diventato un mercato indispensabile per molte aziende occidentali, soprattutto nell'industria automobilistica e nel settore dei beni di lusso. Le loro vendite e i loro profitti dipendono ormai dalla Cina.

Dopo l'ascesa al potere di Xi nel 2012 sono accadute diverse cose allarmanti, paragonabili a uno tsunami che ha posto fine al periodo di romanticismo occidentale con la Cina:

- Il brutale schiacciamento della libertà e della democrazia con la totale rivendicazione del potere da parte di Pechino a Hong Kong nel 2019 e l'abbandono de facto del principio concordato di "un Paese, due sistemi per 50 anni". Il trattato, concluso con Londra nel 1984, è stato semplicemente minato e non più rispettato.

-Una totale cattiva gestione della crisi di Corona, simile a un pericoloso giro sulle montagne russe. Questi sviluppi sono stati un enorme errore di Xi e del suo partito:

Esperimenti pericolosi di gain-of-function e persino incidenti con il virus Corona presso l'Istituto di virologia di Wuhan per anni. Nell'autunno del 2019 e all'inizio del 2020, una smentita totale del coinvolgimento dell'Istituto di virologia di Wuhan. I medici più coraggiosi sono stati addirittura puniti per le loro affermazioni sincere. Era necessaria una politica di informazione aperta e un rapido blocco a Wuhan nel dicembre 2019. Entrambi sono stati ritardati dal PCC per mesi, contribuendo alla diffusione del virus in Cina e nel mondo. Dalla metà del 2020 al 2022 sono seguite serrate severe in molte città. Successivamente, rapide riaperture a seguito di numerose proteste e di un grave rallentamento economico.

-Una crescente soppressione della libertà, che è l'etica degli Stati Uniti d'America e dell'Occidente.

I dissidenti di ogni genere e religione sono stati perseguitati senza pietà. Abbiamo incontrato Ai Weiwei a Berlino. L'artista più famoso della Cina ha dovuto lasciare il suo Paese nel 2015 a causa della sua sintonia con il neo-mao-totalitarismo, l'abbandono dei diritti umani, l'assenza di libertà di parola e la troppa corruzione. Ogni anno circa 300.000 cinesi lasciano la Cina continentale, molti giovani di talento, il futuro del Paese, dando luogo a una fuga di cervelli.

Nel 2018 è stata approvata una legge che prevede che l'insulto agli eroi e ai martiri sia un reato punibile fino a tre anni di carcere. Il revival del maoismo fa parte della campagna del presidente Xi per combattere il "nichilismo storico", un'espressione che il partito usa per indicare qualsiasi interpretazione degli eventi storici in contrasto con la sua narrazione ufficiale. Kissinger ha osservato che: "La leadership ora vede Mao al 30% come cattivo, ma al 70% come buono". Ricordate: Mao (e non gli invasori giapponesi) ha ucciso oltre 60 milioni di cinesi con esecuzioni, persecuzioni, lavori forzati e fame. Più di Adolf Hitler. Anche lui era un dittatore brutale, senza alcun rispetto per l'umanità e la libertà.

Ora il fantasma di Mao è tornato in scena. Xi ha persino calcato le sue orme di dittatore onnipotente.

- Il trattamento brutale delle minoranze, gli uiguri musulmani dello Xinjiang e i tibetani buddisti, è scioccante e rappresenta una chiara violazione delle regole delle Nazioni Unite. Molti sono stati perseguitati senza pietà. Mancanza di rispetto per la diversità, senza tolleranza e diritti umani.

- La Cina ha fatto un uso massiccio dello spionaggio industriale con l'obiettivo di sfruttare il know-how delle aziende occidentali e di ottenere un vantaggio competitivo. Nella sua relazione del 22 luglio 2020, la senatrice statunitense Marsha Blackburn ha citato i dati dell'FBI: Il 90% dei casi di spionaggio industriale dal 2011 al 2018 ha legami con la Cina. Solo nell'estate del 2020, l'autorità ha indagato su 1000 casi di spionaggio in corso. Nel luglio 2020, ad esempio, gli hacker cinesi hanno avuto accesso alla ricerca sul vaccino corona negli Stati Uniti. Nello stesso anno, personale militare cinese è entrato nel computer di Equifax e ha rubato i dati personali di 145 milioni di americani. La Cina ha rubato la proprietà intellettuale (IP) a un'azienda statunitense su cinque. Molte aziende cinesi non hanno pagato per i brevetti stranieri. Ovunque ci sia un'opportunità, la Cina utilizza tutti i mezzi illegali per rubare la proprietà intellettuale. Questo si chiama "patriottismo cinese" perché rafforza il Paese.

- All'inizio del 2023, un pallone aerostatico cinese ad alta quota ha sorvolato gli Stati Uniti. È stato abbattuto il 4 febbraio. Conteneva l'equivalente di due vagoni ferroviari di apparecchiature spia, antenne, pannelli solari e diverse eliche per manovrare attivamente il pallone. Non si trattava di un "pallone meteorologico" passivo, spinto fuori rotta dal vento, come sosteneva Pechino.

- La Cina sta inondando i mercati globali con nove prodotti di Stato e in dumping in settori chiave, bloccando al contempo la concorrenza importata, ha dichiarato la Commissione Europea nel suo rapporto "Sulle significative distorsioni nell'economia della Repubblica Popolare Cinese", del 10 aprile 2024.

 

Nei nuovi veicoli energetici, nei beni ambientali come le celle solari, le turbine eoliche e le pompe di calore geotermiche, nei semiconduttori, nelle attrezzature per le telecomunicazioni, nell'industria ferroviaria ad alta velocità, nell'acciaio, nell'alluminio, nei prodotti chimici o nelle ceramiche. La Cina nel corso degli anni ha innescato un'ondata di esportazioni cinesi a basso prezzo. Il sostegno statale comprende i livelli nazionale, regionale e comunale. Le industrie seguono le direttive del governo e ne attuano gli obiettivi politici. L'intervento del governo cinese è elevato.

Nel 2005, la Cina ha avviato l'industria dei veicoli a nuova energia (NEV). Sostenuta dai governi centrali e locali lungo tutta la catena del valore, dalle materie prime essenziali alle batterie ai NEV, la Cina è diventata il primo produttore ed esportatore mondiale di NEV, inondando il mondo di prodotti più economici e ben progettati.

