Manuale d'azione per la democrazia
Come salvare le nostre democrazie, fragili come l'Acropoli? Sotto attacco da parte di: Vari totalitari, interni ed esterni. Ideologi e radicali di ogni tipo. Populisti di destra e di sinistra che promettono il paradiso. Ma anche paralizzati da politici sonnolenti, che non risolvono i problemi urgenti. Parlano. Non agiscono. Producendo non elettori e elettori di protesta delusi. Noi presentiamo la soluzione migliore: Un Mission Future con cuore e mente. Basato su umanità, creatività ed efficacia. Combinando la digitalizzazione con la saggezza e rivitalizzando così le nostre democrazie.

Il nostro Mission Future AI

I. Missione

Mission Future AI vi offre soluzioni best practice di livello mondiale:

  • Per una politica migliore che si concentri su azioni creative.
  • Filtrati dalla nostra IA curata dall'uomo.
  • Selezionati oggettivamente dalla nostra rete globale di campioni d'oro.
  • Basato su umanità, creatività ed efficacia.
  • Non guidato dall'ideologia, non di destra o di sinistra, ma indipendente, aperto e orientato al futuro.
  • Promuovere una realpolitik pragmatica con cuore e mente.

Seguiamo i motti di grandi menti, come

Albert Einstein, che è il nostro modello e simbolo di umanità, creatività e intelletto per Mission Future.

Ha detto:

"L'immaginazione è più importante della conoscenza".

"Non possiamo risolvere i problemi del mondo allo stesso livello di pensiero con cui li abbiamo creati".

"Il mondo non sarà distrutto da coloro che fanno il male, ma da coloro che li guardano senza fare nulla".

"La definizione di follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi".

Steve Jobs ci ha dato questo consiglio:

"Il modo migliore per creare valore nel 21° secolo è collegare la creatività alla tecnologia".

Nelson Mandela ha chiesto:

"Che le vostre scelte riflettano le vostre speranze, non le vostre paure".

Elon Musk ha detto ai suoi dipendenti:

"Non venite da me con i problemi, venite da me con le soluzioni".

Mukesh Ambani ha chiesto a Mumbai:

"Sogna in grande e concentrati sull'obiettivo e supererai tutti gli ostacoli. Puntate a essere i migliori, non solo in India, ma anche nel mondo".

Oprah Winfrey ha detto:

"Lasciate che l'eccellenza sia il vostro marchio".

I membri del nostro team sono motivati da un'instancabile ricerca dell'eccezionale e delle migliori soluzioni a livello globale.

Integriamo le saggezze eterne di grandi pensatori globali, come Confucio, Epitteto, Kant o Nietzsche.

Creatività ed eccellenza sono le chiavi d'oro del successo della politica del futuro.

Con una politica di riforma globale all'avanguardia , rafforziamo le nostre fragili democrazie e rendiamo il mondo un posto migliore. Con più umanità, tra cui libertà e tolleranza, prosperità, felicità e armonia.

II. Come lavoriamo

Mission Future combina il nostro motore di ricerca AI Mission Future , unico nel suo genere, controllato e curato dall'uomo, con la nostra rete internazionale di massimi esperti.

Entrambi filtrano le pepite d'oro selezionate a mano . Da centinaia di fonti e studi, giorno per giorno.

Il risultato è una selezione unica e facilmente digeribile delle migliori idee e proposte d'azione del mondo. Semplicemente il meglio.

Qui non presentiamo le nostre opinioni soggettive, ma le soluzioni oggettivamente migliori dei campioni del Golden Global. Filtrate con l'aiuto dell'intelligenza artificiale. Curate umanamente dai nostri esperti di livello mondiale. Controllati e aggiornati quotidianamente.

III. Cosa si ottiene

  • Vi forniamo un pacchetto iniziale di soluzioni di best practice su temi importanti della politica.
  • Con suggerimenti concreti per le azioni e un primo masterplan.
  • Anche la creatività.
  • Mission Future vi presenta i Campioni d'oro globali come best practice da cui imparare.
  • Concentrati sull'essenziale, le migliori azioni per migliorare con il cuore e la mente.
  • Semplice e pronto all'uso.
  • I nostri manuali d'azione innovativi vi mettono al corrente delle migliori pratiche globali e vi aiutano a fornire soluzioni all'avanguardia, creative e collaudate.
  • Aggiornato con l'intelligenza artificiale per trovare le soluzioni migliori per voi a livello globale e analizzare diversi modelli giorno per giorno.
  • In combinazione con incontri Zoom e scambio di idee fresche nella nostra rete professionale esclusiva.
  • Incluso un elenco delle principali organizzazioni e reti per saperne di più.
  • Traduzioni superveloci in 4 lingue diverse (inglese, tedesco, spagnolo, francese)

IV. Perché meglio?

  • Pronti all'uso senza indugio oggi stesso. Potete utilizzare la nostra banca dati all'avanguardia a livello mondiale senza dover fare lunghe ricerche.
  • Il tempo è denaro. Noi abbiamo il know-how - voi avete bisogno di molti dipendenti e di mesi per raggiungere semplicemente il meglio. Siamo anche più veloci e più economici.
  • Noi siamo sempre aggiornati - e voi? Oggi avete sviluppato un buon piano con grande impegno, ma domani potrebbe essere obsoleto?
  • Annegate nell'oceano infinito di informazioni e di opinioni e pareri diversi. Noi vi aiutiamo. Ordiniamo, valutiamo. Creiamo un'essenza, i nostri Manuali d'azione. Compresi i Campioni globali. In argomenti importanti e selezionati. I nostri massimi esperti sono in grado di distinguere il buono dal cattivo, l'inefficace dall'efficace a livello globale. E voi?
  • Questo strumento innovativo vi mette al corrente delle migliori pratiche globali e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.
  • Le nostre eccellenti best practice globali si sono dimostrate nella realtà. Di conseguenza, sono generalmente molto più efficaci e spesso più convenienti delle soluzioni fatte in casa.
  • Riuscirete a gestire i vostri compiti con il vostro team in modo più rapido, economico, efficace e completo.
  • I nostri manuali d'azione sono un'ispirazione, un incoraggiamento e una facilitazione per il vostro importante lavoro per la società.
  • Vi rendono più forti e migliori.
  • Potete rendere la vostra casa un posto migliore. Utilizzando questo piano regolatore, con decisione, energia e fiducia. Non aspettate, agite ora.
  • Ci piace anche il tuo contributo. Diventa tu stesso un campione globale.