Esiste un'ampia gamma di strumenti per il sostegno statale:

Comprende strumenti diffusi, ad esempio l'uso di grandi imprese statali (SOE). Facile e migliore accesso ai finanziamenti, come i fondi di investimento sostenuti dal governo (con il più grande Big Fund) e le banche. Prestiti di mercato favorevoli, sussidi e sovvenzioni, sostegno finanziario da parte dei vari livelli statali sotto forma di trasferimenti finanziari, prestiti preferenziali, incentivi all'esportazione, sgravi fiscali, sconti sull'imposta sul valore aggiunto, riduzione dell'imposta sul reddito delle imprese o sgravi sui costi di utilizzo dei terreni e altre misure di sostegno finanziario diretto. Preferenze per gli appalti. Impiego di un'ampia gamma di strumenti normativi, tra cui misure fiscali, finanziarie, di investimento o di prezzo. Utilizzo di lavoro forzato anche a basso costo. Consolidamento delle aziende. Riduzione della sovraccapacità con le maggiori capacità produttive. Inoltre, proteggere il mercato interno dai concorrenti stranieri e promuovere le aziende cinesi (come Huawei) all'estero.

Nel maggio 2024 la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si è unita al Presidente francese Macron a Parigi e ha lanciato un chiaro messaggio al Presidente cinese Xi Jinping:

"Abbiamo discusso degli squilibri che rimangono significativi, e questa è una questione di grande preoccupazione. Come abbiamo dimostrato, difenderemo le nostre aziende, difenderemo le nostre economie. Non esiteremo mai a farlo se sarà necessario".

"I prodotti cinesi sovvenzionati, come i veicoli elettrici o l'acciaio, stanno inondando il mercato europeo. La Cina continua a sostenere massicciamente il suo settore manifatturiero. Il mondo non può assorbire la produzione in eccesso della Cina".

"Perché il commercio sia equo, anche l'accesso al mercato dell'altro deve essere reciproco. Abbiamo discusso su come compiere progressi reali in materia di accesso al mercato. Allo stesso tempo, siamo pronti a fare pieno uso dei nostri strumenti di difesa commerciale, se necessario".

"Dobbiamo migliorare la resilienza delle nostre catene di approvvigionamento. Per esempio, affrontiamo le dipendenze eccessive diversificando le fonti di materie prime critiche. In pratica si tratta di de-risking. Il nostro mercato è e rimane aperto alla concorrenza leale e agli investimenti, ma non è un bene per l'Europa se questo danneggia la nostra sicurezza e ci rende vulnerabili. Ed è per questo che agiamo".

"L'Europa non esiterà a prendere le decisioni difficili necessarie per proteggere la sua economia e la sua sicurezza", ha dichiarato a Xi il presidente della Commissione europea.
sicurezza", ha dichiarato il presidente della Commissione europea a Xi.

Il 14 maggio 2024, il Rappresentante del Commercio degli Stati Uniti Katherine Tai ha annunciato nuovi dazi sulla Cina dopo un'indagine della Sezione 3012. Ha sostenuto che: "Vogliamo eliminare le politiche e le pratiche sleali della Cina legate al trasferimento di tecnologia, comprese le intrusioni e i furti informatici, che danneggiano i lavoratori e le imprese americane. Dobbiamo promuovere i posti di lavoro e gli investimenti americani". Le tariffe della Sezione 301 saranno aumentate al 100% per i veicoli elettrici, al 50% per i semiconduttori e le celle solari, al 25% per le parti di batterie, le pile, i materiali critici, l'acciaio, l'alluminio e le mascherine.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

2 - FATTI E NUMERI

Quali sono le figure chiave con un significato particolare?

Quali cambiamenti segnalano?

3
Il 3% di crescita economica effettiva all'anno, invece di una media di quasi il 10% dal 1978. La cifra ufficiale è di solito "circa il 5%".
20
20-25% di disoccupazione giovanile. Solo se l'economia raggiungerà una crescita annuale dell'8%, 21 milioni di giovani potranno trovare lavoro. Questo obiettivo non può essere raggiunto con una crescita annuale di solo il 3%.
10
Aumento del 10% della spesa per la difesa nel 2024, compresa la R&S e la guardia costiera. Ufficialmente la Cina spende solo il 7,2%. Sotto il presidente Xi Jinping la spesa per la difesa è raddoppiata in soli 11 anni.

L'Occidente commette un errore fondamentale: pensa in termini occidentali. Di conseguenza, le sue politiche sono spesso sbagliate. Possiamo ottenere una comprensione realistica di Pechino e sviluppare una politica cinese efficace solo se ci mettiamo nei panni del Partito Comunista e guardiamo il mondo con i suoi occhi.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

3 - MIGLIORI PRATICHE

Quali misure e quali Stati hanno gestito al meglio gli interessi nazionali di fronte alla sfida cinese?

Esistono modelli di riferimento per una politica cinese efficace ed equilibrata?

L'appello di Henry Kissinger per un dialogo aperto ad altezza d'uomo

Mission Future I fondatori Dr. Hubertus e Yvonne Hoffmann hanno incontrato più volte l'icona delle relazioni tra Occidente e Cina, l'ultima delle quali ha festeggiato il suo centesimo compleanno nella sua ex città natale, Fürth, nel giugno 2023 (foto). Il Dr. Hoffmann e il Dr. Kissinger condividono lo stesso mentore, il geostratega del Pentagono Dr. Fritz Kraemer.

Più volte, il più grande esperto di Cina al mondo ha invitato alla moderazione e al dialogo - da entrambe le parti. Questo ha permesso a Kissinger di mantenere un canale di comunicazione regolare tra Washington e Pechino - un grande risultato. Ha incontrato Xi a Pechino il 20 luglio 2023.

Il dialogo è necessario anche come pilastro di una realpolitik di contenimento.

Il dialogo è la lingua madre dell'umanità. Aiuta a trasformare i nemici in avversari e gli avversari in amici.

Abbiamo bisogno di una duplice strategia intelligente di deterrenza credibile, regole eque e dialogo.

È necessario passare da una diplomazia dominante di silenzio a una diplomazia di parole sincere.

Non solo uno scambio di convenevoli e frasi diplomatiche, ma un dialogo aperto e onesto ad altezza d'uomo, in cui tutte le questioni controverse vengono messe apertamente sul tavolo e si cercano soluzioni.

Solo così si potranno evitare anche i malintesi.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

4 - CAMPIONI GLOBALI D'ORO

★★★

L'appello di Henry Kissinger per un dialogo aperto all'altezza degli occhi, perché anche questo è importante per una Realpolitik di contenimento.