V. Pagate la nostra ricerca, l'aggiornamento e il funzionamento

  • Pagherete molto meno che se lo faceste da soli. Con soli 199 euro al mese per un Manuale d'Azione sarete in cima al mondo dei Campioni d'Oro.
    Compresi gli aggiornamenti e le newsletter esclusive, gli incontri Zoom e le tavole rotonde per le discussioni.

I vostri pagamenti ci permettono di ricercare, aggiornare e gestire Mission Future AI a vostro vantaggio.

VI. Unisciti!

  • Volete provarci gratuitamente per un mese? La nostra offerta VIP per esperti, giornalisti e politici. Contattateci direttamente via e-mail all'indirizzo [email protected]

1 - SFIDE

Trump è ovunque. Funghi populisti spuntano nelle Americhe, in Europa, in Asia e in Africa. Diversi leader nazionalisti o socialisti. Promettono soluzioni semplici e nuove con una retorica dura, concentrata su pochi argomenti provocatori. Sempre critici nei confronti delle élite di potere. I partiti estremi conquistano gli elettori. Il gruppo più numeroso è spesso quello dei non votanti. Frustrazione ovunque. Le nostre democrazie possono sopravvivere e, se sì, come? Di chi è la colpa e chi è il responsabile di tutto questo?

I radicali?

Sì, perché stanno perseguendo questa politica.

Ma la colpa è solo loro?

Si può incolpare loro di aver sedotto il popolo, quando i veri democratici non perseguono buone politiche che convincano gli elettori? Se così tante persone sono frustrate, i democratici e i partiti moderati perdono credibilità e fiducia.

Le élite di potere hanno una responsabilità particolare perché sanno e capiscono più degli altri. Ma di solito sono passive.
Inoltre, i manager del mondo. Li chiamiamo politici, parlamentari, ministri o presidenti.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

2 - FATTI E NUMERI

Populistas promettono grandi risultati. Concentrarsi su pochi soggetti e nemici. Molti hanno raggiunto potere. I partiti centristi nelle democrazie stanno perdendo credibilità, fiducia ed elettori ovunque.

25
I populisti governano circa il 25% di tutte le nazioni.
92
12 Paesi su 19 con il 92% della popolazione e il 90% del PIL in tutta l'America Latina sono governati da governi di sinistra.
51
presidenti e primi ministri populisti dal 1990 al 2020 a livello globale.

35,2% (elezioni UE, in Germania 2024), 33% (elezioni presidenziali USA 2020) e 23,4% (Germania 2021) dell'elettorato. 

non ha votato.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

3 - MIGLIORI PRATICHE

Il declino strisciante del centro democratico e l'afflusso di ideologi radicali di ogni tipo hanno ridotto la base di potere di tutti i partiti democratici nel mondo. Una crisi delle democrazie. Quasi come dopo la Prima guerra mondiale, quando le deboli democrazie europee furono sostituite da dittatori nazionalisti in crisi economica. Dove c'è speranza? La ripresa. Rafforzare il terreno fertile della democrazia al centro? Utilizzando le reti digitali per ottenere una democrazia basata sul consenso.

Danimarca

Per decenni, questo Paese scandinavo ha goduto di una reputazione per la sua apertura, la felicità della sua gente e il suo stile di vita liberale. Una vita libera che accetta e rispetta altre opinioni e stili di vita, come simboleggia la moderata regina Margrethe II dal 1972.

I problemi con gli immigrati criminali hanno cambiato tutto. Lo stato sociale era minacciato da un'immigrazione eccessiva. Nelle città sono sorti ghetti con tassi di criminalità superiori alla media e bande giovanili. L'atmosfera inizialmente positiva nei confronti degli immigrati è crollata.

Nelle elezioni del 1° novembre 2022, i socialdemocratici hanno ottenuto il loro miglior risultato degli ultimi 20 anni (27,54%). Venstre, il principale partito liberal-conservatore al potere, ha perso il 40% dei seggi (13,3%).

Per la prima volta, il partito populista di destra Danimarca Democratica è entrato in Parlamento, ottenendo solo l'8,12%. In confronto, il partito populista tedesco anti-migrazione "Allianz für Deutschland" ha ottenuto il 10,3% nel 2021 e addirittura il 22% nei sondaggi del 2023, dopo che un numero sempre maggiore di migranti è entrato in Germania.

Perché il centro-sinistra ha vinto in Danimarca?

La politica sull'immigrazione dei socialdemocratici danesi rappresenta un contrappeso al discorso liberale e favorevole all'immigrazione prevalente nella maggior parte dei partiti socialdemocratici in Europa. Questa è stata la base del suo successo.

Già nel 2016, la giovane leader dei socialdemocratici danesi e attuale primo ministro della Danimarca, Mette Frederiksenha chiesto una"politica di immigrazione realistica ed equa", che "unisca la Danimarca".

In un saggio aperto e prudente pubblicato il 27 maggio 2019 ha scritto:

"Per molti anni la politica di immigrazione ha diviso la popolazione danese. In nessun'altra area politica i fronti sono così induriti. Le discussioni si trasformano in attacchi. Non è comprensibile?

Dopo tutto, la politica dell'immigrazione gioca un ruolo centrale nel determinare il tipo di Paese che vogliamo essere. Sono in gioco emozioni profonde.

E sempre più persone sperimentano in prima persona cosa succede quando l'integrazione fallisce.

Ma in fin dei conti, noi socialdemocratici non crediamo che la popolazione danese sia così divisa sulla questione come si potrebbe pensare. Vogliamo aiutare i rifugiati. È il nostro dovere di Paese compassionevole.

Allo stesso tempo, però, crediamo che ci siano dei limiti al numero di immigrati che possono essere integrati nel nostro Paese.

È anche importante integrare meglio gli immigrati.

Ma allora perché facciamo così fatica ad affrontare la questione?