Il coraggio di Taiwan per la libertà. L'isola rimane un Paese democratico nonostante le interferenze e le minacce militari.

L'embargo sui superchip degli Stati Uniti sfrutta il tallone d'Achille della Cina e rallenta il massiccio sviluppo di armi.

Il chiaro messaggio dell'UE al Presidente Xi a Parigi nel maggio 2024 e le prime azioni antidumping dell'UE contro l'EV nel giugno 2024 hanno rivelato i limiti della Cina in Europa. 

★★

La difesa delle isole Senkaku da parte del Giappone è un segnale contro l'invasione e il dominio marittimo.

L'azione legale delle Filippine sulle isole artificiali nel Mar Cinese Meridionale ha dimostrato chiaramente l'illegittimità delle pretese della Cina.

L'assertività dell'Australia contro il boicottaggio politico delle merci da parte di Pechino, difendendo le regole del libero scambio dell'OMC.

 

La Lituania resiste al ricatto, perché il piccolo Paese dell'UE non si è inchinato.

Praga sfida il Dragone Rosso, gemellandosi con la democratica Taipei invece che con la dittatoriale Pechino.

Il Tibet vive nel cuore di 6,7 milioni di tibetani, nonostante l'oppressione e la diffamazione del Dalai Lama.

L'appello di Henry Kissinger per un dialogo aperto all'altezza degli occhi ★★★★

È importante anche in una Realpolitik di contenimento. In questo modo si evitano malintesi e si stabiliscono chiare linee rosse per Pechino.

 

Il coraggio di Taiwan per la libertà ★★★★

Nonostante le interferenze e le minacce militari, l'isola rimane un Paese democratico e sicuro di sé. Mostra una forte volontà di libertà e una crescente capacità di difesa. Washington mantiene le sue garanzie di assistenza del 1979. (foto: i fondatori di Mission Future Dr. Hubertus e Yvonne Hoffmann in un tempio taoista sulle montagne di Taiwan).

 

Super embargo sui chip degli USA ★★★★

Perché sfrutta il tallone d'Achille della Cina e ne rallenta il massiccio riarmo. Un consenso bipartisan duraturo in America. Questo permette agli Stati Uniti di mantenere un vantaggio decennale.

 

Azioni antidumping dell'UE ★★★

Per la prima volta l'UE ha dimostrato a Pechino i limiti del dumping di Stato nei mesi di maggio e giugno 2024. In un importante incontro del 6 maggio 2024 con i presidenti Xi e Macron a Parigi, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha lanciato un chiaro messaggio alla Cina: "Difenderemo le nostre aziende. Difenderemo le nostre economie". Il 12 giugno 2024, l'UE ha introdotto nuove tariffe aggiuntive per i veicoli elettrici provenienti dalla Cina. A partire dal 4 luglio 2024, SAIC dovrà pagare il 38,1%, BYD il 17,4% e Geely il 20%, oltre alle attuali tariffe UE del 10%. Tutti gli altri dovranno pagare un ulteriore 21%. L'Europa si è svegliata e ha imparato la lezione dopo aver perso le sue industrie solari ed eoliche a favore della Cina. Ora l'UE sta difendendo il nuovo mercato delle auto elettriche con migliaia di posti di lavoro.

La difesa delle isole Senkaku da parte del Giappone ★★★

Invia un chiaro segnale vicino a Taiwan per fermare il crescente sconfinamento e dominio marittimo della Cina nel Mar Cinese Orientale. Un arcipelago controllato dal Giappone dal 1895.

 

Denuncia delle Filippine sulle isole artificiali nel Mar Cinese Meridionale ★★

Depositata contro le massicce pressioni nel 2013 presso la Corte permanente di arbitrato dell'Aia. Nel 2016, le rivendicazioni della Cina sono state chiaramente giudicate illegittime secondo le regole della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare. Le nuove alture cinesi (isole Spratly) non creano una zona di 200 miglia. La linea a nove linee di demarcazione di Pechino non ha alcuna base legale. La Cina sta inoltre violando la protezione dell'ambiente.

 

L'assertività dell'Australia ★★

Dopo che il Paese ha deciso contro le interferenze interne e contro Huawei per il 5G e ha anche criticato la gestione cinese della corona a Wuhan, Pechino ha imposto tariffe punitive su vino e orzo nel 2020. La resa dei conti. L'Australia ha portato questa controversia all'OMC ed è stata sostenuta dagli Stati Uniti e dall'UE. Dopo una dura lotta, è stato raggiunto un accordo nel marzo 2024.

La Lituania resiste al ricatto ★

Questo piccolo Paese dell'UE, ex repubblica dell'URSS, non si è inchinato a Pechino, ha criticato la violazione dei diritti umani da parte della Cina all'ONU e la persecuzione degli uiguri nel 2020. Nel 2021 è stato aperto un ufficio di rappresentanza di "Taiwan", che ha portato al boicottaggio delle merci lituane in Cina. Con il sostegno dell'UE, la controversia in seno all'OMC è stata risolta nel gennaio 2024 e le relazioni diplomatiche sono state ristabilite.

 

Praga sfida il Drago Rosso ★

Il Consiglio comunale decide a favore di una partnership cittadina con la democratica Taipei. Il precedente partner Pechino si ritira.

 

L'anima del Tibet è viva ★

Illuminare i cuori di 6,7 milioni di tibetani. Nonostante l'occupazione del 1951 in violazione del diritto internazionale, c'è stata oppressione e diffamazione del Dalai Lama. Mao aveva promesso ai tibetani l'autonomia, che essi reclamano ancora oggi. È necessario un maggiore sostegno per salvare la cultura nativa di questo popolo di montagna soppresso.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

5 - PIANO D'AZIONE

"De-coupling" o "de-risking"? Resistere o tacere?

Quale nuova strategia per la Cina possono adottare il Nord America, l'Europa e i loro alleati globali per proteggere i loro interessi e mantenere la Repubblica Popolare Cinese su un piano di parità?

Ecco la nostra proposta per un Piano Regolatore di Contenimento "Fair Partnership with China".

Cosa fare?
1. Una politica di dialogo sicuro di sé con la Cina ad altezza d'uomo

Il geostratega tedesco-americano Fritz Kraemer (mentore di Henry Kissinger e del fondatore di Mission Future Hubertus Hoffmann) ha definito la superficialità delle analisi di politica estera, che spesso lo infastidiva, "nobili chiacchiere".