Forse noi danesi siamo stati troppo veloci nel giudicarci a vicenda.

Allo stesso tempo, non si è ancora una persona cattiva solo perché non si vuole che il proprio Paese cambi radicalmente. D'altra parte, non si è ancora ingenui solo perché si vuole aiutare gli altri ad avere una vita migliore. La stragrande maggioranza di noi vuole fare entrambe le cose: vuole aiutare più persone e vuole prendersi cura del proprio Paese. .....

La società danese trae grande beneficio dai risultati e dai contributi che molti immigrati hanno dato nel corso degli anni. Si tratta di persone che hanno imparato il danese, che hanno un lavoro, che condividono i nostri valori e che ora sono semplicemente danesi.

Purtroppo, però, troppe persone sono arrivate in Danimarca senza farne parte. La sfida che dobbiamo affrontare non è temporanea. È qui per restare.

Il nostro modello di welfare è sotto pressione, così come i nostri alti livelli di uguaglianza e il nostro stile di vita. .....

Che abbiamo affrontato grandi dilemmi e trovato il giusto equilibrio tra l'assunzione di responsabilità nel mondo e l'assunzione di responsabilità per la Danimarca.

Non c'è dubbio che non possiamo aiutare tutti qui in Europa e in Danimarca.

Ma è anche vero che i rifugiati devono essere aiutati.

Le condizioni di vita nelle zone più povere del mondo devono essere migliorate in modo sostanziale, affinché le persone non cerchino la loro felicità altrove. Non possiamo voltare le spalle al mondo, né vogliamo farlo.

Ecco perché abbiamo bisogno di un piano completo e a lungo termine".

Il giovane socialdemocratico suggerisce:

"Il nostro concetto si compone di tre elementi:

I numeri sono importanti. La Danimarca deve riprendere il controllo. Vogliamo fissare un limite al numero di immigrati non occidentali che possono arrivare in Danimarca ogni anno.

Vogliamo cambiare il nostro sistema di asilo e creare un centro di accoglienza fuori dall'Europa.

In futuro, solo i rifugiati delle Nazioni Unite potranno ricevere asilo in Danimarca.

Dobbiamo aiutare più persone. In questo momento, le persone più vulnerabili sono abbandonate a se stesse: coloro che non possono fuggire o che non possono permetterselo. Le persone che hanno più bisogno di aiuto. Non è giusto. ...

Il nostro obiettivo deve essere quello di garantire che un numero minore di persone sia costretto a fuggire e che un numero maggiore di esse possa costruirsi un futuro nei propri Paesi invece di cercare una nuova vita in Europa.

La Danimarca non può risolvere questo problema da sola, ma può assumere un ruolo di leadership in tal senso. Raddoppiando il nostro sostegno nelle aree confinanti con le regioni di conflitto. E - come parte dell'UE - soprattutto consentendo una ripresa senza precedenti in Africa.

Nuova lotta per la libertà:

La socialdemocrazia è - ed è sempre stata - un progetto di libertà. Ha dato la possibilità a un numero sempre maggiore di persone di decidere della propria vita. È riuscita soprattutto a creare istruzione, un alto livello di occupazione e il libero accesso all'assistenza sanitaria per tutti. In questa lotta per la libertà, ora affrontiamo un nuovo capitolo: i nuovi danesi. L'uguaglianza di genere deve valere anche per loro. Diritti e doveri vanno di pari passo. La religione è sempre subordinata alla democrazia.

A tal fine è necessario esaminare le norme in vigore in alcune zone della Danimarca. Innanzitutto, è necessario che un maggior numero di persone entri a far parte della comunità danese, dove tutti condividono gli stessi valori di base e si incontrano su questa base nei quartieri residenziali e nelle scuole.

È necessario un piano decennale per garantire che la percentuale di immigrati non occidentali e dei loro discendenti non superi il 30% in nessun distretto residenziale, scuola o altra istituzione educativa in futuro.

Inoltre, un numero maggiore di loro dovrebbe contribuire alla società danese.

Pertanto, vogliamo obbligare tutti gli immigrati che ricevono prestazioni di integrazione e di cassa a fornire un contributo lavorativo di 37 ore settimanali.....

Fin dall'inizio ci siamo detti che dovevamo ripartire da zero, che avevamo bisogno di nuovi modi di pensare e che dovevamo adottare un approccio olistico. Crediamo di esserci riusciti con questo concetto.

Riteniamo che la Danimarca abbia bisogno di una politica di immigrazione coerente e a lungo termine, in cui la direzione di base sia stabilita e i singoli elementi non siano soggetti a continui cambiamenti".

https://www.ipsnews.net/2019/05/realistic-fair-immigration-policy-unite-denmark/

Per maggiori dettagli, consultare il nostro Manuale di migrazione.

I risultati della nuova politica migratoria della Danimarca sono chiari: il confine tra Danimarca e Germania è controllato. Ogni anno, solo circa 4.500 persone chiedono asilo.

Cosa possiamo imparare?

I socialdemocratici hanno agito e cambiato la loro politica. Questa è stata la chiave per fermare il populismo nazionalista - che vi piaccia o no.

Dimostra la necessità di arginare il populismo sulla base della soluzione dei problemi in modo pragmatico. Ciò richiede l'abbandono dei vecchi mantra, dei paraocchi ideologici e il perseguimento di nuove strade creative. Insomma, un Mission Future non solo basato su cuori e menti, ma anche su umanità, creatività ed efficacia.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

4 - CAMPIONI GLOBALI D'ORO

Alcuni Stati hanno fermato il populismo, come la Danimarca. Alcuni hanno rafforzato la democrazia con una coraggiosa politica di riforme, come l'Estonia. Altri hanno introdotto un nuovo strumento per i cittadini per discussioni più democratiche, come Taiwan e l'Islanda. Un Paese si è risollevato con un'ambiziosa politica di riforme dalle rovine alla prosperità, la Germania.