Spesso si vuole perseguire una politica descritta e designata come "de-escalation e prudenza". Rituali di riunione senza sostanza. Cordialità senza risoluzione dei problemi. Non esporre i propri pensieri e obiettivi, ma rimanere comodamente in silenzio.

Tuttavia, questo approccio è destinato a creare malintesi perché può essere interpretato come consenso o debolezza provocatoria.

Mancano approfondimenti storici e analitici e informazioni di base sulla Cina.

Kissinger formulò questo distacco in modo diplomatico:

"Gli incontri di oggi producono un comunicato dopo l'altro, ma poi non succede molto".

Infatti, troppo spesso mancano proposte concrete, sia per il dialogo che per il contenimento.

Kissinger ha raccontato come ha iniziato e mantenuto il dialogo con la Cina nei primi anni Settanta:

"L'amministrazione Nixon ha dedicato due terzi del tempo a spiegare la posizione americana negli affari globali e ad ascoltare le opinioni cinesi. Questo è importante anche oggi".

Il dialogo è la lingua madre dell'umanità e della diplomazia. Ci aiuta a trasformare i nemici in avversari e gli avversari in amici. Pertanto, dovremmo essere d'accordo con Henry Kissinger quando raccomanda:

"È necessario un dialogo permanente ad alto livello. Analizzare gli eventi con sobrietà e adottare una modalità di gestione dei disaccordi. Non bisogna aspettare che le cose controverse emergano e generino uno scontro".

Lo statista si concentra sulla domanda cruciale: "Quali problemi attuali richiedono la nostra attenzione e come dovrebbero essere risolti attraverso il dialogo?".

Abbiamo bisogno di un dialogo aperto con la Cina, fresco e sicuro di sé. Più dialogo per spiegare i nostri diversi punti di vista, per ascoltare e capire da entrambe le parti. Invece di visite di Stato pompose e di una diplomazia di pubbliche relazioni con belle foto e comunicati per lo più vuoti. Abbiamo bisogno di discussioni intense e a lungo termine, di documenti di lavoro concreti da parte di commissioni congiunte, di proposte iniziali e di un linguaggio semplice e orientato alla soluzione, senza tabù.

Dovremmo sempre tenere a mente la saggezza di Albert Einstein e perseguire una politica attiva piuttosto che passiva nei confronti della Cina:

"Il mondo non sarà distrutto da coloro che fanno il male, ma da coloro che li guardano senza fare nulla".

2. Una nuova strategia duale cinese alla Harmel

Troppi politici occidentali molli non hanno ancora il coraggio di difendere gli interessi nazionali dei loro popoli. Rimangono in silenzio o pensano che la gentilezza produca gentilezza. Questo è irrealistico, ingenuo e pericoloso: una debolezza provocatoria che la Cina sfrutterà sempre.

Applichiamo alla Cina lo strumento strategico di maggior successo della Guerra Fredda, il Rapporto Harmel della NATO del 1967, che ha introdotto la duplice strategia della deterrenza credibile e del dialogo simultaneo. Chiamata distensione negli anni '70, combinata con trattati di disarmo con il principale avversario, l'URSS.

Questa è stata la formula vincente dell'Occidente per la guerra fredda.

Non una strategia di neutralità o di acquiescenza con capacità di difesa inadeguate, ma di forza. Inoltre, il dialogo come lingua madre dell'umanità.

Questa doppia strategia ha efficacemente dissuaso i falchi del Cremlino per tre decenni e ha mantenuto la pace nell'era nucleare.

Da questa posizione sono stati negoziati diversi trattati di disarmo efficaci (come SALT I, II, START, INF, MBFR e CSCE).

L'Occidente ha continuato a difendere la libertà e i diritti umani e non ha ceduto alla minaccia rossa.

Questa strategia ha aperto la strada a rivoluzioni pacifiche in Polonia e successivamente nell'intero Patto di Varsavia, consentendo un cambiamento politico a Mosca dal 1985 al 1991.

Gli Stati Uniti e l'Europa hanno bisogno di una nuova strategia Harmel per affrontare la Cina.

Una doppia strategia cinese basata sul dialogo e sulla deterrenza.

Questa strategia vincente richiede una forza e una fiducia in se stessi deliberate e credibili in tutti i settori delle relazioni con la Cina. In altre parole, non si deve guardare da un'altra parte, non ci si deve nascondere, non si deve sbiancare o inchinarsi, ma si deve adottare una politica dura e chiara di forza come base indispensabile.

Il PCC comprende e rispetta solo la forza e il potere dell'altro. Questo è un dato di fatto, che vi piaccia o no.

Lo dimostrano le sue azioni spietate contro gli Stati deboli del Bhutan (rivendicazioni territoriali) e delle Filippine (occupazione delle barriere coralline) o la violazione delle promesse di autonomia fatte da Mao ai pacifici tibetani o a Hongkong. Chiunque sia debole viene oppresso da Pechino. Questo vale anche per il commercio globale e il mercato cinese.

3. La Cina sta commettendo un grave errore strategico, proprio come l'Impero giapponese o il Kaiser Guglielmo II.

Nel nostro dialogo aperto dovremmo discutere ancora e ancora di questi fatti storici.

Il problema non sono la Cina o i cinesi. La dura dittatura del Partito Comunista Cinese e la sua ideologia rappresentano una pericolosa minaccia.

Il partito alimenta le fiamme del nazionalismo privando le persone dell'ossigeno della libertà. Produce menzogne. La sua politica assomiglia a un Drago Rosso arrabbiato e sputafuoco che intimidisce, distrugge e chiede tributi.

Questa cattiva abitudine ricorda il "tempo degli imperi in guerra" in Cina dal 453 al 221 a.C. o Kublai Khan della dinastia mongola Yuan dal 1271 al 1294.

Hanno anche delle somiglianze con l'Impero giapponese e con l'arroganza e l'ignoranza nazionalistica del Kaiser Guglielmo II nel Reich tedesco del XX secolo.

La leadership, basandosi sui propri successi e sull'esagerazione ideologica senza una critica compensativa, diventa troppo arrogante e aggressiva.