Estonia ★★★

L'Estonia è la migliore pratica a livello globale come democrazia digitale moderna e ben sviluppata. Secondo i dati PISA 2022, l'Estonia è il migliore Stato europeo in materia di istruzione e il secondo al mondo dopo Singapore. Dal 2011 il Paese è salito di quattro posizioni, raggiungendo il21° posto nell'Indice di prosperità globale 2023. L'Estonia ottiene i risultati migliori per quanto riguarda l'ambiente naturale e la libertà personale. È nota per l'alto grado di trasparenza del governo e per i servizi di e-governance ben sviluppati. Una dichiarazione fiscale online richiede solo sette minuti.

 

Danimarca ★★★

Mette Frederiksen, giovane leader dei socialdemocratici danesi e primo ministro della Danimarca, ha agito con una coraggiosa inversione di rotta e ha fermato il partito populista di destra alle elezioni del 1° novembre 2022. I Democratici danesi sono entrati per la prima volta in Parlamento, ma solo con l'8,12%. Rispetto alla Svezia (Democratici di Svezia 22,5% nel 2022) o alla Germania (AfD 10,3% nel 2021; addirittura 23% nei sondaggi del 2023). I socialdemocratici hanno ottenuto il loro miglior risultato degli ultimi 20 anni (27,54%). Dopo i troppi problemi con i migranti, nel 2016 ha avviato "una politica di immigrazione realistica ed equa", che avrebbe "unito la Danimarca". Per dirla con John M. Keynes, "se i fatti cambiano, cambia anche l'opinione". Questa è stata la base del suo successo. La Svezia l'ha seguita nel 2022. La SPD tedesca nel 2023.

Taiwan ★★

Taiwan prende sul serio i suoi 23 milioni di cittadini, anche tra un'elezione e l'altra. La metà usa Join per le petizioni al governo e l'indipendente We Taiwan per nuove idee creative e discussioni come due piattaforme online democratiche. Coinvolgere il popolo e il governo, anche tra un'elezione e l'altra.

Con il ministro digitale transgender Audrey Tang, ex hacker di Gov Zero, come promotrice di questa nuova democrazia deliberativa. Integrare una democrazia consultiva, in cui la consultazione pubblica dei cittadini è al centro dei processi democratici.

 

Islanda ★★

Better Reykjavik è una grande piattaforma democratica che dal 2010 coinvolge metà della popolazione della capitale islandese. Polis.is è utilizzato in tutto il mondo da governi, accademici, media indipendenti e cittadini, e come strumento innovativo open-source per la democrazia consultiva. Connette milioni di persone, anche a Taiwan e in Estonia, per discutere di questioni politiche scottanti.

Germania ★

Questo Paese dell'Europa centrale è risorto dalle rovine fisiche e morali della Seconda Guerra Mondiale, diviso in tre parti. Con la creativa economia sociale di mercato di Ludwig Erhard, la Germania ha riconciliato capitale e lavoro in una nuova fruttuosa simbiosi.

La costruzione dell'Unione Europea, la riconciliazione con la Francia e il Regno Unito, le riparazioni per Israele e la partnership transatlantica con gli Stati Uniti sono stati piani innovativi e un Mission Future del primo cancelliere tedesco Konrad Adenauer. Il progetto ha permesso la riunificazione e la liberazione dell'Europa orientale dalla dittatura dell'URSS socialista a partire dal 1990.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

5 - PIANO D'AZIONE

È chiarissimo come salvare le nostre fragili democrazie: con una migliore politica dei cuori e delle menti. Realpolitik. Utilizzando gli strumenti della democrazia digitale. Reformpolitik. Basata su umanità, creatività ed efficacia. Richiede molte riforme radicali nel governo, nei partiti politici, nelle amministrazioni e una mentalità aperta nella società civile. Qui presentiamo le nostre 24 regoleMission Future per rendere le democrazie forti e vitali.

1. Avviare una nuova politica innovativa 4.0 basata sui tre pilastri di umanità, creatività ed efficacia.

Questi sono essenziali per la felicità delle persone, per un progresso costante e per una politica migliore:

  • Non c'è politica senza umanità.
  • Non c'è politica senza creatività. 
  • Nessuna politica senza efficacia.

Questo è il riorientamento necessario che dispiega un enorme potenziale di miglioramento.

La base morale è l'umanità, che comprende la libertà e la tolleranza.

Il motore Ferrari della buona politica è la creatività, che oggi manca.

Senza efficacia, ogni politica è destinata a fallire. La maggior parte delle decisioni arriva troppo tardi, non è ben pianificata e non è abbastanza efficace.

Per saperne di più sull'umanità, cliccate qui.

Per saperne di più sulla creatività, cliccate qui.

Per saperne di più sull'efficacia, cliccate qui.

2. Coraggio per le cose nuove - Coraggio per il futuro.

Riforme radicali in tutti i settori della politica - un grande rinnovamento e una spinta in avanti.

Un problema centrale delle nostre democrazie è l'intrinseca mancanza di volontà di riforma. Insistere su soluzioni antiquate. Paura del nuovo, paraocchi ideologici.

Oggi la politica tende a ignorare le incertezze del futuro.

Al contrario. Le strutture di potere e i modelli di pensiero tendono a conservare e difendere le vecchie posizioni e proposte. Questo è il tallone d'Achille delle democrazie. Sono troppo lente nel prendere decisioni, nel ridisegnare. I politici sono quasi sempre troppo in ritardo. Dormono troppo il futuro dei nostri figli in un mondo dinamico e globalizzato.

È quindi indispensabile un cambio di paradigma: dobbiamo porre fine al blocco riflessivo e aprire le finestre all'aria fresca delle nuove idee.

Siate aperti di mente.

Implementate i diversimanuali di azioni di Mission Future per ottenere rapidi miglioramenti in segmenti importanti. Controllate. Provate. Testatelo. Fatelo.

3. Niente ideologie, per favore. È necessaria la realpolitik.

Non si possono risolvere i problemi di oggi con il mantra ideologico di ieri.

Quali sono i segreti delle democrazie di maggior successo al mondo? È necessaria una Realpolitik con cuori e menti. Basata su umanità, creatività ed efficacia. Fare perno, essere aperti a idee migliori ogni giorno. Uscire dalla prigione del pensiero delle ideologie, delle vecchie credenze e dei mantra di partito. Fine dell'ingenuità, della passività, dell'attesa e dell'esitazione. Azioni concrete e rapide e riforme radicali in tutti i settori, soprattutto dove i problemi diventano visibili. Una politica che si concentri su tutti i cittadini, non solo sulle minoranze, in un'ottica di concordanza pratica. Utilizzo di opzioni digitali come l'intelligenza artificiale per rafforzare i processi democratici, in una fusione di saggezza, intuizione e filantropia. Coraggio per il futuro.

Liberatevi dalla prigione del pensiero troppo ristretto della vostra lista di desideri ideologici.

Non fare politica dei sogni, ma una Realpolitik basata sui cuori e sulle menti.

Le origini della maggior parte dei partiti e le loro ideologie come conservatori, liberali o socialdemocratici li hanno ristretti per decenni a un solo aspetto dell'ampio spettro politico. La loro visione politica a tunnel è il terreno di coltura di pregiudizi e dogmi.

Questo impedisce una politica buona e ampiamente popolare, una Realpolitik. La stragrande maggioranza degli elettori, tuttavia, desidera non solo la sicurezza sociale o la libertà, ma entrambe le cose contemporaneamente in dosi equilibrate.

I partiti dovrebbero de-ideologizzarsi e aprirsi a nuove idee.

Forum e gruppi di lavoro online dovrebbero discutere nuove idee con cittadini ed esperti, come avviene a Taiwan e in Islanda. I partiti potrebbero organizzare ogni anno futuri congressi su temi importanti, in cui i membri e gli esterni presentino nuove idee e le discutano in modo controverso ma costruttivo. Con sondaggi online su tutti i temi politici, i politici di punta potrebbero scoprire regolarmente cosa si aspettano i membri della base dal partito. Questo porrebbe fine al rigido rituale dei congressi di partito controllati dall'alto. Inoltre, questo rivitalizzerebbe un partito incrostato.

Vi presentiamo la nostra Rete della Democrazia Mission Future nella Regola 24.

Dovremmo rispondere a tutti i desideri e costruire un'ampia nuova base politica. Le questioni sollevate dai gruppi emarginati non devono oscurare i desideri delle maggioranze. Abbiamo bisogno di nuovi e creativi partiti popolari.

4. Cari politici, smettetela di pensare che le vostre politiche siano grandiose, quando gli elettori stanno scappando da voi.

La classe dirigente dei politici di professione è fermamente convinta di fare quasi tutto bene. Dobbiamo solo "spiegare meglio le nostre politiche" ai cittadini, dicono.

Alla fine decidono solo gli elettori, non voi funzionari di partito, non il programma del partito, non la visione del mondo del partito, ma la gente.

Non si tratta solo di emarginare e attaccare l'avversario politico, ma di eliminare i problemi visti dai cittadini con una politica di soluzione fresca e pragmatica, come le pentole bruciate. Una Realpolitik con cuore e mente.

5. Regola 5 - 24

Regola 5

Porre fine alla banalità superficiale nel pensare, parlare, pianificare e agire.

Diventare reali, aperti, orientati al futuro, veloci, pragmatici e molto migliori.

Imparate a fare pivot, come una start-up di successo nella Silicon Valley: apritevi ogni giorno al meglio. Se trovate un'idea migliore, dimenticate l'ultima. Non rimanete ancorati a idee vecchie e superate. Anche se ve ne siete innamorati quando eravate giovani politici.

Adottate le migliori pratiche globali e inseritele nella vostra agenda politica.

Promuovere la vostra credibilità e l'approvazione degli elettori.

Cari politici, per favore, smettetela:

  • Per lo più si tratta di dichiarazioni di intenti senza piani coraggiosi e azioni necessarie.
  • Parole invece di fatti. Aspettare invece di agire.
  • Un'amministrazione da "bubblegum" invece che da riforme.
  • Molto orientato alla carriera e ossessionato dal potere.
  • Tattiche invece di risolvere i problemi in modo coerente e rapido.
  • La maggior parte di voi pronuncia le stesse frasi standard influenzate ideologicamente - l'arte politica della fraseologia autoindulgente.
  • Nel vagone letto del potere, una mentalità da lumaca senza ambizioni.
  • Aspettare e vedere invece di fare. Quasi tutto è troppo lento e troppo moralista - ma il tempo stringe. Molti problemi mondiali devono essere risolti ora. Prima che sia troppo tardi per la sopravvivenza della natura e per godere della nostra vita in libertà e felicità.

 

Regola 6

Diventare semplicemente il migliore.

Lasciate che l'eccellenza sia il vostro nuovo marchio caldo e che diventi indimenticabile per i vostri elettori.

Implementando i Golden Global Champions in tutti i settori della politica come le migliori pratiche comprovate da tutto il mondo.

 

 

Regola 7

Il nuovo obiettivo centrale di ogni politica deve essere la felicità delle persone. Tutto il resto è subordinato ad essa.

I partiti troppo spesso perdono di vista l'obiettivo principale delle persone: la loro felicità. La buona politica deve rendere felice il maggior numero possibile di persone, non solo i loro gruppi di interesse viziati. Al centro non deve esserci un'ideologia qualsiasi, ma le persone, con tutte le loro diverse esigenze. Le nuove politiche devono diventare politiche di felicità ad ampio raggio per molti.

Rafforzare la giustizia sociale? Salvare il clima del mondo? Ridurre la migrazione o la criminalità, e così via?

Sì, se rende le persone più felici.

 

Regola 8

Coltivare e rafforzare le basi della democrazia: grandi e piccole imprese, crescita economica, bassa inflazione, poca disoccupazione, buoni salari.

Senza di loro, tutto è niente e la democrazia si rompe.

Come negli anni dal 1918 al 1933 in Germania, quando l'iperinflazione e la crisi economica mondiale portarono alla povertà e al fallimento della Repubblica di Weimar. Questo fu il motivo principale per cui il partito di Hitler ottenne sempre più voti e raggiunse il 32% nel novembre 1932. Insieme ai comunisti, il NSDAP aveva esattamente il 50% dei seggi al Reichstag. C'era solo da scegliere tra due mali: Hitler o i comunisti tedeschi di Stalin. Hitler divenne cancelliere nel 1933, in una coalizione con alcuni partiti democratici di centro. La democrazia fu strangolata alle urne. Questa lezione della storia è stata dimenticata.