Questo non è cinese. Non è Lao Tzu ("La gentilezza nelle parole crea fiducia" - "I popoli devono vivere in pace" - "Solo gli umili sono in grado di governare") o Confucio ("L'uomo superiore cerca l'armonia" - "Tratta tutti come vorresti essere trattato tu stesso"). Non sorrisi, ma ruggiti. Non bambù, ma razzi. Non saggezza, ma dettami del potere. E la vecchia ideologia tedesca del marxismo, fallita in 49 Stati negli ultimi 100 anni.

Questa politica aggressiva del drago dovrebbe essere sostituita al più presto da una nuova politica armoniosa del panda. Altrimenti, la Cina andrà incontro alla catastrofe di una sopravvalutazione nazionalistica delle proprie capacità e di un graduale isolamento a livello globale.

Proprio come l'impero giapponese nazionalista, espansionista e arrogante degli anni Trenta.

Negli ultimi anni, Pechino ha turbato il gigante addormentato degli Stati Uniti d'America e l'esausta Unione Europea con il suo comportamento esagerato, intimidendo così 800 milioni di persone. Una strategia davvero poco saggia. I contratti eccessivi ed egoistici dell'iniziativa One Belt, One Road hanno causato indignazione non solo in Sri Lanka, ma anche in Asia centrale e in Africa. Per oltre 30 anni, i diplomatici cinesi sono stati particolarmente gentili e accoglienti, ora appaiono arroganti e aggressivi. Stanno operando sul ghiaccio sottile nella zona di pericolo delle "vittorie perdute".

La nostra grande preoccupazione è che la nuova leadership cinese non abbia imparato molto dalla storia dell'ascesa e della caduta di altre grandi potenze. Anche Dai-Nippon, l'impero giapponese troppo aggressivo, si sentì attaccato e costretto negli anni Trenta, si sopravvalutò completamente e alla fine si autodistrusse nel 1945. Anche la vitalità dell'America è stata sottovalutata.

L'Impero tedesco guglielmino è storicamente il più simile alla Cina di oggi.

Senza l'esuberante nazionalismo, la Germania avrebbe potuto continuare a crescere come nazione scientifica e industriale dinamica e di successo, diventando la potenza dominante dell'Europa. Ma Guglielmo II voleva di più. Sfidò l'impero mondiale britannico con la sua flotta e la vicina Francia, dando così inizio alla Prima guerra mondiale e alla sua stessa caduta.

Adolf Hitler voleva vendicarsi dell'umiliazione del Trattato di Versailles, creare spazio per le popolazioni dell'Est e iniziò una grande guerra, che oggettivamente non poteva vincere: una guerra di logoramento e su due fronti contro l'Impero britannico, la Russia e l'America.

Anche i nazionalisti di Xi si sopravvalutano e giocano con il fuoco.

Alcuni prevedono addirittura piani di invasione di Taiwan fino al 2049, il che potrebbe portare rapidamente a un nuovo incendio mondiale. È una politica saggia nell'interesse della Cina?

Henry Kissinger, uno dei più noti esperti di Cina, ha lanciato un monito all'inizio del Bloomberg New Economy Forum del 16 novembre 2020:

"Se non ci sarà una nuova base per l'azione cooperativa, il mondo scivolerà in una catastrofe paragonabile alla prima guerra mondiale. Il pericolo è che si verifichi una crisi che vada oltre la retorica e si trasformi in un vero e proprio conflitto militare".

Pechino sta commettendo un altro errore.

Senza l'ossigeno della libertà, non ci può essere una creatività sufficiente nel Paese né un vero entusiasmo dei giovani.

Ma questo è il futuro della Cina e il prerequisito per il progresso, le prestazioni del partito per i suoi cittadini, l'armonia e quindi la stabilità interna.

Chi ama la Cina deve quindi rafforzare le forze panda dell'armonia nel Paese e contenere glielementitotalitari del Dragone Rosso.

La grande maggioranza della popolazione cinese desidera verità, libertà, giustizia e pace, proprio come noi. Vuole anche una stabilità duratura per la sua patria. Cosa c'è di sbagliato in questo? Proprio come gli otto eroici medici di Wuhan, i dottori Li Wenliang e Ai Fen. Avevano già avvertito del virus Corona nel dicembre 2019 e sono stati messi a tacere dal Partito Comunista Cinese sul posto. Ma anche molti membri del partito, tra cui alti funzionari del Comitato centrale e di altre istituzioni, con cui abbiamo parlato in via confidenziale a Pechino. Tutti loro e i loro figli ben istruiti sono il futuro luminoso della Cina, in cerca di libertà.

È fondamentale l'equilibrio tra uno Stato forte che crea progresso e prosperità e l'esistenza di libertà individuali.

L'attuale modello Xi è un modello antico, radicato nel pensiero del periodo imperiale e nella vecchia e fallimentare ideologia tedesca del marxismo.

Questo vecchio modello imperiale è fallito in Cina nel 1820, perché troppo rigido e anti-progressivo. Anche il neo-maoismo è un passo verso un passato amaro. Perché intraprendere di nuovo questo percorso spinoso? Inoltre, non risponde più alle esigenze di un mondo globalizzato e della natura umana e potrebbe quindi rompersi come una canna di vetro. I giovani manifestanti di Hong Kong hanno fomentato un processo di fermentazione che si sta svolgendo sotto le rigide regole del conformismo anche nella Cina continentale. La natura umana chiede individualità, libertà e diritti umani - un vento di cambiamento che mira a modificare il futuro della Cina.

Possiamo imparare molto dai grandi cinesi. La loro coesione familiare, la loro venerazione per gli anziani. La loro infinita diligenza. La loro apertura mentale verso il futuro.

Ma senza più libertà e umanità, non ci potrà essere né una terra armoniosa di sorrisi né un ordine mondiale pacifico nel XXI secolo.

La Cina ha anche bisogno di una Mission Future Cina con più libertà e armonia nella prossima fase di sviluppo. Sosteniamo quindi le forze coraggiose del Paese per il futuro.

Chi tace o promuove l'acquiescenza li tradisce, rafforza il potere degli aggressivi e quindi indebolisce la Cina nel lungo periodo. Dobbiamo avviare subito una discussione aperta su questo tema.

4. Non dare la colpa a Pechino: Attuare riforme radicali nelle democrazie occidentali con un Mission Future.

Come l'acqua, la Cina riempie i vuoti creati dall'Occidente.

L'obiettivo è rendere l'Occidente adatto e capace di plasmare il futuro. Altrimenti, la Cina è destinata a vincere e a dominare.

Non bisogna biasimare Pechino per aver sfruttato i punti deboli dell'Occidente.