Ingenuamente, molti politici credono che l'economia funzioni praticamente da sola. La opprimono con tasse elevate e burocrazia. Alcuni credono che la politica debba controllare l'economia in qualche modo.

La sinistra continua a propagandare una sorta di economia socialista, anche se questi modelli sono totalmente falliti in tutti i 50 Stati socialisti del mondo e sempre negli ultimi 100 anni e sono finiti nella miseria per il popolo e nella buona vita per l'élite socialista solo in una dittatura non democratica. Albert Einstein avverte giustamente: "Non si può fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi".

Il giusto equilibrio tra il freddo turbocapitalismo e il micidiale socialismo è stato raggiunto dall'economia di mercato di Ludwig Erhard. Economia sociale di mercatoinventata in Germania. Essa concilia in modo esemplare il capitale con il lavoro. Un modello tedesco di successo dal 1949.

Sono necessari salari equi e profitti equi, nonché la libertà delle imprese di prosperare.

 

Regola 9

Fare politica attiva per tutti, per tutto il popolo. Non concentratevi solo sui problemi delle minoranze. Bilanciate la vostra attenzione pubblica.

Quando la politica si concentra troppo sui problemi e sui diritti di piccoli gruppi piuttosto che su quelli di una popolazione più ampia, perde credibilità, attrattiva, consenso ed elettori.

Questo vale anche per i media, che spesso dimenticano di riferire anche i problemi non secondari di milioni di persone. Fanno eco a ciò che pensa e vuole la piccola élite urbana, dimenticando le campagne e le piccole città dove vive la maggioranza.

Questo vuoto di politica e di consapevolezza alimenta frustrazioni e populismi. È il loro ossigeno. Troppe persone si sentono abbandonate. I partiti al governo e l'opinione pubblica non prendono sul serio i loro problemi reali e le loro paure.

Questo è stato evidente nell'analisi elettorale di Trump contro Clinton nel novembre 2016. Il "paniere dei deplorevoli" (Hillary Clinton, 9 settembre 2016) degli Stati Uniti ha sentito le proprie paure dimenticate. Dalle élite di Washington DC e dai media. Lì dominava la promozione dei diritti delle minoranze. Si sono arrabbiati e hanno cercato un salvatore. In massa sono corsi da Donald Trump e hanno formato il MAGA.

Questo errore di base non deve essere ripetuto.

 

Regola 10

Stop alla cultura della cancelleria - La libertà di parola è la base fertile della nostra democrazia.

Il clima politico è sempre più avvelenato, perché i più rumorosi e radicali spingono in secondo piano le persone ragionevoli e pragmatiche e deridono coloro che la pensano diversamente. Questa tendenza è rafforzata dai social media. Alcuni promuovono addirittura una cultura della cancellazione come dittatura contro la libertà di parola.

Questo indebolisce le basi delle nostre democrazie.

Chi tiene conto degli interessi della popolazione del Paese rimanendo in silenzio? Chi osa ancora parlare apertamente come un normale cittadino di ciò che pensa veramente? La cosiddetta "spirale del silenzio" della professoressa Elisabeth Noelle-Neumann, fondatrice dell'Istituto di ricerca sull'opinione pubblica di Allensbach, in Germania, è intatta. Si dice solo ciò che si pensa di poter dire con sicurezza. La gente tace sempre di più sui problemi più urgenti.

Questo sviluppo sta avvelenando le fondamenta delle nostre democrazie. Il dialogo è stato soffocato. I divieti alla libertà di opinione, alla discussione aperta e alla libertà di parola sono strumenti totalitari che avvelenano il nucleo della democrazia e suonano la campana della schiavitù.

La politica dà luogo anche a una guerra religiosa dominata dall'ideologia.

Ciò non è compatibile con la necessità di una discussione aperta. Il discorso democratico viene così deragliato. Occorre invece la massima apertura e il rispetto delle convinzioni altrui.

Sono necessarie discussioni aperte e opinioni dissenzienti.

In netto contrasto con la vecchia politica incrostata, l'etica della democrazia e il sacro fuoco del libero dibattito devono essere coltivati con particolare attenzione.

Questo include una cultura della discussione aperta e onesta. Rispetto per le altre opinioni, rinuncia ai pregiudizi e alla propaganda dell'odio.

 

Regola 11

Abbiamo bisogno di più dialogo, la lingua madre dell'umanità. Perché ci aiuta a trasformare i nemici in avversari e gli avversari in nuovi amici.

Dialogare non solo con chi la pensa come noi nella nostra "bolla comunicativa", ma anche con chi esprime opinioni politiche diverse.

Nessun divieto di pensiero, discussione e parola. Vale la pena parlare con persone che la pensano diversamente. Il dialogo rafforza la nostra democrazia e unisce i popoli.

L'opinione prevalente promuove l'esclusione. Ignorare. Non invitare. Una lotta senza quartiere contro "la destra" o "la sinistra". Il dialogo, indispensabile per l'umanità, non ha quasi mai luogo. Politici, giornalisti e cittadini impegnati si allontanano sempre più dalla saggezza dell'Illuminismo e preferiscono troppo spesso la dittatura della propria opinione. Questa si chiama propaganda.

Lo zelo distrugge l'humus della discussione, del compromesso e del rispetto per le opinioni altrui. Non abbiamo bisogno di una nuova inquisizione, di una propaganda dell'odio o di nuovi roghi di libri, ma di più dialogo e di una rilassata apertura nei discorsi. Dobbiamo semplicemente parlare di più tra di noi e non escludere chi la pensa diversamente. Non c'è alternativa. C'è bisogno di più ossigeno per la democrazia.

Peggio ancora, questa mentalità da bunker consolida opinioni radicate. Come cavalieri, difendono la loro posizione, che può essere sbagliata e superata. Non si impara più, ma si venera la propria fede come un Santo Graal. Ma questo è l'inizio della fine, perché la politica è sempre fatta da persone che possono sbagliare. I piani fatti ieri possono essere sbagliati dopodomani.