Incolpa l'Occidente di essere troppo debole, morbido e vulnerabile.

È necessario un Mission Future negli Stati Uniti e in Europa, così come in Giappone o nella Corea del Sud e in India. Questo è il fulcro del bilanciamento del Dragone cinese.

Pertanto, una strategia di contenimento militare non è sufficiente. Occorre invece perseguire una Grande Strategia che combini fattori soft e hard di pacificazione e forza globale.

L'Occidente deve lavorare insieme per raggiungere una leadership di sistema nell'intelligenza artificiale, nella creatività politica e nell'efficacia, mantenendo la propria competitività e prosperità.

5. Le sfide totalitarie necessitano di un contenimento, anche per quanto riguarda le narrazioni.

Viviamo in un villaggio globale. Pertanto, dobbiamo lottare per le nostre regole e i nostri valori, se le regole della casa minacciano di essere riscritte da un libro di giochi totalitario.

La Cina vuole dominare la narrazione a livello globale e ottenere così la supremazia su tutte le narrazioni. Non sono più i valori delle democrazie occidentali a dominare il dibattito globale, ma l'ideologia della versione cinese del marxismo-leninismo. Una guerra globale dell'informazione che Pechino sta portando avanti sistematicamente mentre l'Occidente si indebolisce. Uno dei principali strumenti è TikTok, con una stima di 1,7 miliardi di utenti in tutto il mondo, che si prevede saliranno a 2,2 miliardi entro il 2027.

La libertà e i diritti umani devono affrontare venti gelidi provenienti da molte direzioni. Le sfide all'ordine liberale stanno crescendo a livello globale, generando pericoli all'interno e all'esterno dei confini nazionali.

Dittatori e autocrati sono in aumento in tutto il mondo, dopo cinque decenni di costante declino. Karl Dietrich Bracher, dell'Università di Bonn, definisce totalitari i Paesi in cui un partito e un'ideologia si arrogano esclusivamente la leadership. Sopprimono i diritti umani, i principi democratici di tolleranza, il libero sviluppo della personalità e l'autonomia dei diversi ambiti della vita. Nella sua opera "L'esperienza totalitaria", Bracher fa riferimento alla pretesa globale di totalitarismo, che "caratterizza il processo di ideologizzazione dello Stato e della società, dell'economia e della cultura". Si tratta di "dittature altamente ideologizzate con un'inesorabile pretesa di realizzare idee assolutistiche di estrema esagerazione e radicalità". Egli si riferisce all'ideologia come alla giustificazione ideologica del governo politico in relazione alla realtà politica.

Il totalitarismo è risorto in molte forme in tutto il mondo, come una dichiarazione di guerra alle nostre libertà, alla pluralità e ai valori condivisi delle Nazioni Unite. Inizia sempre a piccole dosi, passo dopo passo. Aumenta fino a raggiungere il potere, instaurando una dittatura. È rosso o marrone o ha altri colori.

Ora la Cina sta raccogliendo queste forze per formare un blocco alternativo contro il modello occidentale di Stati Uniti ed Europa. Pechino non esita a includere Iran, Russia o Corea del Nord.

Le dittature dominano anche le Nazioni Unite.

Esiste una minaccia a lungo termine per i valori occidentali.

Il nostro stile di vita è sotto attacco.

Dobbiamo agire o saremo costretti ad arrenderci.

Con tutte le conseguenze negative per le nostre fragili democrazie, la stabilità, la ricchezza e la libertà.

6. Stop all'acquiescenza per i bonus dei manager migliori

Molti top manager di aziende occidentali preferiscono una politica che non interferisca con le loro attività in Cina. Ricevono il sostegno dei media, che sono critici nei confronti degli Stati Uniti. Essi mettono regolarmente in guardia da un "confronto", da una "guerra economica" e dal "trascinare gli europei nel conflitto tra USA e Cina".

Questo atteggiamento fraintende la natura della Cina e le motivazioni del Partito Comunista.

Le aziende occidentali sono benvenute in Cina finché l'élite al potere ne sostiene la presenza. Le aziende possono essere emarginate e praticamente espropriate da nuove leggi. Non c'è protezione contro le decisioni arbitrarie. Molti investitori stranieri hanno sperimentato questa situazione negli ultimi anni.

A ciò si aggiungono lo spionaggio industriale e il dumping di massa.

Le aziende occidentali vivono tutte su un vulcano giallo.

Per essere onesti, questi manager dovrebbero anche dire che sono interessati a buoni risultati trimestrali per le loro aziende e ai bonus che ne derivano - in altre parole, l'interesse personale domina. La maggior parte dei contratti prevede una remunerazione legata ai risultati, basata sugli utili (EBITDA) e sul prezzo delle azioni. Spesso rappresenta i due terzi del reddito annuale dei dirigenti. Viene determinata ed erogata annualmente dal Consiglio di sorveglianza. L'orizzonte temporale del management è quindi solitamente di pochi anni. Il fatturato e l'utile annuale dell'azienda cinese influenzano la retribuzione dei top manager. Questo va bene in linea di principio, ma non si deve permettere che domini la conduzione della politica estera.

Si tratta di stabilità a lungo termine e di preservare la libertà e la pace nel mondo, non di profitti a breve termine per gli individui in una società capitalista.

C'è un'altra ragione importante: l'acquiescenza non porta mai alla pace, ma alla guerra. È stato così con Hitler nel 1938/39 e in Ucraina prima dell'intervento russo nel febbraio 2022. Qualsiasi dirigente che voglia evitare la guerra e i conseguenti sconvolgimenti economici e le sanzioni (come quelle contro e da parte della Russia nel 2022) per interesse personale deve sostenere una strategia di pace e di deterrenza credibile.

Inoltre, un simile confronto non è nell'interesse del popolo cinese.

Pertanto, è necessario evitare qualsiasi "debolezza provocatoria". Le aziende hanno bisogno di una strategia intelligente per la Cina. Soprattutto, questo include condizioni competitive eque.

7. Necessità di contenimento militare

Solo gli Stati Uniti possono contenere la Cina, alleati con Giappone, Corea del Sud, Australia, India e nazioni europee come il Regno Unito.

Tuttavia, molti mettono in guardia da quello che chiamano "scontro", spingono per il "dialogo" e criticano un "tono aggressivo" contro Pechino. In sostanza, promuovono l'appeasement. Ma è questa la strategia adeguata nei confronti del Partito Comunista Cinese? Ha funzionato bene in passato? No, affatto. L'appeasement è una debolezza provocatoria. Rende il PC cinese più affamato e aggressivo. Pertanto, rende più probabile lo scontro e la guerra.