La politica degenera in un'aspra guerra di fede che mira a uccidere l'avversario con le parole, e in seguito forse da parte degli estremisti anche con i fatti. La democrazia, finora aperta alle opinioni, muta così subdolamente in una democrazia strisciante e a un certo punto, e da qualche parte, anche in una vera e propria dittatura sanguinaria, perché i presunti buoni fini giustificano questi mezzi.

Spesso questo approccio radicale fallisce e rende i populisti ancora più forti. Lo abbiamo visto nell'America di Trump e in Europa.

Più promettente è un dialogo intenso.

Per queste sette ragioni, il divieto di pensare, discutere e parlare o il rifiuto di impegnarsi nel dialogo sono pericolosi per qualsiasi democrazia:

 

  1. Il discorso democratico è avvelenato. Ma la nostra democrazia prospera grazie allo scambio di opinioni diverse. Questo è il cuore della democrazia.
  2. Se volete convincere o vincere, dovete conoscere meglio il vostro avversario e capirlo.
  3. Il rifiuto del dialogo ha portato spesso nella storia all'esclusione, poi alla persecuzione e infine all'annientamento di chi la pensa diversamente. Un pericoloso scivolamento dalla democrazia alla dittatura.
  4. Abbiamo argomenti migliori. Perché non impegnarsi nella battaglia del dibattito intellettuale? Impariamo sempre. Siamo aperti e rilassati.
  5. Abbiamo la possibilità di trasformare i nemici in avversari e gli avversari in amici. Non sarebbe meraviglioso? Perché rinunciare a questa opportunità?
  6. Non si tratta tanto degli avversari quanto dei loro sostenitori ed elettori. Possiamo far loro cambiare idea solo se parliamo con loro, se ascoltiamo le loro preoccupazioni e se li facciamo sentire presi sul serio.
  7. Potete semplicemente capovolgere questo meccanismo, diventando voi stessi la sua vittima. Il metodo del rifiuto del dialogo è pericoloso perché può colpire chiunque.

Per questo motivo dobbiamo sempre ascoltare i nostri avversari politici e persino i nostri nemici e i loro sostenitori. Dobbiamo considerare seriamente le loro argomentazioni.

Dobbiamo parlare con tutti e sviluppare e mantenere la capacità di dialogo nella democrazia. Questo è un compito che spetta ai politici, ai media e a tutte le organizzazioni.

 

Regola 12

Più coraggio per prendere decisioni e rinunciare ai rituali di rifiuto abituali.

Troppo spesso i politici o i funzionari pubblici si rifiutano di assorbire, discutere e comprendere le nuove idee. Vengono presentate febbrilmente controargomentazioni poco convincenti. I nuovi pensieri creativi vengono diluiti e sminuiti fino a ristabilire lo status quo ante.

 

 

 

Regola 13

È necessario un dibattito e una pianificazione intensivi.

Il primo cancelliere tedesco Otto von Bismarck (1815-1898) ha osservato una volta:

"Meno la gente sa come vengono fatte le salsicce e le leggi, meglio dorme".

Come si pianifica oggi la politica?

Non c'è quasi mai una buona pianificazione iniziale seguita da aggiustamenti creativi, tempestivi e critici. Spesso manca l'urgenza. I problemi vengono descritti, ma le opzioni e le soluzioni non vengono quasi mai sviluppate e analizzate seriamente. Si può parlare di superficialità e sciatteria. O ignoranza. In ogni caso è irresponsabile.

 

Regola 14

Riforme rapide e perpetue.

In un mondo globalizzato tutto progredisce a un ritmo veloce. Di conseguenza, i programmi di partito inflessibili e vaghi, dominati da un pensiero velleitario, sono superati. Sono necessarie procedure flessibili e ampie riforme dinamiche con una pianificazione intensiva e a lungo termine, pragmatismo, realismo, creatività e velocità: Un "Mission Future" nazionale a tutto tondo da parte di chi crea il futuro: Abbracciare, plasmare e vincere il futuro.

 

Regola 15

Rapporti di attività e riadattamenti.

Abbiamo bisogno di rapporti annuali di attività su questioni importanti, che rafforzino l'impegno dei ministeri per il coordinamento, la chiarezza e la verità.

Questo a sua volta creerebbe trasparenza e permetterebbe un controllo democratico.

È fondamentale un adattamento flessibile e rapido degli organi amministrativi alla realtà. Ciò richiede chiarezza e coordinamento.

 

 

Regola 16

Stabilire priorità a lungo termine invece di gestire crisi di breve durata.

La gestione delle crisi a breve termine non è più sufficiente. È invece necessario un approccio strategico a lungo termine. Questo è essenziale per politiche valide e solide che possano rendere il nostro mondo un posto migliore a lungo termine.

Inoltre, concentrarsi sulle crisi a breve termine fa passare in secondo piano, o addirittura trascura, importanti questioni popolari.

Abbiamo bisogno di priorità a lungo termine per tutte le questioni più importanti, piuttosto che di una frenetica gestione delle crisi su temi di moda.

 

Regola 17

Stabilire la concordanza pratica dei desideri dei cittadini.

Le persone vogliono molte cose e diverse. Cambiano spesso le loro opinioni e priorità. Sono fallibili, buoni e cattivi. È un dato di fatto.

Le politiche del futuro non devono essere illusorie e basate sul bene delle persone, perché sono destinate a fallire. Non è sufficiente definire le politiche con il cuore.

Inoltre, la politica non deve concentrarsi solo sulle cause delle minoranze, trascurando i problemi della maggioranza. Tutti i cittadini sono in definitiva minoranze in diversi gruppi. Questo fatto richiede una politica armoniosa che tenga in debito conto tutti i gruppi.

È inoltre necessario che tutti i settori della politica lavorino insieme, non concentrandosi solo su alcune questioni di attualità.

 

 

 

Regola 18

I politici devono essere più onesti e umili.

Noi esseri umani non possiamo sapere tutto. Non siamo fatti per questo. L'oceano della conoscenza è troppo grande e sta diventando sempre più grande.

Ma c'è il "superuomo ", il politico. Si dice che i politici eccellenti abbiano poteri miracolosi. Sanno e possono fare tutto e lo fanno meglio di chiunque altro. Una favola politica moderna per i cittadini. Il residuo della grazia divina dei re e dei sudditi che governavano un tempo.