Bisogna evitare la debolezza provocatoria, indebolendo così i Draghi Rossi e promuovendo gli orsi Panda nel Partito Comunista e nelle élite cinesi.

Senza una deterrenza credibile da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati Giappone e Corea del Sud o del Regno Unito, i Dragoni Rossi domineranno.

Dobbiamo trarre una lezione dall'inizio della Seconda guerra mondiale in Asia. È iniziata con i dragoni giapponesi che hanno invaso altri Paesi come la Cina. Inoltre, sottovalutarono gli Stati Uniti e attaccarono Pearl Harbor. La leadership e i militari giapponesi, aggressivi, ignoranti e arroganti, sopravvalutarono le minacce e sottovalutarono la forza degli avversari. Lo stesso può accadere di nuovo alla Cina.

8. Pensare come Xi - Taiwan è la nuova Pearl Harbor.

Come il Giappone il 7 dicembre 1941, Xi potrebbe pensare che Taiwan sia essenziale per la sua immagine e una facile vittoria. Utilizzando un boicottaggio o un attacco.

Con la conseguenza di una nuova era glaciale nelle relazioni con l'Occidente.

Che, secondo i suoi calcoli, è troppo debole e spaccato per reagire con forza.

Pochi nella cerchia ristretta osano dirgli la verità.

Attaccare Taiwan non è nell'interesse di Pechino.

Sarebbe l'inizio della fine.

Questo deve essere detto a Xi ancora e ancora, da persone non cinesi.

Sminuire le reazioni dell'Occidente, promuovendo la "deescalation" e prendendo le distanze dagli appelli degli Stati Uniti, motiverebbe il comportamento aggressivo del Dragone Rosso. Un simile approccio promuoverebbe la guerra, non la pace. Proprio come i sostenitori dell'appeasement Chamberlain e Daladier negli anni Trenta stimolarono il desiderio di Hitler di invadere la Renania nel 1936 e la Cecoslovacchia nel 1938 - l'inizio della fine e della Seconda Guerra Mondiale.

Per evitare una percezione errata da parte di Xi, una strategia di deterrenza credibile dovrebbe determinare la politica di Stati Uniti, Giappone, Corea del Sud, Australia, Unione Europea e Regno Unito.

La debolezza provocatoria dell'Ucraina, priva di difese credibili, ha ispirato la decisione del presidente russo Putin di invaderla nel febbraio del 2022: dovremmo aver imparato questa lezione ormai.

È chiarissimo che Xi sta giocando il gioco del potere a Taiwan secondo gli insegnamenti di Sun Tsu.

Xi non attaccherà se pensa di poter perdere.

Non è tanto importante quello che pensa la gente in Occidente, quanto piuttosto come pensano Xi e il suo popolo.

La percezione e la mentalità contano molto.

Xi non ha deciso di attaccare Taiwan o di strangolarla con un boicottaggio. Sta testando fino a che punto può spingersi. Come reagirà Taiwan? Cosa faranno gli Stati Uniti e le altre nazioni?

Se la sua percezione gli dice che perderà una guerra, non la inizierà.

Se pensa di vincere, attacca.

Pertanto, la deterrenza credibile è la cosa più importante.

Xi sta seguendo una perfetta strategia di Sun Tsu. Noi lo sappiamo, ma molti non lo capiscono. Gli acquiescenti lanciano segnali sbagliati di debolezza provocatoria, che promuovono esattamente la guerra che vogliono per evitare di essere gentili con il signor Xi.

Xi non attaccherà Taiwan per due motivi:

In primo luogo, non può calcolare come reagirebbero le forze armate statunitensi.

In secondo luogo, la Cina non avrà le capacità militari per un attacco prima del 2030.

9. Piano generale "Partenariato equo con la Cina" comprendente 13 azioni

Che tipo di nuova strategia per la Cina possono adottare il Nord America, l'Europa e i loro alleati globali per proteggere i loro interessi e mantenere la Repubblica Popolare Cinese su un piano di parità?

La nostra proposta di un Piano regolatore di contenimento "Fair Partnership with China" contiene questi 13 elementi:

9.1. Una politica di contenimento unificata da parte di tutte le democrazie. L'Occidente deve elaborare un piano generale comune. Deve essere attuato in modo coerente da un blocco di democrazie con finanziamenti adeguati, creatività, nervi saldi e coraggio.

O la Repubblica Popolare Cinese, come forte dittatura, domina la politica mondiale in tutti i settori e i valori e gli interessi occidentali passano in secondo piano, oppure gli Stati Uniti, l'Europa, il Giappone e altri Stati evitano questo nuovo dominio esercitando il loro potere comune.

Con una politica di contenimento fresca e creativa.

Inchinarsi o affermarsi - questa decisione non può essere evitata.

L'azione congiunta di Europa e Stati Uniti d'America - in alleanza con altri Paesi democratici come Giappone, Corea del Sud, Australia, Nuova Zelanda, Canada e India - può tenere a bada il dragone cinese sputafuoco.

Sia l'Unione Europea (450 milioni) che gli Stati Uniti (330 milioni) sono troppo piccoli da soli per contenere efficacemente la Repubblica Popolare Cinese.

Londra ha iniziato a promuovere un nuovo forum di cooperazione per l'estate 2020: un club delle dieci democrazie più importanti, chiamato "D 10", che comprende Giappone, Australia, Corea del Sud e India. Questo forum avrà il compito, ad esempio, di sviluppare alternative alla tecnologia Huawei per il 5G e il nuovo 6G e di proteggere importanti catene di fornitura.

L'UE ha concluso un accordo globale sugli investimenti (CAI) con la RPC il 30 dicembre 2020. Bruxelles è piuttosto ottimista. Anche in questo caso, un pio desiderio? La Cina rispetterà i suoi impegni o li violerà, come dimostrano il trattato con la Gran Bretagna su Hong Kong, gli accordi esistenti sulla protezione dei brevetti o contro la corruzione internazionale?

Sarebbe più sensato concludere un accordo globale di protezione degli investimenti con la Cina di tutti i Paesi democratici insieme. Dopo sette anni di negoziati, non ha più importanza se ci vorranno ancora pochi mesi per finalizzare l'accordo.

Superare le divisioni in Europa.

L'UE e la NATO devono impegnare tutti i membri - in particolare la Grecia, l'Ungheria e l'Italia - in una politica di contenimento comune e assertiva nei confronti della Cina e non devono lasciarsi dividere ulteriormente.

Solo gli europei nel loro insieme hanno un'influenza strategica, non più singoli Paesi come la Germania o il Regno Unito. L'Europa è una grande potenza economica, ma solo se è unita. Per questo Pechino punta a seminare divisioni ovunque sia possibile. Vuole relazioni bilaterali speciali con ogni paese.

La Cina vuole separare l'Europa dagli USA. L'Europa deve rimanere neutrale nel conflitto con gli USA.

L'obiettivo di Xi è dividere l'unità dell'Occidente, in primo luogo la separazione tra Europa e Stati Uniti. Questo è anche l'obiettivo principale di Putin.

L'Occidente deve elaborare un proprio piano generale comune. Comprendendo gli Stati Uniti, l'Europa, il Giappone, la Corea del Sud, l'Australia. India a parte.

Deve essere attuato in modo coerente come un blocco di democrazie con un finanziamento adeguato, creatività, nervi saldi e coraggio.

Il 10 aprile 2024, il presidente degli Stati Uniti Jo Biden ha invitato per la prima volta alla Casa Bianca i capi di governo di Giappone e Filippine per uno storico incontro trilaterale. Un chiaro segnale di unità e deterrenza nei confronti di Pechino.

9.2 Coinvolgere il Sud globale in modo più intelligente. Dobbiamo ristabilire migliori contatti con i Paesi del Sud globale ed evitare che scivolino nel campo Cina-Russia.

L'Europa dovrebbe sviluppare sia un'alternativa al progetto cinese della Via della Seta sia un piano di sviluppo per la vicina Africa. Lì la Cina è vista in modo sempre più critico, addirittura come "colonialista dipinto di rosso".

Perché non istituire due commissioni internazionali per indagare sulle cause della pandemia globale di corona a Wuhan e sull'oppressione della minoranza musulmana?

9.3 De-risking - nessun disaccoppiamento. Disaccoppiare significa congelare tutte le relazioni. È meglio il de-risking, ossia la riduzione e l'attenuazione del rischio, perché la Cina è ancora necessaria come partner economico.

9.4. Non stare in silenzio, alzati. Niente sudditanza, ma piuttosto più fiducia in se stessi. Attualmente la Cina si considera vincitrice nella competizione sui sistemi.

9.5. Trasparenza e onestà. Sono indispensabili. Essere sinceri su ciò che si vuole e su ciò che è vietato. Nessuna sudditanza, ma piuttosto più fiducia in se stessi.

9.6. Sostenere le forze cinesi dell'umanità e della libertà. Perché sono il futuro positivo del Paese e contengono gli aggressori. Ciò include il divieto immediato di ingresso in tutti i Paesi occidentali ai funzionari cinesi responsabili di gravi violazioni dei diritti umani e di spionaggio industriale.

Inviti al Dalai Lama e ad altri combattenti per la libertà, invece di appeasement e silenzio. Più visite a Taiwan e sostegno alla difesa. Non dobbiamo nasconderci o rimanere in silenzio, ma sostenere i nostri valori e difenderli contro gli aggressivi guerrieri del drago, rafforzando così la fazione dei panda.

9.7. Acquisizioni cinesi sottoposte a una riserva governativa più severa. L'approvazione del governo dovrebbe essere abbassata al cinque per cento per le partecipazioni di società cinesi.

9.8 Stabilire la reciprocità. Tutto ciò che la Cina può fare in Occidente, l'Occidente può farlo in Cina. Tutto ciò che è vietato all'Occidente in Cina è vietato anche ai cinesi in Occidente. Commercio equo e parità di diritti nell'accesso al mercato, nella protezione dei brevetti e negli investimenti.

9.9 Costruire grandi consorzi internazionali di IT e AI. Da Stati Uniti, UE, Regno Unito, Giappone, Corea del Sud, India e Singapore per il 6G e l'IA nella quarta rivoluzione industriale. Non accedere a Huawei in aree sensibili e scegliere Nokia, Ericsson e Cisco come alternative indipendenti al 5G.

9.10 Sviluppo di capacità produttive strategicamente importanti. In Europa e negli Stati Uniti. Ad esempio, per le maschere o le materie prime per i farmaci. Inoltre, maggiore produzione in India e nel Sud-Est asiatico.

9.11. Ridurre radicalmente la dipendenza industriale dalla Cina. Aumentare l'attenzione verso l'India e il Sud-Est asiatico. Nel luglio 2020 il Giappone ha pagato oltre 653 milioni di dollari a 87 aziende che hanno deciso di ritirare i loro siti produttivi dalla Cina.

9.12. Punire gli abusi in modo coerente con una politica di tolleranza zero ed evitare debolezze provocatorie. Supervisione più rigorosa del rispetto di tutti i trattati e sanzioni immediate per i comportamenti abusivi. Questo vale per ignorare le pretese illegali di Pechino nel Mar Cinese Meridionale e la violazione dell'accordo con la Gran Bretagna su Hong Kong. Istituzione di una commissione internazionale per indagare sulle cause della pandemia di corona globale a Wuhan e sull'oppressione della minoranza musulmana.

9.13. Trasparenza. Divulgare le attività della lobby cinese, i cyber-attacchi e lo spionaggio industriale non nascondendoli più educatamente. L'Occidente deve comandare i fatti. Spesso mancano dati in tempo reale sul commercio globale con la Cina. Questo aspetto deve essere migliorato attraverso l'uso dell'IA.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

6 - FONTI E PARTNER PRINCIPALI

I documenti e i link importanti sono disponibili qui.

Henry A. Kissinger

Leggi il suo libro "Sulla Cina" (2012)

I migliori istituti di ricerca in Cina

Centro per la Cina dell'Università di Oxford

I migliori istituti di ricerca in Cina

Centro di studi cinesi Fairbank dell'Università di Harvard

I migliori istituti di ricerca in Cina

Centro di studi sull'Asia orientale di Stanford

I migliori istituti di ricerca in Cina

Disputa sul Mar Cinese Meridionale

Commissione europea

Documento di lavoro sulle distorsioni significative nell'economia della Repubblica Popolare Cinese ai fini delle indagini di difesa commerciale, 10 aprile 2024

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

Manuali d'azione correlati