Tutti sbagliano, ma a quanto pare i nostri politici no. Sono veri e propri superuomini e superdonne, una sorta di Batman o Spiderwoman. La credibilità, l'ossigeno delle nostre democrazie soffre sotto questa leggenda.

Dobbiamo smascherare questa convinzione errata e messianica per quello che è: pura assurdità. Si può entrare bene negli argomenti, ma nessuno può sapere tutto. La conoscenza dell'umanità è troppo grande per questo, e le dinamiche mondiali sono troppo veloci.

È ora che i nostri politici dicano: "Non lo so".

I media devono abbracciare questa nuova onestà.

La nuova cultura della discussione dovrebbe includere anche la frase: "Scusate, mi sono sbagliato e oggi lo so meglio". Quando è stata l'ultima volta che avete sentito questa frase da un politico?

 

Regola 19

Politici migliori e un'élite responsabile.

Per una politica sana, abbiamo bisogno di molti uomini e donne energici, con carattere, volontà di pensare con la propria testa, gioia di riprogettare, umanità, creatività, coraggio e ottimismo. Con una musicalità interiore per la politica. Inoltre, con conoscenze ed esperienze al di fuori dell'irreale bolla politica.

In una democrazia vivace i partiti devono essere meno un ascensore di carriera. Abbiamo bisogno di più critiche, di un processo decisionale dal basso verso l'alto e di non avere più i vecchi paraocchi.

Appartenete all'élite se siete ricchi, nobili o famosi? Forse. Ma in realtà l'élite comprende tutte le persone che possiedono capacità speciali. L'élite ha obblighi speciali nei confronti della comunità, secondo il vecchio slogan "noblesse oblige" - la nobiltà (l'élite) obbliga.

In altre parole, non ci si adagia sugli allori o si sperpera egoisticamente il denaro per attività private, ma si partecipa attivamente alla creazione di un futuro migliore per il popolo.

Abbiamo bisogno di una nuova élite che si assuma le proprie responsabilità in ogni Paese. Sono fondamentali per una politica sana.

 

Regola 20

Porre fine al culto del leader. Squadre eccellenti.

La fissazione della maggior parte dei sistemi politici su un Grande Leader capace di sapere e capire tutto, senza limiti di tempo per il suo governo, ricorda in modo spaventoso l'ingenua fedeltà al re dei nostri bisnonni nel XIX secolo. Sembra grottesco e pericoloso.

La nuova politica ha bisogno di una squadra competente, creativa e impegnata, non di un re sostituto a cui rendere omaggio come sudditi.

Non abbiamo bisogno di un nuovo leader, ma di una squadra forte e di ampio respiro, composta da persone che si muovono e agiscono con talenti diversi che si completano a vicenda.

 

 

Regola 21

L'ottimismo è un dovere. Annullare il giorno del giudizio.

Possiamo plasmare il futuro in modo positivo con il pensiero del giorno del giudizio? La paura è lo strumento di tutti i totalitari. La storia dimostra chiaramente che il pensiero negativo porta alla paura, ad azioni affrettate e a un'aggressività polarizzante. Crea una visione a tunnel, distrae da altre questioni importanti e demotiva i cittadini. L'ottimismo è quindi un dovere.

Regola 22

Istituzionalizzare i motori della creatività.

Il cuore di una politica 4.0 di successo è l'attivazione rapida e completa della creatività a tutti i livelli di elaborazione delle politiche, compresi partiti, parlamenti, governi e amministrazioni.

L'apertura permanente ai nuovi sviluppi è la linfa vitale di democrazie vivaci. È l'unico modo per raggiungere i grandi progressi necessari per rivitalizzare le democrazie in tutto il mondo. Non può esistere una politica sana e sostenibile senza creatività. La creatività è la carta vincente. Se manca, la democrazia fallisce.

Dobbiamo quindi inserire nell'impresa politica forti motori di creatività e rompere il blocco tradizionale contro la gestione e l'utilizzo dei nuovi sviluppi.

 

Regola 23

Garantire la massima libertà per una politica sostenibile in materia di diritti umani.

La libertà e il rispetto dei diritti umani sono fondamentali. Entrambi sono elementi fondamentali dell'umanità, la pietra angolare di una politica migliore e della pace sulla terra.

Se vogliamo preservare un mondo umano per la sopravvivenza delle democrazie e della libertà, l'ossigeno politico per tutti noi, dobbiamo perseguire una politica attiva ed efficace in materia di diritti umani e di libertà sia all'interno che all'esterno. Tendiamo a commettere un grosso errore: Diamo per scontata la libertà, come se fosse l'aria che respiriamo. In realtà, potremmo perderla gradualmente se non lottiamo ogni giorno per la libertà.

La politica 4.0 deve salvaguardare le libertà e i diritti umani in patria e promuoverli all'estero.

 

Regola 24

Rischio di maggiore democrazia.

Installate la nostra Rete della Democrazia Mission Future per avere ampie discussioni con i membri del vostro partito e con migliaia di persone.

L'Islanda e Taiwan sono le migliori pratiche per integrare meglio i cittadini. L'uso di Internet per collegarli alla politica è un nuovo strumento di discussione e partecipazione più democratica.

Abbiamo sviluppato una rete per la democrazia all'avanguardia Mission Future - i dettagli sono qui.

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

6 - FONTI E PARTNER PRINCIPALI

Il nostro elenco Mission Future di eccellenti fonti e partner globali da cui imparare e con cui entrare in contatto.

Estonia

Indice Legatum 2023

Danimarca

Mette Frederiksen, Immigrazione realistica ed equa: Una politica per unire la Danimarca, 27 maggio 2019

Svezia

Uffici governativi della Svezia, La nuova politica migratoria della Svezia

Taiwan

vTaiwan

Islanda

Meglio Reykjavik

Germania

Unione europea, Konrad Adenauer. Un democratico pragmatico e un unificatore instancabile

Leggi di più!

Unisciti alla nostra esclusiva rete globale Mission Future per il tuo tema importante.

Questa innovativa cassetta degli attrezzi vi mette al corrente delle migliori pratiche e vi aiuta a fornire soluzioni all'avanguardia e creative a casa vostra senza ritardi.

Manuali d'azione correlati